[Kaos Live Report] Brujeria + Coloss + Galera @Traffic Live Club – 02/12/16

0

Quella di venerdì 2 dicembre è stata una serata non adatta ai deboli di cuore presso il Traffic Live Club di Roma, che ha visto il ritorno dal vivo nella capitale di una delle death-grind metal band più pesanti (letteralmente) di sempre, i messicani Brujeria (“stregoneria”, in spagnolo) con il loro nuovissimo “Pocho Aztlan”, il quarto album in studio di una band con alle spalle più di vent’anni di attività e moltissimi cambi di formazione; Le band d’apertura, Coloss e Galera sono state all’altezza della serata preparando il pubblico a ciò che è stato un “massacro”.

Tuttavia sembra decisamente minima la differenza con i precedenti lavori: una ritmica gonfia e micidiale, senza alcun fronzolo né virtuosismo, accompagna le voci che tra continue ringhianti allusioni a droghe, sesso e violenza non trascurano l’impegno politico, che da sempre caratterizza la band e che tocca anche argomenti importanti come l’immigrazione, il razzismo e il narcotraffico.

Il risultato è una presentazione dal vivo veramente ben riuscita, in cui i nuovi brani si amalgamano perfettamente con i vecchi: l’impronta “politica” dei Brujeria gli permette infatti di cavalcare l’onda dell’attualità e di affiancare brani di 20 anni fa come “Anti-Castro” o “La Ley de Plomo” al singolo del 2016 “Viva Presidente Trump”, mantenendo una continuità eccezionale sia a livello sonoro sia a livello tematico e riscuotendo, ovviamente, la piena approvazione del pubblico; il tutto condito da un’esecuzione impeccabile, come d’altronde ci si aspetta da una band del genere.

Ma, soprattutto, la band messicana, portataci dalla No Sun Music, ha regalato al pubblico del Traffic uno show davvero molto divertente e coinvolgente: volto coperto, machete alla mano e bandiere messicane al vento, i Brujeria esaltano ancora i propri fan con una esibizione dal vivo di inaudita violenza, una violenza però particolare, non fine a se stessa, ma dalle tante sfaccettature.

Giorgio Sorani