[Waiting For] Ariano Folk Festival 2016 – Mexitage 18-22/08/2016

0

Come ogni anno ad Agosto, torna l’Ariano Folk Festival, uno dei più importanti festival europei per quanto riguarda World Music, Cinema ed Enogastronomia. Radio Kaos Italy sarà presente ad Ariano Irpino come radio ufficiale del Festival per permettere a chiunque di assaporare l’AFF anche da casa propria con dirette giornaliere sul suolo irpino. Di seguito riportiamo il programma dell’Ariano Folk Festival 2016 a tema “Mexitage”:

“Quattro continenti in cinque giorni, con la voglia di aprirsi sempre di più a culture diverse e lontane in nome della ricerca e della qualità artistica. Il viaggio della XXI edizione di Ariano Folkfestival, dal 18 al 22 agosto in Irpinia, inizia in America e attraversa tappe virtuali in Asia e Africa, per chiudersi simbolicamente in Europa con il concerto di Daniele Silvestri che presenta in Campania il suo acclamato e ultimo album “Acrobati”.
Tra i più interessanti appuntamenti europei dedicati alla world music, Ariano Folkfestival torna con una parola d’ordine che ben rappresenta lo spirito che lo caratterizza da sempre: Metixage. Musiche del Sud e del Nord del mondo si incontrano in questa terra di confine posizionata tra Campania, Puglia e
Basilicata, per trasformare in ricchezza e integrazione la grande varietà di musica e culture. Un incrocio di
mondi e di sensibilità pronto ad ospitare, oggi più che mai, artisti provenienti da ogni parte del globo, dalla
cubana La Dame Blanche ai portoghesi Terrakota, passando per i leggendari ottoni albanesi della Fanfara Tirana e i ritmi dell’argentina Fanfarria del Capitan, fino ad arrivare alle israeliane di origine yemenite A-Wa.
Come sempre, protagonista di Ariano Folkfestival non sarà solo la musica ma anche il cinema, l’arte e
l’enogastronomia, nella convinzione di arricchire gli spettatori con un’esperienza a 360 gradi che non si
limiti ai concerti. Anche quest’anno continua la stretta collaborazione con l’associazione Mesali e con la
condotta locale di Slow Food. Gli stand gastronomici all’interno delle aree del festival saranno curati dai migliori chef irpini che aderiscono all’associazione Mesali. Ecco allora che le giornate si alterneranno tra lezioni di yoga e disegno, scacchi e teatro, senza dimenticare gli appuntamenti con la musica elettronica che si prolungheranno fino a tarda notte.

ariano-folkfestival-2016-programma-radio-kaos-iatly-rki

PROGRAMMA:

– 18 agosto
(Folkstage)
La Dame Blanche (Cuba)
XIXA (Usa)
Systema Solar (Colombia)

– 19 agosto
(Folkstage)
A-WA (Israele/Yemen)
TERRAKOTA (Portogallo)
DJ.Panko Eletrorumbaiaio (Spagna)

– 20 agosto
(Auditorium comunale)
Ore 18:00 Live Angelo Debarre (Francia) Meets Miraldo Vidal
Ingresso 10,00€ (Evento Off)

(Folkstage)
Davide Van De Sfroos (Official) (Italia)
The Reggae Circus di Adriano Bono (Italia)
Pat Thomas & Kwashibu Area Band (Ghana)

– 21 agosto
(Folkstage)
Ore 13:00 Live Chico Trujillo (Cile)
Ingresso Libero

(Folkstage)
La Fanfarria del Capitán (Argentina /Spagna)
Fanfara Tirana meets Transglobal Underground (Albania / Uk)
Dj Luca Vaga (Italia/ Germania)

– 22 agosto
(Folkstage)
Nosenzo (Italia)
Daniele Silvestri (Italia)
Lord Sassafrass (Spagna)

€ 8,00 – Ingresso giornaliero dal 18 agosto al 21 agosto
€ 18,00 + dp – Ingresso per il 22 agosto Daniele Silvestri
€ 35,00 – Abbonamento per tutto il festival (in omaggio una t-shirt AFF)

Da oggi RKI ha il suo “Wall interattivo”!

0

Dopo l’inaugurazione del nuovo allestimento della sede non finiscono le novità,
da oggi abbiamo un Wall interattivo!

Avete Twitter? Cinguettate inserendo l’hashtag ‪#‎radiokaositaly

Avete Instagram? Hashtaggate ‬sempre con ‪#‎radiokaositaly

e finirete nella nostra TweetWall in sede!

E se proprio non riuscite a passare per vederla dal vivo, collegatevi a questo sito << QUI >>

Siamo o non siamo la miglior WEBRADIO d’Italia!?!?!?!

[AffLiveReport] Dead Combo, Sergio Mendoza Y La Orchest, Calexico & Dj Scratchy – Final Report

0

ARIANO FOLKFESTIVAL@23AGOSTO
di SIMONE MERCURIO (IndieLand)

Quattro giorni indimenticabili, musica, lacrime e sorrisi in questo straordinarioo ventesimo
ArianoFolk Festival. Numeri importanti, oltre cinquemila presenze a serata per una rassegna
che è ormai una realtà internazionale stimato e apprezzato dai musicisti e dal pubblico
numerosissimo. Una pacifica e festosa invasione quella di giovani da tutte le parti d’Italia e non
solo. Accorsi ad Ariano Irpino al seguito delle loro band, dalla Sicilia, da Roma, dalla Puglia, e
qualche accento dal Portogallo, dal Messico, dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna ci è
sembrato di udirlo. Magia e potenza della musica SENZA frontiere.
Lo stupore e la forza di Barry Myers il mitico dj dei Clash letteralmente conquistato da Ariano e
dalla nostra “kool gang Radio Kaos” come ci ha definito, che conclude la lunga notte tra il 23 e
il 24 agosto lanciando dal palco le ambitissime tshirt di Radio Kaos Italy. Siamo in contatto con
lui e chissa che il suo Scratchy Sound non entri a far parte della Kaos family.
L’atteso live degli americani Calexico infiamma il pubblico dell’ultima serata con il duo Burns-
Convertino che si mischia e fonda con Sergio Mendoza Y Orkesta. L’apertura dell’ultima
serata alle 22 è molto d’atmosfera, quasi teatrale con i due portoghesi dei Dead Combo che
sono una bella scoperta e sorpresa per tanti. Seduti uno di fronte all’altro Tò Trips e Pedro V.
Gonçalves sciorinano una serie di brani fortemente d’atmosfera tra i suoni spaghetti western di
morriconiana memoria e Tarantino, mischiando il fado di Lisbona, città dal quale sono originari
i due, agli eco messicani e a slanci blues. Il richiamo alle santerie tipiche delle terre texmex è
anche nella scenografia scelta. Una sorta di macabro e colorato altare fatto di teschi colorati su
tappeto rosso è un richiamo esplicito alle usanze ancestrali tipiche del culto popolare
centramericano. Il pubblico è rapito dalle atmosfere dei due, lo spazio di Piazzale el Calvario si
va riempiendo e si accendono i due palchi.

dead combo

Inizia la festa con Sergio Mendoza cantante e frontband con la sua Orkesta, tastierista invece dopo
con i Calexico. La strategia dei due palchi uno di fronte all’altro è vincente per questa ventesima
edizione dell’AFF. Annulla di fatto le attese e i buchi musicali all’interno di serate multishow in
rassegne come questa. Palchi e relative regie sono speculari e primi di un concerto, quelli sotto al
palco per intenderci, diventano immediatamente ultimi nello show successivo. Così succede dopo i
Dead Combo con Sergio Mendoza, sonorità mambo texmex e grande appeal col pubblico che si
scalda, agita e poga le sonorità festaiole della formazione americana “di frontiera”.
Frontiera quella a cavallo tra Usa e Messico, affascinante, ricca di vita, storie, problematica ma
anche ricca di suoni e culture meticce. Frontiera, è il titolo tematico che questa ventesima edizione
dell’AFF per la prima volta in due decenni ha deciso di darsi. Scelta vincente quella del direttore
artistico Francesco Fodarella che dal palco salutando, ringraziando e presentando i Calexico
rivendica con forza:“Siamo contro i muri, contro le barriere. Fisiche e culturali. Siamo per
l’accoglienza, per le culture che si intrecciano e creano nuove culture con le radici, i piedi ben
piantati nelle terre di origine, ma con la testa al mondo. Questo è il pensiero dell’Ariano Folk
Festival!”. Applausi. E l’atteso show dei Calexico non delude. Già dal pomeriggio avevano allietato
la popolazone di Ariano che ascoltava da casa le loro prove. Chi si trovava invece nel piazzale già
dal primo pomeriggio per “lavoro” come noi della radio ha anche goduto di un minishow per pochi
eletti di cui vi rediamo partecipi qui:

L’interazione dei Calexico con l’orchesta Mendoza è forte e il duo Burns-Convertino con una
strepitosa formazione di musicisti sul palco alterna rock, psichedelia, citazioni dai Joy Division,
impennate di fiati messicani, e sonorità decisamente popolari in terra centramericana. Lo show
della band di Tucson in Arizona, inizia a mezzanotte e mezzo e termina oltre due ore dopo. Una
scaletta lunghissima e una festa di musica per la degna conclusione di una straordinaria
ventesima edizione. Conclusione? Beh ecco che arriva il mitico Scratchy sul palco e l’ultima
notte del ventesimo AFF si fa davvero piccola….

chiusura

[AffLiveReport] Tinturia, Bassanese & Mascarimirì @Ariano FolkFestival 22/08/2015

0

“Questo è un festival meraviglioso, fatto da gente che ama davvero la bella musica!” urla Lello Analfino al termine dello show con i suoi Tinturia che hanno aperto lo la terza serata musicale di questo ventesimo Ariano Folk Festival. Dalla Sicilia, Raffadali per la precisione, un’ora e mezzo di spettacolo per la band agrigentina che da il via a una serata qui ad Ariano fatta da una terzetto di artisti tutti italiani. A seguire infatti si alterneranno sui due grandi palchi della rassegna, Luca Bassanese e la sua Piccola Orchestra Popolare e i salentini Mascamirirì sul palco affiaccanti dai francesi di Nizza Nux Vomica.
Ma andiamo con ordine per raccontare questa giornata numero tre del festival.

APERIWORLD

Nonostante si sia tirato fino ore piccolissime nella notte precedente (non pochi sono tornati a dormire all’alba) a mezzogiorno erano già in tanti a Piazza del Plebiscito per il gustoso appuntamento con l’Aperiworld, tante leccornie e drink accompagnati da ben tre dj set d’eccezione. Dal Luca Morino aka Fitzcarraldo dei Mau Mau con una sequenza di brani mixati con due vecchi giradisci e altrettante casse acustiche d’annata. Per lui un’ora di djset fuori dall’ordinario con musica classica, tra opera, operetta e musica sinfonica. Chi avesse acceso Radio Kaos Italy in quel momento avrà sicuramente dubitato di essere realmente collegato con noi. Al’interno dei djset dell’ora di pranzo anche Salitre&Sassafras Soundsistema dalla Spagna e Wooho Revue dall’Australia.

BOOKZONE

Piccola pausa postprandiale – ci scommettiamo che molti siano andati a recuperare un po’ di sonno, e alle 17 iniziano i souncheck delle band della sera, mentre ci rechiamo alla BookZone dove il giornalista del Tg2 Andrea Covotta, nativo proprio di Ariano, presenta il libro di Nicola Savino “23 novembre 1080: il dramma , l’incanto, il disincanto. Un’occasione mancata” saggio/reportage sull’indimenticato terremoto irpino del 1980.

DJ SCRATCHY: Dai Clash a Radio Kaos Italy

Sono le 20 quando nella postazione di Radio Kaos Italy ospite graditissimo e d’eccezione arriva Barry “Scratchy” Myers meglio conosciuto come il “dj dei Clash”, perchè nel periodo 1978-1980 apriva tutti i concerti dei Clash, e in quel periodo partecipava a tante serate che si tenevano a Londra. Nel suo curriculum, tra gli altri, Ramones, The Cramps, Blondie, Iggy Pop, Dr Feelgood, Jon Spencer Blues Explosion, The Pogues, fino al 2002 quando ha fatto il “tourdj” nell’ultima tournèe di Joe Strummers and the Mescaleros. Dal 2006 collabora con i Gogol Bordello. Bene, Dj Scratchy questo personaggio fantastico e lunare, un signore sessantenne londinese più giovane di tanti giovani, sorridente e disponibile vede la postazione della nostra radio e si è illuminato. “Wow Kaos Radio!” ha esclamato, indossa la nostra maglia e parte per un’ora scatenata di djset speakerato sull’impronta con cui lo stesso Myers ha condotto per sette anni in una webradio newyorkese un programma dal titolo “Scratchy Sound” che oggi in diretta streaming e dal vivo ha anticipato la terza serata musicale del’Ariano Folk Festival. E chissà se Scratchy nella nuova stagione di Radio Kaos….
Intanto vi facciamo ascoltare un pezzo del Live-set che ci ha regalato!

LIVE: TINTURIA

Lo ska/rock/pop divertente, divertito e socialmente impegnato dei Tinturia come anticipato ha aperto la serata live. “La musica penso possa fare molto per cambiare in meglio questa società” ci ha detto Lello Analfino durante l’intervista nella postazione di RKI “I Tinturia sono sempre stati al fianco delle battaglie dei lavoratori, degli ultimi dagli immigrati, i cosiddetti extracomunitari – termine che trovo orribile perchè escludente – giovani, ragazzi, famiglie che scappano dalle guerre, dalle sofferenze della loro terra per cercare una vita più dignitosa” continua all’interno di una interessante intervista che potete ascoltare all’interno delo spazio podcast dell’Ariano Folk Festival sul sito di RKI. Il live dei Tinturia è travolgente, Lello canta e salta da grande animale da palcoscenico. Le incursioni del rapper Andrey Re donano un ulteriore tocco internazionale alla musica di un’ottima showband che canta quasi sempre in dialetto siciliano e che in terra di Trinacria è una istituzione da anni ormai, ben prima che il quintetto agrigentino sfondasse a livello nazionale grazie alle musiche per le colonne sonore dei film di Ficarra e Picone.

Gustatevi la nostra intervista:

LIVE: LUCA BASSANESE & PICCOLA ORCHESTRA POPOLARE

Cambio di paco e Luca Bassanese e La Piccola Orchestra Popolare letterlamente “infiammano” il numeroso pubblico, mai così coinvolto e danzante come durante l’esibizione dell’esplosivo cantautore vicentino. Un vero e proprio circo musicale quello di Bassanese, un insieme di richiami musicali che spaziano dalle sonorità balcaniche alla pizzica fino alle musiche felliniane di Nino Rota, a De Andrè, Celentano, Carosone, Capossela. “Si le mie influenze sono decisamente quelle – ci confessa Bassanese ai microfoni di RKI stanco ma soddisfatto al termine del suo show – Faccio una musica terrona anche se sono veneto, mi piace anche dare il mio contributo sociale attraverso la mia arte cercando di appoggiare battaglie come quelle dell’acqua bene comune e ricordando che sono esistiti personaggi straordinari come Don Andrea Gallo che ho avuto la fortuna di conoscere e che omaggio nell’ultimo mi disco con il brano “Ho conosciuto un uomo”. Un uomo il Gallo che ho amato e ho stimato perchè – ci dice commuovendosi – le sue parole e i suoi occhi mi mancano tanssimo. Invito i giovani e chi non lo conosce a cercare i suoi interventi in rete e i suoi libri”.

LIVE: MASCARIMIRI’ & NUX VOMICA

I palchi si alternano e scambiano e, “last but not least” live arrivano sul Tribunal Stage i salentini Mascarimirì capitanati dal corpulento e geniale musicista di Muro Leccese ma di origini rom Claudio “Cavallo” Giagnotti dal vivo con i nizzardi Nux Vomica.
Una vera istuzione i Mascarimirì nel Salento. Tra i primi nella seconda metà degli anni novanta a suonare la pizzica, oggi di gran “moda”, e a contaminarla restando con le radici ben piantate nella tradizione, con l’elettronica, il dub con dischi e esibizioni live.
Con l’ultimo disco “Tam” del 2014, Claudio “Cavallo” e la sua band sferrano un ironico attacco frontale alla musica salentina modaiola “Innanzitutto la nostra musica si chiama pizzica pizzica e non taranta e il suo strumento tipico si chiama tamburieddhru la cui traduzione è tamburo e non tamburello” ci dice Giagnotti durante l’intervista nel gazebo di Radio Kaos Italy, lo stesso Cavallo poi ci redarguisce ironicamente per l’esatta pronuncia del nome della sua band Mascarimirì, uno scioglilingua per chi non è pugliese, che è una sorta di esclamazione che possiamo tradurre con l’espressione “Madonna mia!”.
“Ne ho visti tanti di festival io, in giro per l’Italia ma non solo – afferma Cavallo, che è anche organizzatore di “Ballati!” storico festival della tradinnovazione della musica popolare che si svolge ogni anno ad agosto a Muro Leccese. Questo Ariano Folk Festival – continua – è davvero straordinario perchè si vede che è fatto con passione, professionalità e grande amore per la musica senza fronzoli commerciali!”.

DJ SET NOTTURNO E SONAZONE

A seguire e fino a notte fonda la musica e i balli del numeroso popolo dell’Ariano Folk Festival con il dj set degli spagnoli Lord Sassafras e la musica Sonazone nella campagna di Contrada Valleluogo con i djset di Mauro Basso & Tall Caps, Sisio Kes Records e Nicola Vernicchi Black Water, Mooove!

[AffLiveReport] Batida e molto altro @Ariano FolkFestival 21/08/2015

0

E’ passata la seconda giornata di festival qui ad Ariano Irpino, la musica live e’ sicuramente la protagonista principale del festival, si respira musica in ogni angolo della città. Oggi sono state aperte tutte le aree collaterali e se il primo giorno e’ stato difficile seguire tutti gli eventi, figuratevi oggi!Sempre a lavoro lo street artist “Sea Creative” nell’area Folkart.Si e’ parlato di fotografia presso la Cinezone (Biblioteca Comunale) con un masterclass tenuto da Valerio Bispuri, che sarà ospite ai nostri microfoni nei prossimi giorni, intanto potete ascoltare l’intervista a Roberto De Filippis coautore del documentario “L’oro vero – resistenze contadine”.

MIXCLOUD CINEMA

In questa seconda giornata aprono i battenti anche lo Spazio Teatro di cui postiamo un piccolo video qui sotto, ma non e’ assolutamente esplicativo, e’ un’ esperienza da vivere e non solo osservare dall’esterno!

https://www.facebook.com/sara.formentini.5/videos/10206751443698751/?pnref=story

Sono aperte praticamente tutte le aree esterne ad eccezione del Sonazone (Contrada Valleluogo) per la quale dobbiamo aspettare (trepidanti) la terza giornata!

A pranzo ormai non riusciamo a fare a meno di andare all’ Aperiworld (Piazzale Plebiscito), presso il “Bar Moderno”, che ad Ariano e’ conosciuto da tutti come “Da Gioso”, che e’ il nome del simpaticissimo proprietario.L’atmosfera e’ fantastica e sembra di conoscere tutti da tempo, poi gli artisti che si alternano nei dj set sono fantastici come la location!!!

aperiworld

La musica live ci prepara ad un percorso che ci porta a salire verso le vette più alte sia in termini musicali che fisici. Si parte dalla parte bassa di Ariano al Volkscamp, per iniziare la risalita verso il paradiso musicale ci incamminiamo verso il Corazone (via Russo Anzani). Dopo aver cenato o spizzicato a suon di musica continuiamo la nostra camminata verso le stelle impazienti di assistere agli altri live dell’Ariano Folkfest!

Si inizia nel migliore dei modi: la Mitica Hollie Cook. Sensuale bravissima miss dalle note suadenti e dalla voce indimenticabile insieme a tutta la sua band praticamente giovanissima che la accompagnava verso un viaggio in un mondo tutto a tema delle basi del raggae. stile e talento ha aperto il primo live direttamente dall’inghilterra la giovanissima Hollie ci ha travolto e fatto sognare preparandoci al seguito di quest’avventura!

A seguito dall’altro palco siamo stati solleticati dai fantastici El V and the Gardenhouse. Francia e Italia adesso si costeggiano esibendosi all’insegna anche loro del Reggae,pronti ad invadere la scena nazionale!nel 2013 La bend ha festeggiato i 25 anni di musica.Oltre a noi Radiokaositaly negli ultimi anni, numerosi passaggi nelle radio di mezzo mondo, dopo centinaia di concerti, collaborazioni illustri con artisti come TONINO CAROTONE, LITTLE TONY, TULLIO DE PISCOPO and more, i GARDENHOUSE si preparano a condividere il palco e il loro Reggae Latinoemiliano, con uno dei loro artisti di riferimento: SARGENTO GARCIA. Travolgenti esibizioni ritmo e cuore impazzito sono riusciti a trasmettere lanciando un unico grido di speranza: un solo mundo es posible, un mundo sin fronteras!

Ma non c’e’ fine, per sbalordirci sul palco lo spettacolo del grande Batida del portogallo. Parlando proprio di frontiere si sono esibiti attraverso temi politici e sociali, ricchi e Poveri tramite l’esibizione fantastica del ballerino formidabile che ci ha fatto aprire la bocca attraverso performance nota di un professionista. Live davvero teatrale e pieno di emozioni.

Al termine, sfiniti , abbiamo avuto una chiusura sensazionale grazie al Dj Scratchy! Grande l’inglese ricco di sorprese e brio esibizionista ha avuto la magia di farci scordare la tarda notte che ara sopraggiunta finendoci in bellezza anche questa sera. lo ricorderemo anche grazie al suo intervento direttamente in streaming sul piazzale Calvario dal nostro stand all’insegna della musica!

Si ringraziano per le foto Carlo Colucci e Fabiano Ventre.
Un ringraziamento particolare ai nostri partner: Pignata in Bellavista, Ristorante La Pignata, Sintesi Sud San Comaio – vero succo di oliva e Sistemi di copertura.

[Aff] Programma giornaliero – 22 Agosto 2015

0

Terzo giorno di divertimento qui ad Ariano Irpino! il lavoro dello street artist “Sea Creative” procede nell’area Folkart (via San Leonardo).
Al momento staimo pranzando accompaganti dalla musica del Dj spagnolo Lord Sassafras all’ Aperiworld (Piazza Plebiscito), seguito al cantante dei MauMau con il suo “storico” Dj Set.

Alle 15:00 proseguirà il torneo di scacchi presso l’area Folkscacchi (Villa Comunale). Il pomeriggio in villa prosegue nel settotre dello Spazio Teatro e nell’area Relaxfolk per un po’ di streatching rilassante!

Come già anticipato le aree collaterali soddisfano tutti gli interessi extra-musicali. Per gli appassionati cinofili oggi in programma alle 17:00 “War Photographer” al Cinezone (Auditorium Comunale). Per i lettori alle 18:30 si discuterà del libro “Il dramma, l’incanto e il disincanto.Un’occasione mancata.” di Nicola Savino alla Bookzone (Centro Pastorale S.Francesco) infine allo Spazio Teatro (Villa Comunale) performance e laboratiri curati da diverse compagnie.

Per la musica live alle 17:00 si inizia al Volkscamp (Boschetto Pasteni) si balla a suon di Reggae. Per farci scatenare si alterneranno sul palco Dany Kingston & Bocciaman Feat. Soraia Drummond e Roots Reality Hi-fi Feat. Sic Jane Warriah. al Corazone (via Russo Anzani) si continua con Nellski alle 20:00 che ci preparerà per i live del Folkstage con Tinturia, Luca Bassanese e la piccola orchestra popolare e Mascarimirì feat. Nux Vomica seguiti in chiusura da Lord Sassafras () che ci sta facendo ballare in questo momento!!!)

Ma oggi non e’ finita qui…aptre il Sonazone(Contrada Valleluogo) e si ballo fino a mattino con Mauro Basso & Tall Caps, Sisio e Nicola Virnicchi!!!
Noi ci stiamo già divertendo, voi cos’aspettate!?!?
Buona giornata a tutti!

[AffLiveReport] Mau Mau e non solo @Ariano FolkFestival 20/08/2015

0

Mentre scriviamo queste righe in sottofondo ci sono i Forrò Miòr che si esibiscono ancora una volta live dopo il grande successo riscontrato ieri sera, ma non anticipiamo le cose e cerchiamo di seguire una sorta di filo temporale, sebbene sia estremamente difficile vista la mole di eventi collaterali organizzati per questa ventesima edizione dell’ Ariano Folkfest.

Prima dell’effettivo start della manifestazione 19 agosto durante il Pre Fest è stato presentato il film “Irpinia Mon Amour” di Federico Di Cicilia presso l’auditorium comunale. Ci siamo poi spostati nell’ affollatissima Piazza Duomo per la festa propiziatoria, che ci ha fatto ascoltare e soprattutto ballare le prime note di questo festival grazie al Dj set dello spagnolo Andy Loop, musica cibo e tanta buona gente!

La mattina si inizia alle 10:00 con lo Street artist “Sea Creative” nell’area Folkart (via San Leonardo) che abbellirà durante l’evento un muro di Ariano Irpino con i suoi personaggi. L’artista milanese nei prossimi giorni sarà ospite in radio della nostra Rachel Pellarini, quindi vi parleremo più dettagliatamente di lui nei prossimi giorni, stay tuned!!!

aff1

Nel pomeriggio la Cinezone (Auditorium comunale) ha proiettato il film “Alla ricerca di Vivian Maier” di John Maloof ed a seguire si è tenuto un seminario sui percorsi della fotografia curato da Luca Lombardi.

Si continua con il relax della Relaxafolk con un’area dedicata allo streatching nella Villa comunale.

Sempre alle 17:00 aprono i live pomeridiani del Volkscamp (Boschetto Pasteni) i romani “The Dirty Jobs”, seguiti dai conterranei “Super Dog Party” che ci fanno saltare e ballare a suon di rock’n roll/punk.

aff3

C’è davvero l’imbarazzo della scelta negli eventi collaterali da seguire ad Ariano Irpino, infatti mentre quanlcuno balla al boschetto altri assistono nella Bookzone (Centro pastorale San Francesco) al reading teatrale di Gaetano Franzese ed Annalisa Iovinella con letture tratte dal libro “La filosofia lascia tutto com’ è” di Mario Iadicola.

Per l’aperitivo si continua con la musica live dei Frau Ludwig + Lamuzgueule al Corazone (Via Russo Anzani).

Alle 22:00 finalmente tutto pronto…si può cominciare la magica serata al Folkstage.I gruppi si alterneranno tra il Tribunal stage ed il Atitlan Stage…avete capito bene, quest’anno l’area principale del festival è allestito con ben due palchi da cui le band si palleggiano la scena. Non c’è nemmeno il tempo di accorgersi della fine di un lie che si viene abbracciati dalle spalle con altra musica.
Circondati da mille luci e colori piatti di ogni specialità ariananina, giovani famigie e amici si apprestano ad avvicinarsi al Tribunal Stage.

forromior

Puntuali si esibiscono per primi i Forrò Mior caldi con il loro spirito nato nel nordest del Brasile esplodono con frizzanti repertori di samba e altre sorprese che sanno far ballare non solo il piazzale calvario ma anche tutta Europa!
Il quartetto include oltre ai classici del grande Luiz Gonzaga , splendidi brani di Ghilberto Gil,Tom Zè e altri brani inediti. Meravigliosi e coinvolgenti dopo averci fatto scaldare ci danno la carica per la grande orchestra Cesaria Evora.

cesariaevoraorchestra

Per la prima volta in italia dopo la morte dell’artista capoverdiana,le bravissime
Jenifer Solidade e Nancy Viera rendendo omaggio al’influenza e memoria straordinaria che la musica di Cesaria Evora aveva su tutto il mondo. Voci incantevoli accompagnate dai movimenti di fianchi che anche quì a stento riuscivano tutti a strare fermi al loro posto, l’orchestra ci ha regalato momenti magici.

maumau

Toniamo sul prima parco esattamente meno di un secondo dopo la chiusura dell’orchestra, si esibiscono i formidabili Mau Mau.
Secondo il dialetto Piemontese significa “quelli che vengono da lontano” magari scuri di pelle. Nome che riprende anche da quelli del gruppo della liberalizzazione inglese del Kenya.
Sono stati definiti una “cricca esagerata di travolgenti ethno rockers”. La band è nata nel 1991 con il brano “Tera del 2000” una sorta di manifesto ambientale e con il primo albun “Sauta Rabel” hanno vinto il premio tenco con tournèè in tutta europa,Nordafrica,Giappone,Iraq,Palestina.
Detto questo l’esplosione provicata dai Mau Mau ha risvegliato i nostri sensi più nascosti facendoci assaporare ogni ritmo della loro musica, oltre all’intrattenimento e alla simpatia del cantante.

Quasi per sfinirci come ultimo colpo di grazia per questa serata, abbiamo colui che ha fatto tremare la terra e fatto cedere anche le nostre ginocchia : Lord Sassafras direttamente dalla spagna, che ci ha messo K.O. non dimenticando però che la nostra terra non deve mai rimanere ai margini, direttamente dalla spagna con “Bella ciao” del partigiano in Remix originale solo per noi!