Clan Of Xymox @Traffic Roma 29/03/2019

0



Da spettatori assidui del Traffic non siamo mai sorpresi di passare gran belle serate all’insegna dell’ottima musica nel locale capitolino. Una tendenza confermata – alla grande – questo venerdì 29 marzo…

Definire un nomo storico del dark/gothic i Clan of Xymox è quasi riduttivo. La formazione nata agli albori degli anni ’80 continua a sfornare dischi e calcare i palchi internazionale sempre accolta dal calore di fan di vecchia data e nuovi adepti. Ma non c’erano solo loro in questa serata live organizzata da Metamorphosis Club, partiamo dall’inizio!

Aperta e inframezzata dal sempre ottimo e trascinante set di DJ Chemnitz, la serata entra subito nel vivo con le due ottime anteprime.

Eugene sale sul palco e il suo talento e potenza riempiono subito la sala del Traffic che poco a poco inizia a gremirsi. L’artista di stanza a Roma vanta una lista di collaborazioni e presenze live internazionali davvero invidiabili e l’ultimo singolo pubblicato, Radiowave (in combutta con Garbo e Andy dei Bluvertigo), come di previsto è balzato in testa alle chart. La sua è synth-wave ben innestata nei capisaldi del genere, ma non lesina interessantissimi spunti personali. Sul palco è circondato dalle fedeli macchine, e la forza della sua produzione scalda subito a dovere tutte le anime dark presenti. Ora è’ il turno dei The Arch, from Belgium!

Anche loro hanno da pubblicato da poco imperdibile: Cadaver Synod con. Blaine L. Reininger dei TUXEDOMOON. E qualora non li conosciate, mi permetto di segnalarvi la splendida biografia (anche se è più vicino ad un manifesto/poema) che hanno sui loro social: a dir poco indicativa.

Friends before a band.
Passion before anything else.
Small town roots. Big ambition.
Love your heroes. Kill your darlings.
Never settle.
Sweat. Work. Delete.
Search. Find. Repeat.
Obsess. Discuss. Release.
Get snobbed. Get misunderstood. Get underground.
Dissapear. Come back. With a vengeance.
Conquer the world. One devoted fan at the time.
Heroes abroad. Aliens at home.
Love music. Love live.
ROCK THE MACHINES. RIDE THE WAVE.
Give goosebumps to the electronic body.
Angelic voices. Tortured screams.
Ripping riffs. Organic synths. Burning beats.
Deep reflections cloaked in black.
Shine a light on darker souls.
Give everything you’ve got.
Get even more in return.
Grow for 30 years.
Don’t get big.
Don’t care.
Don’t change.
Don’t stop.
If we’re in, we wanna be out,
if we’re out, we wanna be in.
Yesterday. Today. Tomorrow. WE ARE THE ARCH.

Sul palco salgono CUVG al centro del palco, microfono ben stretto, con ai lati i chitarristi Ivan DC e Mr. Pierre. Intenso e coinvolgente, non potevi esserci guest più adatta per questa serata.

Ormai è quasi mezzanotte e tutto è pronto per l’arrivo degli attesissimi Clan of Xymox! Traffic ovviamente strapieno e grande boato appena Ronny Moorings sale sul palco imbracciando la sua chitarra elettrica. Con lui il fidato Mario Usai al basso e Sean Göbel – “crestato” e scatenato – alle macchine e synth e Daniel Hoffmann accanto. L’occasione per rischierarsi sotto palco è il Days of Black Euro Tour 2019, dal nome dell’ultimo lavoro discografico del gruppo. Un gruppo che nonostante il passare delle decadi, non accenna a perdere minimamente spazio nel cuore dei fan dark-goth e degli addetti ai lavori, come dimostra il gradimento e l’entusiasmo che accoglie puntualmente ogni disco della band e tour.

Si alternano nella scaletta brani dell’ultimo capitolo discografico e i grandi classici. Days of Black e la trascinante Loneliness si alternanno alle amate protagoniste femminili di Jasmine and Rose da Creatures del ’99, Emily e
Hail Mary, entrambe da In love we trust. La resa live è ottima e la band una volta recepito il calore del pubblico si lascia trascinare dal mood.
Moorings interagisce spesso con il pubblico, dispensando anche complimenti sullo splendore della Capitale. Your Kiss, Going Round, Back Door si susseguono senza sosta e non si può dire che i
Clan of Xymox si risparmino dal vivo: saranno ben due i ritorni sul palco una volta concluso il primo set, per la gioia di tutti i fan presenti e gli amanti della bella musica in generale!