[Kaos Live Report] Moderat @Ex Dogana 14/07/2017

0

Spesso mi chiedo: “Quanto volte avrò sentito questa canzone?” Non perchè voglia effettivamente documentare o fare statistiche numeriche su quelli che sono i miei ascolti musicali, ma poichè dopo anni mi rendo conto di come l’infatuazione per determinati brani non sembra – fortunatamente – calare e il bisogno di ascoltarli ripetutamente rimane immutato. L’interrogativo salta spesso fuori durante l’ascolto di “A New Error” dei Moderat e qualora iniziassi davvero a quantificare gli ascolti dovrei ragionare su cifre stratosferiche.

Si, perchè da quel lontano 2009 “A New Error” rappresenta uno dei momenti chiave della mio personale incontro con il mondo musicale elettronico “alto” ed è bellissimo vedere come le emozioni che ancora oggi mi provoca non siano minimanente in declino. Capirete allora la mia felicità quando il brano è stato eseguito quasi all’inizio del live tenuto dai Moderat venerdì scorso 14 luglio all’Ex Dogana.

DSC_0334

Passate le 22:00 Sascha Ring (per gli amici conosciuto anche con il nome di Apparat) e il duo Modeselektor formato da Gernot Bronsert e Sebastian Szarzy si avvicina alle console e fa partire il primo brano della serata, tratto del loro ultimo bellissimo album III, “Ghostmother”. L’abbraccio del pubblico romano è caloroso ed euforico come al solito e il trio apprezza tanto affetto, dimostrato anche nella passata data romana dello Spazio 900.
La resa live è ottima e i brani nella loro veste live mantengono inalterate i loro pregi: la basi si sentono nitide, i suoni e la voce di Sasha idem.
Davvero notevole anche l’accompagnamento visivo del concerto con le proiezioni ipnotiche alle spalle dei Moderat durante la performance. Da segnalare “il gioco di braccia” che segue la già citata “A New Error” o la carrellata quasi fumettistica alla Marvel in cui appaiono le iconiche copertine dei dischi sul finale.

DSC_0344

La selezione dei brani è composta principalmente della canzoni di III, intervallati da ottimi momenti di pura trance techno. Non sono mancati i “classici” come “Bad Kingom” e “Rusty Nails” – superfluo dire come abbia reagito il pubblico – anche se personalmente dal vivo credo che niente superi “Milk”: uno dei miei pezzi preferiti dei Moderat e forse uno dei più rappresentativi della loro produzione, eseguito dal vivo prima in solo da Gernot Bronserte poi con il supporto del resto del trio.

DSC_0323

Il pubblico che ha colmato l’Ex Dogana è in quella sorta di magica sospensione che solo la musica di quest’unica e fantastica fusione artistica riesce a generare: passare dalla delicatezza ed emotività del cantato e la melodia, alla possente scarica dei battiti, dall’euforia e il movimento alla sentita partecipazione. I Moderat percepiscono questo stato, queste sensazione da parte del pubblico e ringraziano per il coinvolgimento. Magnifico.

Brano dopo brano “Les Grandes Marches” si chiude in maniera trionfale anche questa volta, lasciando spazio ad un altro culto della scena come Ellen Allien, regalando al pubblico dell’Ex Dogana una serata davvero indimenticabile.

di Alessio Belli

Tracklist:

Ghostmother

A New Error

Running (Remix)

Eating Hooks (Siriusmo Remix)

Rusty Nails

Animal Trails

Reminder

Les Grandes Marches

Nr. 22

Milk

Bad Kingdom

Intruder

[Kaos Live Report] Gazzelle- Canova @Viteculture Festival, Ex-Dogana 11/07/2017

0

Un mare di folla l’altra sera all’Ex Dogana per assistere al doppio live di Gazzelle e Canova! Un’infuocata – in tutti i sensi – serata di musica romana che ha visto sul palco due nomi del momento ma anche Galeffi e Cinemaboy, in questo indiemnticabile appuntamento del Viteculture Festival. Ma ora basta parlare: ecco le foto della nostra Marta Bandino!

[Kaos Live Report] Fatboy Slim @Ex Dogana 09/07/2017

0

Are we having fun yet?

Se passiamo molte delle nostre serate all’Ex Dogana (e ci va benissimo) è anche colpa del Just Music Fest. Giunto alla sua terza edizione, l’evento continua a trasformare Roma in un gigantesco dancefloor, grazie anche ad un line-up di altissimo livello. Dopo aver visto il nostro amato Jarr eccoci questa domenica nove luglio alla corte di un certo Fatboy Slim.

Che dire, difficile per il sottoscritto essere di parte e rimanere indifferente davanti a questo nome: sono effettivamente cresciuto con i suoi cavalli di battaglia e la sua produzione – insieme a quella dei Chemical Brothers e Daft Punk – è stata il mio primo, e poi sempre più viscerale e approfondito – approccio con la musica elettronica. Passati gli anni di grandi inni – “The Rockfeller Skank”, “Praise You”, “Right Here, Right Now”, “The Weapon of Choice” – Mr. Norman Cook continua ad essere un nome amatissimo e molto richiesto in tutto il mondo, continuando a far scatenare milioni di fan euforici in tutto il mondo. Che anche quella di questa sera sarà la sua ennesima data indimenticabile?

La risposta arriva in un lampo. Mr. Norman Cook poco dopo le nove sale sul palco acclamato calorosamente dalla folla che ha colmato l’Ex Dogana. Magro e con camicia colorata, il nostro Fatboy Slim appare come un adulto rimasto sempre un pò ragazzo, con una irrefrenabile voglia di divertirsi e di far divertire. L’inizio è clamoroso: basta un attimo appena per riconoscere le note di “Praise You” e vedere il Nostro accompagnare con le mani, come un direttore d’orchestra, il coro della folla. Il tempo di scaldarci e il singolo di You’ve Come a Long Way, Baby sfuma nel fragore di altro amatissimo brano: “Eat, Sleep, Rave, Repeat”.

Una doppietta da k.o. che prosegue in un intenso e soprattutto divertente set in cui il dj inglese non si risparmia e mostra tutta la sua carica, assecondando e incitando l’irrefrenabile pubblico romano. Così, tra un rifacimento di “Psycho Killer” e movimenti molto brasiliani, tutta l’Ex Dogana si è goduta l’ennesima festa targata Fatboy Slim.

Dopo di lui, un altro nome di primo piano in questa serata estiva elettronica romana: niente meno che Daddy G dei Massive Attack in console!
A lui la missione, perfettamente riuscita, di proseguire la serata tenendo alta la carica del pubblico.

Sotto una splendida luna piena, si chiude così un’altro bellissimo appuntamento con il Just Music Fest. Alla prossima: noi ci saremo.

PS

Potete ammirare la scritta Are we having fun yet? sul computer che Fatboy Slim usa durante il live. La risposta la sapete.

di Alessio Belli

[Kaos Live Report] Nicolas Jaar Live all’Ex Dogana: il resoconto della serata

0

Potrei raccontare di come si è svolto il concerto di Nicolas Jaar il 21 giugno, restando assolutamente neutrale, o facendovi una cronaca dettagliata e piena di critiche, potrei tentare una via di mezzo e cercare di accontentare tutti. Oppure potrei fare come in certe puntate speciali di Topolino in cui scegli tu il finale e i personaggi dal cui punto di vista ti va di vedere la storia. Immaginiamo, quindi, quattro ideali spettatori, e un solo inizio, un incipit guida: lo Spring Attitude è finito da quasi un mese, a salutarci con un sacco di energia c’era stata la live band di Clap!Clap! (alias Cristiano Crisci, l’uomo con le molle sotto i muscoli) e noi ve lo avevamo raccontato. Tornando all’alba dalle Ex Caserme Guido Reni si poteva già vedere il faccione di Jaar campeggiare tra gli alberi dei viali, con l’annuncio di una bella coda per il festival primaverile romano.

Esaltazione e felicità, trepidazione perché dopo averlo annoverato tra i migliori lavori del 2016, averlo citato e passato più volte in varie trasmissioni, avergli dedicato una intera puntata monografica, restava solo di vederlo dal vivo questo giovanotto statunitense di origini cilene.
L’Ex Dogana, teatro delle manifestazioni più svariate, sia d’inverno che d’estate, apre le porte agli spettatori alle 20.00 circa, si prevede che il concerto inizi solo due ore e mezza dopo. Il palco è quello del Molo Nuovo, la serata è caldissima e si spera che quel lasso di tempo concesso prima dell’inizio della performance, serva a sistemarsi con comodo, senza intoppi e senza file.

nicolas-jaar

Spettatore 1: Sono un fruitore medio che ha il biglietto da tempo, l’ho comprato in anticipo perché Jaar mi piace, ho voglia di ballare e ho sentito che al Sònar ha pompato come un matto, arrivo lì per le 21.30, ho già il biglietto che vuoi che succeda. Daje.

Spettatore 2: Sono un fruitore medio che non sa chi sia Jaar, ho voglia di andare all’Ex Dogana perché ho finito gli esami/sono in ferie/ho voglia di divertirmi in mezzo alla settimana senza preoccuparmi del lavoro, probabilmente strillerò in tutte le pause o i silenzi, ho sentito che ci sta tipo un dj-set o qualcosa del genere, dicono che inizia alle 22.30, leggo biglietti disponibili. Mi dico che forse sarà meglio arrivare un’ora prima. Daje.

Spettatore 3: Ho comprato il biglietto in prevendita sei mesi fa, amo Jaar e quello che produce, sono curioso di sentirlo suonare dal vivo, voglio mettermi sotto palco, sotto cassa così mi arriva meglio la botta sonora di The Governor, il mio pezzo preferito. Devo solo ritirare il mio biglietto, mi avvio un’ora prima, alle 21.30, perché così mi sistemo, surfo sulla gente e arrivo a contare i peli del naso di Jaar. Daje.

Spettatore 4: Ho un omaggio o un accredito, ci vado non troppo presto sennò mi annoio e fa caldo. Tipo le 21.30. Daje

Immaginate come se queste quattro categorie di spettatore standard si decuplicassero all’infinito occupando tutto lo spazio esterno all’Ex Dogana, gonfiandosi come quegli asciugamani compressi che diventano enormi solo bagnandoli, nello stesso orario esatto, manco si fossero dati tutti appuntamento per un flash mob. Nella confusione fatta di sudore dietro le ginocchia, palate di accendini confiscati, americani visibilmente spiazzati dalla divisione promiscua delle code, comincia quello sfilacciamento di vetri rotti, note al piano, rumori spezzati che ti fanno pensare alle cose lontane, non tue, che forse possedevi una volta ma che adesso a stento ricordi, che è poi la musica (soprattutto) dell’ultimissimo Jaar.

Un live di questo tipo è come una sonata di musica classica, ha dei movimenti e un crescendo che progressivamente ti portano altrove, ma deve essere un percorso a due, durante il quale è vietato distrarsi così come è vietato perdere anche solo qualche minuto, e quindi capirete bene che anche lo spettatore numero 2, nonostante la sua evidentemente scarsa preparazione, sente un leggero velo di rabbia nel momento in cui è costretto ad ascoltare l’intro del concerto tra i vari “Giacomo mi ha lasciato stavolta non lo perdono” e i “per favore tirate fuori tutte le bottiglie e gli accendini dagli zaini”.

dkjdtubi di luce che fanno cose molto belle mentre in sottofondo passano quelli che sembrano i preliminari per un live incentrato su Sirens, l’ultimo lavoro, e che invece sul più bello sterza sempre, e prende un sentiero inesplorato, uno stradone immenso, una pista tra le montagne. Basta fidarsi di quel che si sta ascoltando, con la certezza di non essere delusi, e infatti è tutto equilibrato, è un’altalena di intimismo quasi estremo, che ti fa sentire un voyeur, e coinvolgimento da mano a paletta. Dopo Three Sides Of Nazareth e The Governor Jaar ci regala una perfomance di No, singolo estratto dall’ultimo disco ed unico pezzo abbastanza radiofonico, tutta a favore dei nostri occhi, proteso verso il pubblico a raccontare questa storia che intreccia le radici delle sue personali origini, con quella del paese da cui è emigrata la sua famiglia, il Cile.

Nel mezzo dei brani ci sono interi quarti d’ora di flusso di coscienza, e risulta facile immaginare Nicolas Jaar colto da pensieri improvvisi, guizzi di ispirazione e intelligenza da riversare in musica, per concludere con una rarefattissima Space Is Only Noise If You Can See, così diversa dalla versione su disco che ti dà l’impressione che ti fanno quelle persone che non vedi da tanto tempo e di cui ricordi vagamente i tratti somatici ma manco troppo bene.

Poco prima dell’una ci avviamo verso l’uscita, qualcuno diretto all’aftershow, gli altri chissà dove, e per l’ultima volta ci troviamo in fila tutti insieme, mescolati come al principio, i fan, quelli con la prevendita, quelli col bracciale che ti faceva accedere all’area vip. Abbiamo dimenticato la rabbia e la frustrazione di quando eravamo all’ingresso, ma rimane la sensazione di aver perso qualcosa, di aver mancato quel dettaglio piccolo che ti avrebbe aiutato a risolvere tutto, e a fare chiarezza. Rimane il senso di qualcosa di bellissimo ma inafferrabile, come quelle figure di sogno, che la mattina non sai più nemmeno se eri tu a sognarle veramente.