[Waiting For] Hannah Williams & The Affirmitation @Monk 17/11/2016

0

Ancora un grande show dedicato questa volta al Soul europeo, targato Record Kicks e noi di Tips! & Radio Kaos Italy non potevamo certo non confermare la nostra presenza ad uno dei live più interessanti del mese di novembre.
Mercoledì 17 sarà di scena al Monk Club, per un evento promosso dall’agenzia Re::Life,
la band Hannah Williams & The Affirmations, nuovo fenomeno del soul britannico, promossa a pieni voti da artisti come Sharon Jones (Daptone records).
Hannah Williams è esplosa sulla scena Soul nel 2012 con l’album di debutto “A Hill Of Feathers”. Il primo singolo estratto “Work it Out” è entrato in alta rotazione sulle radio di mezzo mondo e l’omonimo video ha largamente sorpassato il milione di visualizzazioni su Youtube. La storia di miss Williams sembra scritta sul libro della migliore tradizione Soul a stelle e strisce. Il madre la spinge a cantare sin da quando era poco più che in fasce e la nostra inizia prima in chiesa in diversi gruppi gospel e poi come leader del gruppo The S.O.N.G da cui provengono le coriste che sentite anche sul nuovo album “Late Nights & Heartbreaks” . Mentre dal padre musicista appassionato di jazz ha imparato a suonare la tromba, strumento dal quale non si è più staccata e che porta sempre con se. A sei anni di età Hannah aveva imparato prima a leggere la musica delle parole. Le sue spiccate qualità canore hanno fatto si che nonostante la sua giovane età Hannah Williams sia già titolare della cattedra di canto dell’università di Winchester, per la quale dirige anche il coro gospel dell’Università. Dopo l’uscita nel 2012 del loro album di debutto “A Hill of Feathers” per l’etichetta Record Kicks, ha calcato i palchi di mezza Europa, inclusa Italia. Abituata a dare tutto sul palco, le performance di Hannah sono un concentrato di emozioni forti in cui è praticamente impossibile restare fermi.
“Late Nights & Heartbreak” il nuovo attesissimo album di Hannah Williams in uscita il prossimo 11 Novembre 2016 su Record Kicks. 
Registrato a Londra presso il Quatermass Studio, lo studio di registrazione e quartier generale della cult band inglese The Heliocentrics, il nuovo album è stato prodotto dal leggendario batterista e produttore inglese Malcolm Catto, che oltre ad aver prodotto i lavori degli Heliocentrics usciti sulla label americana Now Again/Stone Throw Records, ha dato alla luce dischi come “Inspiration Information” di Mulatu, “Jaiyede Afro” di Orlando Julius e “The Last Transmission” di Melvin Van Peebles e collabora regolarmente con personaggi del calibro di Floating Points, Quantic, Dj Shadow e Madlib. 
Nel nuovo disco Hannah è affiancata dal nuovo super tight combo di Bristol The Affirmations che la accompagneranno anche in tour.

Un concerto da non perdere!
È necessario essere muniti di tessera Arci.
Il Monk Club è infatti un circolo Arci il cui ingresso è riservato ai soli soci.
È possibile richiedere la tessera fino a 24h prima dell’evento al link //www.monkroma.club/tesseramento/

Evento Fb:
https://www.facebook.com/events/302303080138863/

INGRESSO al MONK:
gratuito per tutti i soci con Tessera Arci, dalle h20.00

INGRESSO al CONCERTO:
Tessera Arci + Contributo all’Attività:

●10€ >>> versando il Contributo direttamente all’ingresso

● 10€ + d.p. >>> versando il Contributo online con BOXOL
(qui: https://www.boxol.it/it/event/hannah-williams-theaffirmations/186119 // riservato ai soci)

● 10€ + d.p. >>> versando il Contributo online con I-TICKET
(qui: //i-ticket.it/prevendita/index.php?cmd=event&event_id=2152 // riservato ai soci)

MONK – Circolo Arci
Via Giuseppe Mirri, 35 ROMA
#staymonk

———————————————————————–
———————————————————————–

GIOVEDI 17 NOVEMBRE 2016

> Open > h20.00

> Hannah Williams & The Affirmations _ live > h22.00

Hannah Williams: lead vocals
James Graham: keyboards
Adam Holgate:guitar
Adam Newton: bass guitar
Jai Widdowson-Jones:drums
Victoria Klewin and Hannah Nicholson: backing vocals

Lunedì 18 Luglio – Tips! [Summer Extended] ospita “I Vicoli del jazz” e “Agualoca Records”

0

Lunedì 18 Luglio 2016 alle 22:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: I Vicoli del jazz e Agualoca Records

Torna il lunedì di Tips! all’insegna del funk, del jazz, dell’HipHop, dell’elettronica, delle contaminazioni e delle sonorità più lontane e nascoste.
Per tutto luglio puntate speciali di 2 ore, in diretta dalla vetrina di RADIO KAOS ITALY dalle 22:00 a mezzanotte!

Sempre due progetti ospiti :

nella prima parte ospiteremo in studio gli organizzatori del festival “ I Vicoli del jazz”, che torna a nel magnifico borgo di Palestrina (RM) con la V edizione del Festival omonimo che, dal 20 al 24 luglio 2016, interesserà come di consueto l’intero centro storico cittadino. Un evento, quello promosso dall’Associazione, che cresce ogni anno di più rivolgendo particolare attenzione alla musica jazz, particolarmente apprezzato nel suo intento di ricreare l’atmosfera di New Orleans dei primi anni del 900. Un’iniziativa di grande spessore musicale e culturale che mira, come sempre, anche a valorizzare il territorio prenestino, con il suo patrimonio storico e artistico.
Tra gli ospiti, oltre ai “nostri” ARX (Soul/funk), ci saranno grandi nomi del jazz italiano e internazionale come Danilo Rea e Kenny Garrett.

Nella seconda metà avremo l’intervista a Davide Mastropaolo, fondatore di AGUALOCA RECORDS etichetta discografica affiorata dal fertile bacino della musica indipendente partenopea, nata per promuovere le nuove realtà musicali che traggono dalla singolarità e dell’eclettismo la propria spinta creativa. Un crocevia sonoro di armonie apparentemente inconciliabili, che trovano però uno stimolante equilibrio nella capacità di cogliere lo spirito che accomuna culture e suggestioni remote.
Con un piede a Napoli e lo sguardo rivolto verso latitudini distanti, Agualoca attraversa e si lascia contaminare da ogni sonorità che esprima l’inquietudine del contemporaneo, abbracciando rock indipendente, psichedelia, elettronica, musica da camera, jazz e danze popolari.
Agualoca Records è distribuita in circa quindici paesi , oltre che sulle principali piattaforme digitali (Spotify, Itunes, Google music ecc.).

TIPS! vi presenterà questi progetti attraverso due appassionate interviste e tanta buona musica.
Come sempre, da non perdere la rubrica “Past, Present & Future” (anche in questo caso in versione “extended”)
Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide” attraverso le sonorità e le culture musicali.

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 22 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

#TUNEIN

https://www.facebook.com/tipsradio

Link:

I VICOLI DEL JAZZ
https://www.facebook.com/ivicolideljazz
//www.vicolideljazz.it

AGUALOCA RECORDS
https://www.facebook.com/Agualoca-Records-386848464700261
//www.agualocarecords.com

Lunedì 11 Luglio – Tips! [Summer Extended] ospita FRICAT e DUMBO STATION

0

Lunedì 11 Luglio 2016 alle 22:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: FRICAT e DUMBO STATION

Torna il lunedì di Tips! all’insegna del funk, del jazz, dell’HipHop, dell’elettronica, delle contaminazioni e delle sonorità più lontane e nascoste.
Per tutto luglio puntate speciali di 2 ore, in diretta dalla vetrina di RADIO KAOS ITALY dalle 22:00 a mezzanotte!

Sempre due progetti ospiti :

nella prima parte ospiteremo FRICAT, il progetto solista di Joe Antani (Apes on Tapes). Sotto questo alias Fricat esce nel 2014 con una produzione intitolata ‘Asinum cum Asinum’ su Sostanze Records, con 4 tracce originali e i remix di HLMNSRA e Grillo. Nel 2016 esce con il singolo Armadildo sulla compilation “Apogeo” di Avantguardia. Fricat sintetizza una miscela di elementi ritmici e percussivi con una formula ipnotica di abstract hip hop, trap e beat elaborando le sonorità della bass music più energica in una ricerca costante del ritmo in tutte le sue forme ad li là della sua provenienza temporale o geografica.

Nella seconda metà avremo ospiti in studio per intervista e mini-live i “Dumbo Station” una band che propone composizioni jazz originali in chiave contemporanea e sperimentale.
Nato a novembre 2015, il gruppo ha registrato il proprio esordio discografico a gennaio 2016, in uscita in autunno.
La band è composta da:
Paolo Zou – guitar
Benjamin Ventura – piano/keys
Stefano Rossi – bass
Davide Savarese – drums
Alessio Bernardi – saxes/flute
Francesco Fratini – trumpet

TIPS! vi presenterà questi progetti attraverso due appassionate interviste e tanta buona musica.
Come sempre, da non perdere la rubrica “Past, Present & Future” (anche in questo caso in versione “extended”)
Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide” attraverso le sonorità e le culture musicali.

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

#TUNEIN
https://www.facebook.com/tipsradio

Link:

FRICAT
https://www.facebook.com/fricatpage
https://www.youtube.com/watch?v=6fKFqh29vHc&feature=youtu.be

DUMBO STATION
https://www.facebook.com/DumboStation
https://www.youtube.com/channel/UCc3VnjISbEUA3desEFJfTLA

Lunedì 20 Giugno – Tips! [Summer Extended] ospita LA BATTERIA e LEMON LIGHTS

0

Torna il lunedì di Tips! all’insegna del funk, del jazz, dell’HipHop, dell’elettronica, delle contaminazioni e delle sonorità più lontane e nascoste.
Per tutto luglio puntate speciali di 2 ore, in diretta dalla vetrina di RADIO KAOS ITALY dalle 22:00 a mezzanotte!

Sempre due progetti ospiti :
nella prima parte ospiteremo La Batteria, un complesso musicale romano che ha esordito con l’omonimo album a gennaio 2015, una raccolta di brani originali ispirati al mondo delle colonne sonore e delle sonorizzazioni italiane degli anni ’60 e ’70. I quattro componenti de La Batteria sono veterani della scena musicale romana più trasversale, con esperienze che vanno dal post-rock progressivo (Fonderia), al pop (Otto Ohm e Angela Baraldi), al jazz sperimentale (I.H.C.), al hip hop (La Comitiva, Colle der Fomento), fino alla world music (Orchestra di Piazza Vittorio).A partire dalla pubblicazione del primo disco la band ha ricevuto un’ottima accoglienza sulla stampa e presso il pubblico, si è esibita in numerosi festival e club in tutta Italia, sbarcando anche a Parigi, e ha sperimentato felici collaborazioni con artisti come Orchestra Operaia, Colle Der Fomento, Roy Paci, Jolly Mare.
A Marzo 2016 La Batteria ha pubblicato in download gratuito Fegatelli, una raccolta di inediti e remix, mentre a Maggio è uscito Tossico Amore (Penny Records/Goodfellas), una reinterpretazione da parte della band della colonna sonora del film Amore Tossico, composta da Detto Mariano.

Formazione:
Emanuele Bultrini – chitarre
David Nerattini – batteria
Paolo Pecorelli – basso
Stefano Vicarelli – tastiere

la batteria

Nella seconda metà avremo ospite in studio Lemon Lights, un giovanissimo producer di Roma, classe ‘91. Nel 2014 è uscito il suo primo EP “Cloverleaf”, e nello stesso anno ha fatto parte di “Vanished Moments”, un audiolibro di Sun Glitters rilasciato dalla giapponese AY.
Nel 2015 il suo primo LP “Empty space” è uscito per Le Narcisse (Luminal, Diodato) ha ricevuto l’attenzione de “Il Fatto Quotidiano”, “Rockit”, “La Repubblica XL” e l’ha portato ad esibirsi in alcune delle migliori realtà romane, dall’Angelo Mai al Brancaleone, dal Monk al Vicious.

lemonlights

TIPS! vi presenterà questi progetti attraverso due appassionate interviste e tanta buona musica.
Come sempre, da non perdere la rubrica “Past, Present & Future” (anche in questo caso in versione “extended”)
Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide” attraverso le sonorità e le culture musicali.

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

#TUNEIN

https://www.facebook.com/tipsradio

Link:

LA BATTERIA
https://www.facebook.com/labatteriaroma
//www.labatteriaband.it
https://www.youtube.com/channel/UCzwziBmotx1OGno0ziCJvwg

LEMON LIGHTS
https://www.facebook.com/lemonlightsmusic’
https://www.youtube.com/user/lemonlightstube

Lunedì 20 Giugno – TIPS! ospita Dj Grissino a.k.a Mr. Breadstick e Giovanni Di Cosimo NU

0

Lunedì 20 Giugno 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Dj Grissino a.k.a Mr. Breadstick e Giovanni Di Cosimo NU

Torna il lunedì di Tips! all’insegna del funk, del jazz, dell’HipHop, dell’elettronica, delle contaminazioni e delle sonorità più lontane e nascoste.

Sempre due progetti ospiti :

nella prima parte faremo due chiacchiere con Dj Grissino, torinese, appassionato sin da ragazzo di rap, old school,funk swing & jazz in vinile, approda un giorno al Balkan e ne resta fulminato, a tale punto da diventarne uno dei massimi esponenti del genere in Italia. Data la sua cultura musicale,si ritrova comunque a selezionare un po’ di tutto, dal Trip Hop alla Jungle, dal FunkyBreaks all’Electroswing, il tutto mixato con gusto, con l’orecchio religioso alla qualità con quella punta di politica popolare fatta di scratch session live, che fa sempre bene!
Potete chiamarlo anche Mr. Breadstick, Alter ego con cui firma le sue produzioni originali o remix.
Nella seconda metà avremo ospite in studio il trombettista Giovanni Di Cosimo, che ci presenterà il suo nuovo album “Inside” per il progetto Giovanni Di Cosimo NU, in cui unisce jazz contemporaneo ed elettronica.
Affascinato dal suono della tromba, inizia lo studio dello strumento all’età di 10 anni. Dopo aver conseguito il diploma al Conservatorio di S. Cecilia, la sua ricerca musicale lo porta ad approfondire il linguaggio jazz e la musica contemporanea legata all’improvvisazione. Il suo percorso artistico si è arricchito negli anni delle collaborazioni con alcuni dei più importanti musicisti del panorama jazz italiano tra cui: Paolo Damiani, Bruno Tommaso, Maria Pia De Vito, Gian Luigi Trovesi, Paolo Fresu, Danilo Rea, Martux e dalle partecipazioni ad Umbria Jazz, Atina Jazz, Montreux Jazz Festival, Jazz & Image, Womex Sivigia, Festival Musicas do Mundo Sines, Premio Ciampi, Ankara Jazz festival, Istanbul Medjazz, Denizli Medjazz, Mersin Medjazz.
Produttore e fondatore dei progetti “ETRURIA CRIMINALE BANDA” e “GIOVANNI DI COSIMO NU”.
Dal 2013 è nel cast di GAZEBO, il programma di RAI3.
NU è frutto di una lunga ricerca in cui Di Cosimo definisce un suono e un linguaggio strumentale molto personale. Un’evoluzione che parte dal jazz e attraversa tutta la musica, senza preconcetti e confini di genere, e che lascia uno spazio importante all’improvvisazione. Inside si compone di otto brani che si ispirano al vissuto e all’immaginario del compositore, levigati dai venti, spogliati dalle asperità e dalle tinte forti, che ci restituiscono un paesaggio sonoro morbido e delicato come quello immortalato nello scatto di copertina.
Giovanni di Cosimo (tromba, flicorno, effetti elettronici) schiera al suo fianco una band composta da Simone De Filippis (chitarra ed elettronica), Paolo Pecorelli (basso ed elettronica), Cristiano De Fabrittis (batteria), Daniele Tittarelli (sax) e Arturo Valiante (pianoforte e keyboard), tutti musicisti eccezionali con cui aveva già lavorato in precedenza. Nell’album troviamo inoltre tanti compagni di viaggio come Diego Bianchi, Roberto Angelini, Marco Conti, Matteo D’Incà, Marco Fagioli, Fabio Gionfrida e Stefano Vicarelli.

TIPS! vi presenterà questi progetti attraverso due appassionate interviste e tanta buona musica.
In coda, da non perdere la rubrica “Past, Present & Future”!
Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide” attraverso le sonorità e le culture musicali.

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

#TUNEIN

https://www.facebook.com/tipsradio

Link:

DJ GRISSINO a.k.a. MR BREADSTICK
https://www.facebook.com/GrissinoDj
//soundcloud.com/djgrissino
//www.youtube.com/user/DjGrissino
//www.youtube.com/OfficialBalkanica

GIOVANNI DI COSIMO NU
https://www.facebook.com/Giovanni-Di-Cosimo-200829929971352
https://www.youtube.com/user/gio3424
https://giovannidicosimo.wordpress.com

Lunedì 13 Giugno – TIPS! ospita “Aurelio ” (Lost Grooves/Parigi) e “ThrowBack”

0

Lunedì 13 Giugno 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Aurelio (Lost Grooves/Parigi) e ThrowBack

Torna il lunedì di Tips! all’insegna del funk, del jazz, dell’HipHop, dell’elettronica, delle contaminazioni e delle sonorità più lontane e nascoste.

Sempre due progetti ospiti , un dj italiano a Parigi, appassionato di rare grooves, dal funk al soul passando per la disco e la soulful house e i ThrowBack, duo che mescola sonorità provenienti da diversi generi come Neo Soul, R’n’b, Funk, World Music, HipHop, Elettronica.

Nella prima parte faremo due chiacchiere con Aurelio, attivo su più fronti da molti anni: giornalismo musicale per riviste e radio, collezionismo, programmatore di concerti, live e dj set.
Le sue selezioni sono lo specchio della sua ampia cultura musicale : dal funk al soul passando per la disco e la soulful house e gli edits più recenti. “Soulful music for smiling people”.
La sua passione risale alla metà degli anni 90: dopo aver passato numerosi anni a registrare trasmissioni radio, scambiare mixtape americani con amici, decide di comprare i suoi primi dischi per puro piacere, incuriosito del formato e dell’oggetto.
Le collaborazioni con alcune radio locali durante gli anni universitari gli permettono di conoscere numerosi collettivi e dj della scena locale romana funk, house e drum’n’bass: anni determinanti per la sua crescita e la sua conoscenza del dancefloor. Finita l’università, la partenza a Parigi e una collaborazione di 6 anni con la rivista gratuita indipendente Star Wax, dedicata ai dj: molte interviste, incontri, organizzazione di eventi multidisciplinari.
La sua collezione di dischi cominciata come semplice hobby, diventa in quegli anni lo strumento per far ballare la gente che viene sempre più numerosa a scatenarsi sulle sue selezioni. Col passare del tempo, i locali e gli organizzatori parigini cominciano a sentire parlare delle sue serate e viene invitato regolarmente a suonare nelle migliori serate jazz, funk, disco della capitale francese. In seguito diventa resident in importanti discoteche quali Djoon Club e Wanderlust . Inoltre è regolarmente chiamato per esibirsi in altre città francesi e all’estero (Germania, Svizzera, Inghilterra, Norvegia).
Ha già suonato con Amir (Kon & Amir / BBE), Music Man Miles (Breakestra / Funky Sole), Lack of Afro (Freestyle), Akalepse (Truth & Soul), Rich Medina (Jump and Funk), Dj Expo (LA), Dj Damage (Jazz Liberatorz), Paulo (Superfly), Lord Funk (Denote Rec.), Waxist Selecta (Favorite/Sol Discos), Marcel Vogel (Lumberjacks in Hell), Mr Mendel (Disco Deviance), Red Greg (Ebonite), Al Kent (Million Dollar Disco/BBE), Suohno, Dj Suspect, 7th Samurai (Gamm/Compost), John Morales (M&M/BEE), Zaf (Love Vinyl/BBE).

Nel seconda metà avremo ospiti in studio i ThrowBack, interessante progetto nato dall’incontro tra Martina Cori ed Emanuele Triglia.
Mescolando sonorità provenienti da diversi generi – Neo Soul, R’n’b, Funk, World Music, Hip – Hop,Elettronica – hanno sviluppato un sound caratteristico e personale che evita le classificazioni.
I primi live della formazione sono in duo: basso, voce e loop station.
Nel 2015 esce “Waves”, il loro primo EP, interamente strumentale, a cui segue la decisione di estendere la loro formazione live con più musicisti, creando così un vero e proprio collettivo, sotto il nome di ThrowBack Extended. Attualmente sono impegnati nella produzione del loro primo album.

TIPS! vi presenterà questi progetti attraverso due appassionate interviste e tanta buona musica.
In coda, da non perdere la rubrica “Past, Present & Future”!
Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide” attraverso le sonorità e le culture musicali.

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

#TUNEIN

https://www.facebook.com/tipsradio

Link:

Aurelio (Lost Grooves)
https://www.facebook.com/LostGroovesProduction
https://www.facebook.com/AurelioLostGrooves
https://soundcloud.com/aurelio-lostgrooves
//www.mixcloud.com/AurelioLostGrooves
https://www.youtube.com/watch?v=uDPJBX5EFrY
//vimeo.com/69873075

ThrowBack
https://www.facebook.com/throwbackduo
https://throwbackduo.bandcamp.com

Lunedì 6 Giugno – TIPS! ospita “Soupy Records/Brickout” e “‘Na Cosetta”

0

Lunedì 6 Giugno 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Soupy Records/Brickout e ‘Na Cosetta

Torna il lunedì di Tips! all’insegna del funk, del jazz, dell’HipHop, dell’elettronica, delle contaminazioni e delle sonorità più lontane e nascoste.

Questa settimana ospitiamo due progetti , molto diversi ma accomunati dalla passione per la diffusione della buona musica e l’organizzazione di live di artisti indipendenti.
Proprio in quest’ottica, sarà interessante valutare durante le interviste le differenze e i punti in comune fra realtà che operano in provincia (L’etichetta Soupy Records e il live club “Brickout”) e in una metropoli come Roma (‘Na Cosetta).

Nella prima parte faremo due chiacchiere con i ragazzi della Soupy Records, una piccola etichetta discografica indipendente nata a Campobasso nel 2009 dalla collaborazione di due dj del collettivo SoulFood Community (www.myspace.com/soulfoodcommunity) e una giovane artista con esperienza nel campo della grafica e delle arti visive. Le loro uscite musicali sono proposte rigorosamente su vinile a 45 giri e formato digitale: vintage e high tech, doppia anima della Soupy Records. L’etichetta mira a fondere i contenuti musicali con le arti figurative. La scelta musicale è eclettica. Le differenze cromatiche della label rispecchiano le sfumature musicali: dal soul al reggae, dal funk al punk, in un costante rimando a certe sonorità fifties e sixties.
Nelle attività del ‘laboratorio Soupy’ rientra anche l’organizzazione di eventi musicali. Concerti e djset dal sapore vintage per la riscoperta dei suoni che hanno fatto la storia della musica.
Proprio in quest’ottica l’anno scorso è nato anche il live club “Brickout, uno spazio senza fronzoli, tecnicamente all’altezza, in cui la Musica è al centro di tutto, un contesto che da troppi mancava nella splendida ma isolata provincia molisana.
Fra le produzioni live di quest’anno spiccano certamente i concerti di Calibro 35, Zu, Diaframma, Soviet Soviet e Funky Pushertz.

Nel seconda metà avremo ospite in studio Luca Bonafede, direttore artistico del live club romano “Na Cosetta”.
‘Na cosetta è un bistrot all’italiana che sperimenta nuovi abbinamenti tra socialità, ricercatezza enogastronomica e live show ispirandosi ai club newyorchesi. Chiara, Angelo, Luca e Stefano sono i padroni di casa: due pubblicitari, uno chef e un barman al lavoro per ricreare un’atmosfera familiare tra libri per il bookcrossing, divani accoglienti, wi-fi free per il coworking, un tavolo da ping pong per i più sportivi e un palco per ospitare musicisti nazionali e internazionali. Il locale, aperto a dicembre 2014, si trova a Roma est, nel cuore del Pigneto off, quartiere popolare della capitale raccontato da Pasolini e oggi conosciuto e frequentato per le opere a cielo aperto di street art, i vintage shop, le piccole librerie e i numerosi club che animano la vita notturna. ‘Na cosetta è aperto sette giorni su sette, dalla mattina fino a tarda notte. Tutte le sere, i piatti sono serviti con musica live. La programmazione è particolarmente orientata verso proposte legate a etichette indipendenti, i generi spaziano dal cantautorato al rock, dall’elettronica al jazz fino ad arrivare al manouche e a rassegne dedicate a racconti inediti di volti noti del panorama musicale.

TIPS! vi presenterà questi progetti attraverso due appassionate interviste e tanta buona musica.
In coda, da non perdere la rubrica “Past, Present & Future”!
Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide” attraverso le sonorità e le culture musicali.

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

#TUNEIN

https://www.facebook.com/tipsradio

Link:

Soupy Records / Brickout
//www.soupyrecords.com
https://www.facebook.com/soupyrec
https://www.facebook.com/brickout

‘Na Cosetta
//www.nacosetta.com
https://www.facebook.com/nacosetta

[Kaos Live Report] AINÉ live @ MONK CLUB – 24/05/2016

0

“Dopo la pioggia, col sole tornerai…”. È così che vale la pena iniziare questo articolo su quello che probabilmente è il talento vocale più puro e cristallino della scena italiana soul e neo-soul. Le parole di Ainé nel ritornello del singolo “Dopo la pioggia” scritto e cantato insieme ad un ispirato Sergio Cammariere, fanno pensare proprio ad un simbolico ritorno del sereno nella musica italiana dopo anni di appiattimento nelle produzioni musicali, sia sul versante pop (vittima dello strapotere dei talent show) sia per quanto concerne il panorama indipendente (dove troppo spesso brani anche potenzialmente interessanti non sono supportati da arrangiamenti degni di questo nome o dalla padronanza tecnica e vocale nei live).
“Generation One”, l’atteso primo album di Arnaldo Santoro a.k.a Ainé, è uscito proprio il 24 maggio, in concomitanza con la presentazione ufficiale del progetto al Monk Club di Roma.
Si tratta di un lavoro venuto alla luce dopo vari mesi di gestazione, curato fino all’ultimo dettaglio e prodotto dalla neonata etichetta “Totally Imported” di Francesco Tenti. Il risultato è un eccellente disco di 12 tracce (più la bonus track “Mommy”), impreziosite da featuring con artisti italiani (Ghemon, Sergio Cammariere, Davide Shorty, Gemello) e stranieri (Alissia Benveniste, Kyle Miles) e che ha ricevuto persino l’approvazione del rapper americano Common (protagonista di una jam con Ainé qualche mese fa sul palco del Cohouse).
Una miscela delicata e al tempo stesso esplosiva di neo-soul, hip-hop, pop e soft rock, registrata e mixata nei prestigiosi studi del Forum Music Village dall’ottimo Davide Palmiotto e sotto la direzione e produzione musicale di Pasquale Strizzi, pianista e arrangiatore barese diplomato al Berklee College of Music di Boston.
Abbiamo deciso di raccontarvi “Generation One” direttamente nella sua versione live ascoltata durante il release party al Monk.
Nonostante si tratti di un martedì, il pubblico romano risponde puntuale popolando la sala principale del Monk fin dai suggestivi brani intro “Spirit” e “Madness” che fanno da ponte alla sontuosa apertura con “Dimmi se puoi”, piccola gemma in pieno stile Nu-Soul/R&B, che incanta subito i presenti.
In questo modo Ainé e la sua giovanissima band rompono immediatamente il ghiaccio e conquistano il palco come fossero veterani.
Si continua con “Niente”, riuscitissimo incontro fra groove e melodie pop, per poi passare all’esecuzione di ben cinque brani in lingua inglese (dove forse il vocalist romano da il meglio di sé).

ainé

Di grande impatto la vena profondamente black di “Leave me alone”, il tessuto pregiato e ricco di incastri di “Brighter than gold” e le ballate pop/rock “Be my one” e “Promises”(la prima vicina alle atmosfere di una romantica colonna sonora cinematografica e la seconda che sembra addirittura ricordare la vena acustico/sperimentale di certi brani dei Porcupine Tree), impreziosite dalla chitarra di Alessandro Donadei che interpreta il suo ruolo alla perfezione.
Ainé non può lasciare indifferente, domina il palco da vera star e, benché visibilmente emozionato, non sbaglia nulla. Mai una nota fuori posto, mai una piccola imperfezione, per quello che potremmo definire un controllo vocale e una dote personale valorizzati negli anni anche attraverso lo studio e il confronto quotidiano con realtà internazionali.
Impossibile non menzionare la straordinaria attitudine e il talento dei musicisti che lo accompagnano: Seby Burgio (all’attivo collaborazioni con artisti come Fabrizio Bosso, Francesco Cafiso e Mario Venuti) dipinge sofisticati tappeti al piano e al rhodes che rimandano al percorso di Robert Glasper con il progetto Experiment, alla batteria Dario Panza conquista tutti con una ritmica robusta, personalissima e al tempo stesso raffinata, così come il bassista Emanuele Triglia che non fa mai rimpiangere i colleghi americani che hanno interpretato i brani sul disco.
Sul palco, per un brano, anche l’eccellente trombettista Daniele Raimondi, uno dei giovani talenti più seguiti nel panorama jazz della penisola.
Giunge il momento dei singoli, dove il presente di Ainé abbraccia il suo passato.
“Dopo la pioggia”, il cui originalissimo video diretto dal regista Raoul Paulet ha da poco superato le undicimila visualizzazioni su youtube, va dritto al segno e resta subito nella testa dei numerosi fan presenti; “Cosa c’è” (single track uscita nel 2014) chiude il cerchio e rende magica l’atmosfera coinvolgendo il pubblico che canta a memoria il primo ritornello.
C’è tempo per l’inedito “Dancing for joy” e per una chiusura da pelle d’oca:
il concerto termina con “Nascosto nel buio”, struggente brano dedicato ad un amico scomparso, a metà strada fra il sound di Prince e le delicate melodie del primo Damien Rice.
Con Ainé si sogna ad occhi aperti, il cantante/polistrumentista ci lascia sbalorditi e con un pizzico di amaro in bocca, alla fine di un live magnifico anche se piuttosto breve (circa 50 minuti di show).
Il futuro è alle porte e l’uscita di “Generation One” può davvero rappresentare un cambio di marcia per quanto riguarda la congiunzione fra panorama underground e musica pop in Italia.
Il duro lavoro, la passione e le idee saranno ripagati, su questo non dovrebbe esserci dubbio.
Ad Maiora, Ainé!

Ant De Oto

Il video del singolo “Dopo La Pioggia” feat. Sergio Cammariere:

Link:
https://www.facebook.com/AINÉ-1480222938894745
https://www.facebook.com/tipsradio
https://www.facebook.com/radiokaositaly
https://www.facebook.com/monkclubroma

Lunedì 30 Maggio – TIPS! ospita “Jazzcat” e “Duck Juice”

0

Lunedì 30 Maggio 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: “Jazzcat” e “Duck Juice”

Torna il lunedì di Tips! all’insegna del funk, del jazz, dell’elettronica e delle sonorità più lontane e nascoste.

Anche questa settimana due progetti ospiti:
Nella prima parte intervisteremo i Duck Juice, progetto funk/jazz strumentale di Ferrara composto da: Gian Piero Benetti (sax), Lorenzo Locorotondo (tastiere), Luca Chiari (chitarra), Federico Perinelli (basso), Emanuele Locorotondo (batteria) e Guglielmo Campi (percussioni).
L’intento della band è quello di creare un sound energico per il corpo e per la mente, basato sul groove del tipico del funk prendendo però anche ispirazione da altri generi: un percorso che va dalla black music al rock, passando per il jazz e l’R&B creando un’esplosiva miscela.
Nel 2012 registrano il loro primo EP distribuito dalla “Jayworks Music Label” sui portali online.
Dopo aver registrato un album live e frequentato diversi palchi, il gruppo si è chiuso in studio per lavorare al suo primo album, uscito nel maggio 2016, che vede la partecipazione di una sezione fiati e di guest come Le Scat Noir (trio a cappella) e Dj5L, dalla crew dell’Alien Army.

Dopo lo stacco pubblicitario invece avremo il piacere di intervistare Massimiliano Conti (musicalmente noto in Italia e all’estero come Jazzcat). Si tratta probabilmente del DJ italiano più seguito su Mixcloud a livello internazionale. I suoi mixtape ottengono sempre parecchie migliaia di visualizzazioni e la sua pagina personale sul portale ha recentemente superato gli 80.000 followers.
Massimiliano inizia nei primi anni ’80 a collezionare dischi di vari generi. Ben presto si interessa in modo particolare alla “black music” iniziando un’approfondita ricerca che lo porta a scoprire il jazz, sicuramente ad oggi la sua più grande influenza. Dal 2010 è presente su Mixcloud con più di 390 dj set pubblicati che spaziano dal jazz al soul, funk, afrobeat, brazilian, disco, rare grooves. Durante questo periodo Jazzcat ha avuto occasione di collaborare con dj, produttori, musicisti, etichette discografiche, club, festival ed emittenti radiofoniche di tutto il mondo. Dall’inizio del 2015 entra a far parte della crew di Ness Radio che trasmette ogni settimana un suo mix esclusivo.
TIPS! vi presenterà questi progetti attraverso due appassionate interviste e tanta buona musica.
Da non perdere la rubrica “Past, Present & Future” questa settimana dedicata all’elettronica.
Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide” attraverso le sonorità e le culture musicali.

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

#TUNEIN

https://www.facebook.com/tipsradio

Link:

DUCK JUICE
Ascolta o acquista l’album su bandcamp: https://duckjuice.bandcamp.com/
Facebook: https://www.facebook.com/duckjuiceband

JAZZCAT
Mixcloud: https://www.mixcloud.com/maxvibes/
Radio: //nessradio.com/ness-crew/
Facebook: https://www.facebook.com/Jazzcat-784853134912056

Lunedì 23 Maggio – Tips! ospita Rodion e Gianluca Diana (Mojo Station Blues Festival)

0

Lunedì 23 Maggio 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Rodion e Gianluca Diana (Mojo Station Blues Festival)

Una nuova puntata di Tips! all’insegna del groove, delle contaminazioni fra generi e dell’internazionalità.
Questa settimana ancora una volta due progetti ospiti.
Nella prima parte intervisteremo Rodion, Dj/producer romano residente a Berlino, che ci parlerà del suo nuovo album “Generator”, uscito il mese scorso per l’ottima etichetta inglese Nein Records.
Il disco è stato presentato dal vivo a Roma proprio ad aprile durante l’ultima serata del festival “Manifesto” tenutosi al Monk.
“Generator” è un album suonato con una live band ed è stato composto e registrato tra il 2012 e il 2015 insieme a Tso al basso elettrico e a Gilberto alla batteria e percussioni, tra Roma e Berlino. Le atmosfere passano dal french synth funk alla nordic cosmic disco con tratti psichedelici, in una miscela che fonde il sound cupo e a tratti dark tedesco con melodie più vicine al synth pop degli 80’s e all’italo disco. Un lavoro davvero ben confezionato e l’esibizione al Monk ha decisamente convinto anche sotto l’aspetto “live”.

rodion1

Nella seconda tranche, avremo ospite in studio Gianluca Diana, conduttore radiofonico e direttore artistico di una delle più importanti rassegne blues italiane, il Mojo Station Blues Festival.
Si parlerà del percorso del festival negli ultimi anni, delle culture musicali afroamericane e ovviamente dell’interessantissima line up del festival.
Il Mojo Station Blues Festival è giunto all’edizione numero dodici e andrà di scena dal 26 al 28 Maggio, a Roma, nelle sale del Monk.
La kermesse dedicata ai suoni Afro-American e riferimento di settore in Italia e tra le principali in Europa, torna con una tre giorni che tra concerti di artisti esordienti, affermati e numeri uno al mondo nel settore, propone una full immersion totale all’interno della musica popolare afroamericana. Headliner di caratura internazionale come Luther Dickinson, Samba Touré e Cedric Burnside saranno la punta di diamante della rassegna, grazie anche alle produzioni speciali messe in piedi dalla direzione Artistica, al fine di esaltare l’unicità del MojoFest. Una line-up originale ed unica che costruita appositamente per l’occasione, valorizza ancor più il proprio carattere all’interno dell’intera stagione festivaliera nazionale ed internazionale.
TIPS! vi presenterà questi progetti attraverso due interviste e tanta buona musica.
Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide” attraverso le sonorità e le culture musicali.

12th Mojo Station Blues Festival - Roma 2016

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

#TUNEIN
https://www.facebook.com/tipsradio

Link:

Rodion:
https://www.facebook.com/rodionmusic
Generator, Nein Records, 2016
https://neinrecords.bandcamp.com/album/rodion-generator

MOJO STATION BLUES FESTIVAL:
https://www.facebook.com/MojoStationBluesFestival
https://www.facebook.com/events/553494608166584

[Kaos Live Report + Interview] FatsO (Colombia) live @ MONK CLUB – 12/05/2016 [Italiano + Español]

0

Live Report (ITA)

La missione di “Tips!”, fin dal primo giorno, è sempre stata quella di ricercare delle gemme musicali pure e nascoste nel panorama mondiale ed italiano, senza il minimo interesse per l’hype e per le mode ma piuttosto alla ricerca di progetti artistici che avessero al centro del loro processo creativo non solo il talento tecnico e compositivo ma anche una sorta di viscerale genuinità.
Proprio in quest’ottica, i colombiani FatsO, con la loro musica vibrante e mai scontata, rappresentano il classico esempio di band vicina al nostro “mood” e ai nostri interessi.
Incuriositi dalla presenza in una città come Bogotà di una band blues/jazz/rock (città per altro in grande espansione sotto il profilo culturale), già dalle prime tracce ascoltate su Youtube ci siamo resi conto che il loro concerto nell’ambito della fortunata rassegna JAZZ EVIDENCE, sarebbe stato imperdibile.

160512_FatsO_monk_1

Le tracce dell’album “On Tape” promettevano infatti un viaggio virtuale dal blues al jazz, passando attraverso il rock e il soul, con un sound caratteristico e reso personalissimo anche grazie alla voce profonda e ruvida del cantante, nonché leader, del gruppo, Daniel Restrepo.
La sala principale, arredata con i familiari divanetti rossi, non è molto piena ma il pubblico appare subito interessato e rapito dalle melodie della band, contraddistinte dal groove del contrabbasso di Daniel (autore anche dei testi e degli arrangiamenti) e dai ben quattro fiati (di base, due clarinetti e due sax) che lo accompagnano insieme alla batteria di Cesar Morales.
L’incipit è subito convincente: i FatsO si presentano sul palco con l’eccellente singolo “It’s getting bad”, che lascia subito presagire l’ottimo livello tecnico dei musicisti e l’anima passionale del progetto.

160512_FatsO_monk_4

La prima parte del concerto scorre veloce in un susseguirsi di storie e ritmi che rimandano ai primi stupendi lavori di Tom Waits e alla magica teatralità delle canzoni di Leonard Cohen; non manca però l’elemento latino che in qualche modo risulta evidente nel dna dei sei musicisti. Il brano “Oye Pelao”, cantato in spagnolo e arrangiato con grande gusto e attitudine “sudamericana” ma comunque lontano dai classici cliché, ne è certamente una prova concreta.
Fantastica l’atmosfera di “Snake Eyes”, una piccola perla degna del miglior “Swordfishtrombone” waitsiano e l’approccio alla Joe Cocker dell’ultimo singolo “Hello”.

160512_FatsO_monk_2

Menzione speciale, più che meritata, per Daniel Linero (sax alto e clarinetto), Julio Panadero (clarinetto), Pablo Beltrán (sax tenore) e Daniel Bahamón (sax alto), capaci di impreziosire le canzoni con piacevolissimi tappeti e assoli ben calibrati, mai sopra le righe (Daniel Restrepo lascia loro il palco per un intero brano e i suoi ragazzi se la cavano alla grande).

Il concerto continua fra la grande approvazione dell’intimo uditorio e le continue citazioni musicali che risultano sempre pertinenti e modellate in base ai gusti e le tante influenze personali dei musicisti, come l’ottimo cantante/contrabbassista ricorda in uno dei suoi interventi per ringraziare il pubblico e presentare la band.
Il finale è davvero gustoso: i FatsO ritornano sul palco con una divertentissima interpretazione in chiave blues della hit dei Jackson 5 “I want you back”.

160512_FatsO_monk_3

Uno spettacolo sicuramente degno di nota per una band di grande prospettiva, che ci ha regalato una serata ricca di energia e che ha abbattuto tutte le classiche frontiere culturali presentandoci una Colombia davvero differente rispetto alla nostra immaginazione dal punto di vista culturale e musicale. In sintesi, la prova dei FatsO risulta superata a pieni voti e siamo certi che i ragazzi torneranno presto da queste parti ancora più carichi e motivati.
Probabile, infatti, un ritorno della band in Europa per il prossimo autunno.

Ant De Oto di TIPS!

Photo: Renato Brugnola
Link:
https://www.facebook.com/tipsradio
https://www.facebook.com/radiokaositaly
https://www.facebook.com/monkclubroma

Intervista a Daniel Restrepo (voce e contrabasso)

Antonio: Ciao Daniel, tutto bene?
Daniel: Ciao Radio Kaos!
A: Ci è piaciuto un sacco il vostro concerto, è stato fantastico.
D: Grazie mille!
A: Ti facciamo qualche domanda per il pubblico di Tips! e Radio Kaos Italy. Secondo noi, una delle cose che si notano subito nella tua musica, è che ti piace un sacco Tom Waits e che questo cantante per te è stato molto importante.
D: Sì, certo. Tom Waits è uno degli artisti che ho ascoltato maggiormente. In realtà, l’ho riscoperto quando ho iniziato a studiare musica. Mio padre era fissato con la musica e quando io ero piccolo metteva sempre i suoi dischi. Poi l’ho riscoperto dopo circa 15 anni e mi sono innamorato soprattutto del suo modo di scrivere canzoni. Più che del suo modo di cantare. La gente invece pensa il contrario. Mentre io le mie influenze le attribuirei di più a Joe Cocker e Leonard Cohen. Però, assolutamente sì, Tom Waits mi ha influenzato molto soprattutto con i suoi testi.
A: In questo periodo com’è fare il musicista in Colombia?
D: Si sta molto bene,sai. Davvero è un bel periodo per la musica in Colombia. Lo Stato sta investendo molti più soldi. Ci sono molti più festival. Nello specifico, Bogotà è diventata “La città della musica” nel mondo. C’è molta più visibilità, ci sono anche un sacco di fiere e conferenze. Questo per esempio ci ha permesso di fare tantissime cose. Viaggiare, fare nuovi contatti con promoter internazionali e anche venire a suonare qui a Roma.
Penso che questo sia un ottimo momento. Stanno succedendo cose belle in Colombia.

A: Come è natoil progetto “FatsO”?
D: Beh, ho iniziato a suonare e cantare da piccolo e mi sono diplomato in composizione e produzione musicale. Per un certo periodo ho fatto solo il bassista elettrico e avevo smesso di cantare. Ma il mio sogno era imparare a suonare il contrabbasso. Quando alla fine ce l’ho fatta, perché a Bogotà non era così semplice trovarne uno, sono uscite fuori queste canzoni. Così, anche solo mentre studiavo. Suonavo il contrabasso e mi venivano queste canzoni.
All’inizio misi su un trio con batteria e chitarra. Suonavo già con un sacco di altre band ma poi è mi sono stufato ed è arrivato il momento in cui ho mandato tutti a quel paese e ho deciso di fare cose mie.
A: E gli arrangiamenti, i clarinetti, i sax…
D: Di base scrivo tutto io. Anche le parti dei fiati, tranne gli assoli, ovviamente. Ho suonato per molto tempo jazz con gruppi che avevano dei fiati. E ho studiato anche percussioni. Poi ho suonato rock e ho cominciato a stufarmi della chitarra. La chitarra stava sempre davanti! Mentre il bassista sempre dietro. Me ne ero stufato! (ride). Così ho detto: “Metto su un gruppo senza chitarra!”.
E anche se a volte abbiamo suonato con la chitarra, tipo l’anno scorso quando abbiamo fatto un tour in Germania con un chitarrista, la cosa figa è questa, l’armonia che nasce dai fiati. Ed è stato stupendo conoscere questi musicisti che riescono a fare questa cosa.
A: Daniel, grazie mille per questa piccola intervista, sicuramente passeremo dei vostri brani nella nostra radio. A presto!
D: A presto! Complimenti e grazie mille per questo spazio!

*********

Live Report (Esp)
La misión de “Tips!”, desde el primer día, ha sido siempre la búsqueda de gemas escondidas en el panorama músical mundial e italiano, sin el más mínimo interés en el “hype” y las modas, pero mirando más hacia los proyectos artisticos que tenían en el centro de su proceso creativo, no sólo el talento técnico y compositivo, si no también una especie de autenticidad visceral.
En este sentido, los colombianos Fatso, con su música vibrante y nunca predecible, son el ejemplo clásico de banda que se acerca a nuestro “mood” y a nuestros intereses.
Empezamos a escuchar sus temas en youtube por la simple curiosidad de investigar sobre la presencia en Roma de un conjunto bogotano (Bogotà es una ciudad en gran expansión en términos culturales) de blues/jazz/rock, y nos dimos cuenta enseguida que su concierto organizado en el ambito del Festival romano “Jazz Evidence” organizada por el “Monk Club”, iba a ser una performance inolvidable.
Los temas del disco “On Tape” prometían, de hecho, un viaje virtual desde el blues al jazz, pasando por el rock y el soul, con un sonido distintivo y expresado en manera todavìa mas personal gracias a la voz profunda y aspera del cantante y líder del grupo, Daniel Restrepo.
La sala principal, amueblada con los tipicos sofas rojos, no está muy llena, pero el público enseguida parece muy interesado y absorto por las melodías de la banda, expresadas a través del groove del contrabajo de Daniel Restrepo (autor de lletra y arreglos) y nada màs que cuatro vientos ( básicamente, dos clarinetes y dos saxofones) que lo acompañan juntos a la batería de Cesar Morales.
El principio es inmediatamente decisivo: los FatsO aparecen en el escenario con el excelente sencillo “It’s getting bad”, lo que deja presagiar el alto nivel técnico de los músicos y el alma apasionada del proyecto.
La primera parte del concierto se va corriendo en una sucesión de historias y ritmos que recuerdan los primeros estupendos trabajos de Tom Waits y la teatralidad magica de las canciones de Leonard Cohen.
Sin embargo, no falta el elemento latino que, de alguna manera, resulta evidente en el espiritu de los seis músicos.
El tema “Oye Pelao”, cantado en español y arreglado con gran gusto, es sin duda prueba concreta de una actitud tipica de América del Sur, pero aún lejos del cliché clásico.
Fantástica la atmósfera de “Snake Eyes”, una pequeña joya digna del album waitsiano “Swordfishtrombone” y el estilo a lo Joe Cocker del sencillo más reciente “Hello”. Mención especial, más que merecida, por Daniel Linero (saxo alto y clarinete), Julio Panadero (clarinete), Pablo Beltrán (saxofón tenor) y Daniel Bahamón (saxo alto), capaces de hacer preciosas las canciones con las alfombras musicales muy agradables y con solos bien calibrados (Daniel Restrepo les deja el escenario para una canción entera y sus muchachos se portan muy bien).
El concierto sigue entre la gran aprobación de la gente y citas musicales muy buenas, siempre pertinentes y modeladas de acuerdo a los gustos y a las muchas influencias personales de los músicos, como el excelente cantante / bajista recuerda en uno de sus discursos para agradecer al público y presentar a la banda.
El final esta muy sabroso: los FatsO regresan al escenario con una versiòn en clave de blues del grande exito “I Want You Back” de Jackson 5.
Un espectáculo que sin duda destaca por una banda de gran perspectiva, que nos dio una noche llena de energía y que asoló todas las clásicas fronteras culturales, presentandonos una Colombia muy diferente en términos de cultura y lenguaje musical, en comparación con nuestra tipica imaginación.
En fin, la prueba de Fatso ha sido un gran éxito y estamos seguros de que los chicos estarán de vuelta pronto en estas zonas incluso más motivados.
De hecho, es muy probable que la banda vuelva a Europa este otoño.

Ant De Oto di TIPS!

Photo: Renato Brugnola
Link:
https://www.facebook.com/tipsradio
https://www.facebook.com/radiokaositaly
https://www.facebook.com/monkclubroma

Entrevista a Daniel Restrepo (Voz y Contrabajo de FatsO)

Antonio: Hola Daniel, todo bien?
Daniel: Hola Radio Kaos!
A: Nos gustò mucho tu concierto, buenìsimo!
D: Muchas Gracias!
A: Te vamos a hacer unas preguntas para el pùblico de Tips! y de Radio Kaos Italy. La primera cosa que se nota en tu musica es que, en nuestra opiniòn, te gusta mucho Tom Waits y que este cantante tiene por supuesto un significado importante en tu percurso musical.
D: Si, claro. Tom Waits es uno de los artistas que mas escuché. Despues de empezar a estudiar musica, en realidad, lo volvì a descubrir. Porque mi papà era un melomano y lo ponia siempre cuando yo era pequeňo. Pues lo volvì a descubrir despues de 15 aňos y me enamoré mucho sobre todo de la forma de Tom Waits de escribir letras. Mas que la forma de cantar. Mientras la gente piensa que es mas por la forma de cantar. Porque en realidad, mi influencias se las atribuirìa mas a Joe Cocker y Leonard Cohen. Pero claro, sobre todo por la parte de cuentero Tom Waits me impactò mucho.

A: Como es ser un musico en Colombia en esta epoca?
D: Està muy bien, sabes. Es una buena epoca para la musica en Colombia. El Estado està invistiendo mucho mas dinero. Hay muchos mas festivales. Y Bogotà, particularmente se volviò “Ciudad de la musica” en el mundo también. Entonces hay mucha mas visibilidad, hay ferias y rueda de negocios. Eso nos ha permitido esas cosas por ejemplo: viajar , hacer contactos con promotores internacionales y tambien tocar en Roma. Pienso que este es un buen momento. Estan pasando cosas muy buenas en Colombia.

A: Como nacio el proyecto “FatsO”?
D: Bueno, empecé muy de pequeňo cantando y me gradué como compositor y productor. Pero siempre fui tambien bajista electrico y tambien dejé de cantar. Pero quise siempre estudiar contrabajo. Cuando por fin conseguì el contrabajo, porque en Bogotà no era tan facil, Y me empezaron a salir estas canciones. Así, estudiando tambien. Tocaba el contrabajo y me salìan estas canciones.
Primero fue un trio, con bateria y guitarra. Estaba ya con mucha bandas, pero llegò un momento que me cansé y tuve que mandar todo al carajo y hacer lo mio.

A: Y sus arreglos, los clarinets, los saxos…
D: Yo escribo todo. Tambien todas las notas de los vientos, menos los solos, por supuesto. Toqué mucho jazz contemporaneo con bandas que tenian vientos. Y estudié percusión mucho tiempo. Toqué rock también pero me cansé de la guitarra. Es que la guitarra estaba sempre para frente. El bajista siempre a tras. Y me cansé (rie). Dije: “Voy a hacer una banda sin guitarra!”.
Y aunque a veces tocamos con guitarra, de hecho el aňo pasado hicimos una gira en Alemania con un guitarrista, el fuerte es este, la harmonia que nace de los vientos. Y fue muy bueno encontrarme con estos musicos que lo pueden hacer.

A: Muchas gracias, Daniel por esta pequeňa entrevista, nosostros iremos a pasar seguramente tu música en nuestra radio. Hasta pronto!
D: Hasta pronto! Bueno, felicidades y muchas gracias por este espacio!

Lunedì 16 Maggio – Tips! ospita “Kabali Wa & The Bad Preachers”

0

Lunedì 16 Maggio 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Kabali Wa & The Bad Preachers

Dopo il mini-live + intervista della puntata scorsa con i ragazzi de “La Base”, Tips accoglie un’altra formazione molto interessante hiphop/nusoul nata al confine fra le Marche e l’Abruzzo, dove un rapper proveniente dall’Africa ha incontrato i beats strumentali di due talentuosi musicisti.
Kabali Wa nasce a Windhoek Namibia, dopo qualche anno, con la famiglia si trasferisce in Sudafrica dove rimane per due anni. Successivamente, si trasferisce in Italia dove incomincia ad avere le prime esperienze musicali. L’amore per il canto e per il rap, lo portano a pretendere di più dalla musica, così Kabali Wa, inizia a sentire la forte vocazione di dover scrivere i propri testi e a comporre le melodie per le sue canzoni. Poi un giorno conosce Paolo Scarpantoni produttore di musica hip hop, con il quale inizia una collaborazione, fino a quando a loro si unisce Emanuele Tucci musicista e produttore, che insieme a Paolo forma i Bad Preachers, dando così il via alla produzione del progetto insieme a Kabali Wa, The Initiation. Lavoro che unisce le esperienze dei tre artisti fino a formare un collage di sensazioni R’n’B, Soul e Hip-Hop. Con the Initiation, Kabali Wa and the Bad Preachers vogliono incontrare il loro pubblico, con il singolo Man in the City che diventa subito il loro biglietto da visita.

TIPS! vi presenterà la musica di questi giovani artisti con un’intervista esclusiva.
Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide” attraverso le sonorità e le culture musicali.

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

#TUNEIN

https://www.facebook.com/tipsradio

Link:
https://www.facebook.com/kabaliwa
https://www.facebook.com/thebadpreachers

Lunedì 9 maggio – Tips! ospita “Sara Jane Ceccarelli” e “La Base” (intervista + presentazione “live” del singolo “Resti Qui”)

0

Lunedì 9 maggio 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Sara Jane Ceccarelli e La Base

Una nuova puntata di Tips! all’insegna del groove, delle contaminazioni fra generi e dell’internazionalità.
Questa settimana ancora una volta due progetti ospiti.

Nella prima parte faremo due chiacchiere con Sara Jane Ceccarelli, songwriter italo-canadese, che ci presenterà il suo singolo “Rescue Yourself”, uscito lo scorso 26 aprile.
Nella seconda, ci sarà l’intervista + showcase della band “La Base” una nuovissima formazione hiphop/neo soul composta dal chitarrista Francesco Fioravanti, dal rapper Kenzie e il cantante Massimo Cantisani (fresco dell’esperienza a “The Voice of Italy”). “La Base” presenterà in esclusiva “live” il singolo “Resti Qui”, che uscirà proprio il 9 maggio.

Sara Jane Ceccarelli comincia a studiare pianoforte a 3 anni con la giapponese Setzuko Murata. Nel 2001 inizia ad esibirsi in duo con suo fratello Paolo, chitarrista e compositore. Si ispirano inizialmente a Joe Pass ed Ella Fitzgerald così come a Tuck & Patty, esibendosi in duo esclusivamente acustico. Riarrangiano e reinterpretano i classici della musica jazz, soul, brasiliana e pop internazionale con uno stile molto personale che gli ha garantito palchi ed eventi importanti come la Casa del Jazz e Villa Celimontana a Roma, il Trasimeno Blues Festival, il Noborders Jazz Festival.
Dal 2012 inizia il suo percorso di studio e interpretazione di musica proveniente dalle culture più diverse: dalla morna capoverdiana, alla amba e choro brasiliani, passando per il tango, i canti popolari balcani, la chanson francese, i classici italiani, fino al blues e i jazz, da cui proviene. Ad oggi canta in più di 10 lingue.
Dal 2014 è impegnata con vari ensemble tra cui la MED FREE ORKESTRA e l’ORCHESTRA NAZIONALE JAZZ GIOVANI TALENTI, ed è coinvolta nella stesura di vari progetti di teatro musicale in particolare con David Riondino.
Ha collaborato e avuto l’onore di dividere il palco con grandi artisti tra cui: David Riondino, Natalio Luis Mangalavite, Monica Demuru, Erri De Luca, Claudio Santamaria, Paolo Briguglia, Gino Castaldo, Mario Tronco, Paolo Damiani, Eugenio Bennato, Andrea Satta e i Tetes de Bois, Gabriele Mirabassi, Roberto Taufic, Francesco Bolo Rossini e molti altri. E’ corista nel disco di Francesco De Gregori “Amore e Furto – De Gregori canta Bob Dylan.
A settembre 2016 uscirà “Colors” il suo primo disco da solista.

La Base è band hiphop/neo soul formata da tre giovani e talentuosi musicisti.
La formazione, ispirata dal sound di The Roots, D’Angelo e Erykah Badu, si avvale della collaborazione di giovani talenti del panorama jazz romano e propone un sound che si muove con disinvoltura tra armonie jazz e beat hip hop, melodie soul e rime rap.
Se da un lato gli strumenti tradizionali (batteria, basso, chitarra e piano) non fanno sentire la mancanza dell’elettronica, rovesciando le convenzioni del rap nostrano, dall’altro forniscono un approccio moderno al “suonato”, derivante proprio dall’esperienza dell’elettronica nel campo dell’RnB e della black music, tornando, in una sorta di chiusura del cerchio, a vita propria fuori dai piatti dei dj che a loro volta li avevano campionati.
Il confine labile fra tradizione e innovazione è chiaramente dimostrato dai due vocalist che in egual misura danno voce al progetto: se da un lato Massimo Cantisani attinge a piene mani alla tradizione soul e NeoSoul afroamericana, dando una nuova veste a melodie che vedrebbero la loro naturale espressione nella lingua inglese, dall’altro Kenzie dimostra le possibilità espressive del rap in un terreno solitamente a lui estraneo: quello degli strumenti suonati dal vivo.

TIPS! vi presenterà la musica di questi giovani artisti con due simpatiche interviste e uno showcase dei “La Base”.
Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide” attraverso le sonorità e le culture musicali.

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

Ant De Oto

#TUNEIN

https://www.facebook.com/tipsradio

Link:

https://www.facebook.com/sarajanececcarelli
https://www.facebook.com/labaseofficialmusic

[Kaos Live Report] Dayme Arocena live @ MONK CLUB – 14/04/2016

0

Quando capita di intervistare un musicista nei giorni precedenti ad una sua esibizione , l’attesa e la curiosità (soprattutto se si tratta di una prima data in Italia) la fanno sempre da padrone.
Proprio questo era lo spirito che ci ha accompagnato verso il Monk, dopo la piacevole chiacchierata che abbiamo fatto domenica sera con Dayme Arocena (in onda durante la scorsa puntata di TIPS! insieme all’intervista allo staff di Re::Life, agenzia promoter dell’evento).
Del resto, l’arrivo in città della nuova rivelazione del afro-cuban jazz, prodotta e sostenuta da Gilles Peterson con la sua etichetta Brownswood, aveva sicuramente destato interesse nei giorni precedenti fra la stampa e gli addetti ai lavori, creando così una piacevole attesa.
Prima del live la proiezione del film-documentario “La Clave” che Peterson, DJ, produttore discografico e giornalista della BBC (tra i più attenti alle sonorità globali e alle contaminazioni) ha realizzato con il regista Charlie Inman e Havana Cultura (la piattaforma di Havana Club che promuove la cultura cubana). Si tratta di un film dedicato alle radici della musica, della danza e della cultura cubana che ruotano attorno al fenomeno della “rumba”.
Il tempo di risistemare le poltrone nella sala principale de Monk e si parte con il concerto.
Dayme è sul palco accompagnata da tastiera, contrabbasso ed un trio di percussionisti, una line up molto asciutta e minimale, con l’elemento ritmico al centro delle composizioni, in pieno stile cubano.
Dopo l’esecuzione della stupenda “Madres” (riarrangiata rispetto alla versione del disco “Nueva Era”), la piccola e giovanissima cantante cubana saluta il pubblico prima in inglese, poi passando allo spagnolo per spiegare ed introdurre i successivi brani (“Madres” è dedicata alle sue simboliche madri spirituali che la inspirano dal punto di vista musicale), sempre a suo agio e abbandonandosi spesso alla sua contagiosa e simpaticissima risata.
Il concerto è un crescendo di jazz e rumba, con una scaletta dove i brani del suo primo album “Nueva Era” si alternano alle ultime cover tratte dall’EP “One Takes”; Dayme è a suo agio e dimostra la sua potenza e tecnica vocale senza mai strafare, accompagnata da una band piuttosto giovane sicuramente preparata ed interessante anche se non all’apice della propria personalità artistica. Unica pecca forse l’utilizzo della tastiera al posto del pianoforte che avrebbe certamente garantito un suono più caldo e deciso alle composizioni.

13009765_10153746545132917_1997453143_o

La 24enne Dayme, vestita di bianco, ci trascina nel suo mondo colorato, fatto di rum, caffè e paesaggi caraibici, coinvolgendo parte del pubblico nelle danze e dichiarando di essere molto felice per questa prima data romana.
Gli ascoltatori, di tutte le età, ricambiano divertiti, partecipando ai controcanti e divertiti dalla straordinaria verve dell’artista cubana.
Notevole la versione di “Gods of Yoruba”, un omaggio allo storico brano del pianista e compositore jazz Horace Silver, fortemente influenzato dalle sonorità di tutta l’America Latina.
Giunge il momento del bis, con il gran finale “El 456” (un altro estratto dal nuovo EP prodotto dalla Brownswood), brano dedicato al “Volo 456” della storica compagnia di linea “Cubana de Aviacion”.
Applausi a scena aperta, ancora un gran colpo per la rassegna JAZZ EVIDENCE, che durante questa stagione ci ha regalato, anche grazie a RE::LIFE, una serie di concerti mai banali, sostenuti attraverso una direzione artistica davvero attenta alle tendenze musicali del momento in ambito di “world music”, senza mai tralasciare l’importanza dei classici e dei musicisti che hanno fatto la storia del jazz e del “groove”.
Prossimo appuntamento giovedì 21 Aprile con la prima data romana in assoluto di Robert Glasper con il suo progetto “Experiment”. Vietato mancare!

Ascolta il podcast con l’intervista a Dayme Arocena e allo staff di Re::Life

Ant De Oto
Link:
https://www.facebook.com/tipsradio
https://www.facebook.com/radiokaositaly
https://www.facebook.com/monkclubroma

Tips song:

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

Una famiglia kaotica, una settimana stratosferica ed una domenica che…prude!

0

Ogni settimana Radio Kaos Italy vi presenta qualche novità. Oggi è il turno della seconda puntata di Family Kaos e la nostra Giorgia vi presenta ALT! con quella strana coppia formata da Giulio Falla e Giovanni Romano

Prima di lasciarvi con il menù settimanale vi ricordiamo che domenica c’è l’attesissimo evento L’etichetta prude (su facebook al link: https://www.facebook.com/letichettapruderki1/?fref=ts), venite a trovarci in vetrina, vi aspettano u sacco di sorprese, musica live, bella gente e…

“Il Menù che prude”:

Lunedì
12:00 FACCE CASO #news #approfondimenti
13:00 KAOS LUNCH #sport #BORGHETTAsTILE #FOOTBALLCUP
15:00 L’ALMANACCO DEL RISVEGLIO #oroscopo #risveglio
16:00 HELLO VINTAGE #vintage #SIMONEcATALDO #MARIAELENAmASETTI #COUPdEtHEATRE
17:00 LE VALCHIRIE #valchirizzazione #ROBERTAbRUZZONE
18:00 #DISORDER #sperimentazione #nonTeLaspettavi
19:00 NEWS DEL CASCO #news #tuttologia
20:00 AUDIOVIDEODISCO #sarcasmo #musica
21:00 KUTSO & THE KING #stropicciarsiLeOrecchie #ironia
22:00 FLAIR PROJECT ONAIR #miscelazione #buonbere
23:00 TIPS! #wordwide #DAUMEaROCENA #Re::Life
00:00 ART JAZZ #JAMsession #FabianaRosciglione #GiorgioRosciglione #GegeMunari #AndreaCandela

Martedì
12:00 ROCK SHOP #OVERSIDE #MAPI #CAPODILUCE
13:00 KAOS LUNCH #divertimento #simpatia
15:00 HEAVY TIME #metal #ROBERTOdEmICHELI #RAPSODYoFfIRE
16:00 ON BOARD #tavola #curiosità
17:00 45 SEKKI #punk #PUNCREAS
18:00 DISC DELIRIUM #eccentrico #percezione
19:00 BAD MEDICINE #olivia #ospiti
20:00 BEERADIO #birra #ANTONIOmELILLOmELILLO #GIUSEPPEnEGRI
21:00 WHITE CANOTTA #streetArt #ospiti
22:00 CONTAINER #tecno #novità
23:00 ATAUD #scuro #maledetto

Mercoledì
12:00 IPOTESI DI COMPLETTRO #complottismo #verità
13:00 KAOS LUNCH #comicità #
15:00 ALTA FEDELTA’ #top5 #STRAWBOSCOPIC
16:00 100° DI LIBERTA’ #innovazione #tecnologia
17:00 FATTORE C #live #ospiti
18:00 EL MONO #musica #latina
19:00 ASTARBENE #reggae #elCiringuitoLibre
21:00 THE 5TH ELEMENT #hip #hop
22:00 TOTALLY IMPORTED #jazz #novità
23:15 PERFORMACTION ROOMS #performazioni #eneide

Giovedì
13:00 KAOS LUNCH #cinema #curiosità
15:00 LEBOWSKI BLUES FAMILY #live #blues
16:00 TROPPA TRAMA #etichette #musicaA360gradi
17:00 ITALIAN STAIL #musica #italiana
18:00 ALT #live #ospiti
19:00 10 BY DAN #nuoveUscite #vecchieGlorie
20:00 PULP #curiosità #musica
21:00 C’ERA UNA VOLTA IL CINEMA #cinema #critica
22:00 ***NEW*** STREGATI DALLA RETE #new #chiacchiere

Venerdì
13:00 ROMA CHIAMA #cittadini #Roma
15:00 AIUTATEMI CHE MI DEVO SPOSARE #comicità #matrimonio
17:00 BLACK GOLD #selezioni #musicali
18:00 ELECTRIC LOREM #elettronica #aperitivo
19:00 TDCS #live #mixing
20:00 BAD SELECTION #cazzeggio #ilarità
21:00 ENJOY THE TRIP (ETT) #viaggio #StraniAnimaletti

Sabato
14:00 OPEN SPACE #gliArtistiPrimaPassanoDaQui #ospiti
17:00 SCRATCHY SOUND #Clash #UnitedKingdom
18:00 LET’S GOAT RECORD #etichetta #punk

Domenica
18:00 Library kaos #caseEditrici #libri
21:30 Spaghetti unplugged #live #Marmo

Questo è quello che vi segnaliamo al momento, ma a noi piace stupire e sorprendere quindi
STAY CONNECTED, STAY TUNED!
per non dover dire “…e io non c’ero!”

DOMENICA 17/04/2016 alle 19:00
etichetta_prude

su facebook:
https://www.facebook.com/letichettapruderki1

Lunedì 11 Aprile – TIPS! ospita “Dayme Arocena” e “Re::Life”

0

Lunedì 11 Aprile 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Dayme Arocena e Re::Life

Una nuova puntata speciale di Tips! con un’intervista alla cantante cubana Dayme Arocena, che sarà in concerto a Roma il 14 Aprile sul palco del Monk Club per un evento organizzato dall’agenzia Re::Life.
Nella seconda parte intervisteremo anche lo staff di Re::Life, parlando dei prossimi concerti e dei progetti futuri.

Cantante, compositrice, arrangiatrice, direttrice di coro e band leader, Daymé Arocena a 24 anni è già una veterana e una presenza carismatica nella scena musicale cubana, dove ha esordito da professionista all’età di 14 anni.
A cominciare dagli studi sui canti e sulle musiche tradizionali, ha via via scoperto e assimilato altri stili, in particolare il jazz e il soul.
Grazie alle sue straordinarie doti è riuscita a catturare ben presto l’attenzione degli addetti ai lavori. Nel 2010, entra a far parte del quintetto jazz fusion, Sursum Corda, con cui si esibisce anche al di fuori del suo paese. Il suo status cresce ulteriormente, finanche arrivando a duettare prima con Wynton Marsalis e la sassofonista canadese Jane Bunnett e poi con Ed Motta e Roy Ayers.
Nel frattempo era stata notata da Gilles Peterson, spesso a Cuba in ambito della collaborazione con il progetto Havana Cultura, che era rimasto estasiato al punto da volerla fortemente nel roster della sua etichetta.

Re::Life nasce nel 2003 come concept night alla Palma club di Roma dove mantenuto la sua residenza settimanale fino al 2007, anno in cui il jazz club ha chiuso i battenti. Una concept night che nel 2005/6 è sbarcata con residenze mensili anche allo storico Tunnel di Milano e alla Flog di Firenze. La concept night dopo un altro paio di stagioni è stata sospesa per mancanza di spazi adeguati. Al contempo Re::Life ha coltivato l’attività di booking ed organizzazione di eventi su tutto il territorio nazionale. Si tratta di un’agenzia specializzata in sonorità “black” e di quello che potremmo definire “organic groove”. Ha lavorato e promosso artisti del calibro di Batida, Bilal, Bixiga 70, Cola & Jimmu, Criolo, Dam-Funk, Débruit, Estére, Hidden Orchestra, Ibibio Sound Machine, James Pants, Jimi Tenor, José James, J.Rocc, Karl Hector & the Malcouns, Lucas Santtana, Madlib, Mndsgn, Metà Metà, Michael Rutten, Mo Kolours, Myron & E, Mulatu Astatke, Nicole Willis, Ondatropica, Orlando Julius, Questlove, Pat Thomas & Kwashibu Area Band, Paul White, Peanut Butter Wolf, RocketNumberNine, Rosalia De Souza, Skip “Little Axe” McDonald, Stateless, Taylor McFerrin, Teebs, The Comet Is Coming, The Heliocentrics,The Sweet Vandals, The Kondi Band, The Souljazz Orchestra.

Ospiti in studio Riccardo Rozzera e il fondatore Marco Saurini.
Si parlerà dei prossimi concerti previsti (tra cui la data romana di Dayme Arocena, i due live di José James a Milano e Bologna e la prima a Roma per Robert Glasper con il progetto “Experiment”).

TIPS! vi presenterà questo progetto con un’intervista esclusiva e le classiche “mance virtuali” di musica dall’Italia e dal mondo.

Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide”…

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

#TUNEIN

https://www.facebook.com/tipsradio
https://www.facebook.com/dayme.arocena
https://www.facebook.com/ReLife-28687678021

Aprile, dolce dormire…gli uccelli a cantare e gli alberi a fiorire!

0

Questo proverbio ci rispecchia in pieno, mentre la maggior parte delle persone tende alla pigrizia, noi ci siamo rimboccati le maniche per voi!

E’ scientificamente provato che il nostro cervello effettua una sorta di cambio di stagione, proprio come un computer (o noi con gli armadi), durante questo mese smaltisce le vecchie memorie non più utilizzabili rigenerandole con quelle nuove, quindi, il cervello assorbe più energie generando sonnolenza. Qui interveniamo noi kaotici per farvi riformulare in breve tempo memorie più fresche per quanto riguarda arte, intrattenimento, cultura e soprattutto musica, il tutto per non farvi affaticare troppo!

Siete pronti quindi al cambio di stagione!?
Se il senso di stanchezza è forte fate affidamento a Radio Kaos Italy, questo il “Menù rigenerativo”:

Lunedì
12:00 FACCE CASO #news #approfondimenti
13:00 KAOS LUNCH #sport #risate
15:00 L’ALMANACCO DEL RISVEGLIO #oroscopo #risveglio
16:00 HELLO VINTAGE #vintage #METROMUSETTE
17:00 LE VALCHIRIE #valchirizzazione #ROBERTAbRUZZONE
18:00 #DISORDER #sperimentazione #nonTeLaspettavi
19:00 NEWS DEL CASCO #news #tuttologia
20:00 AUDIOVIDEODISCO #sarcasmo #musica
21:00 KUTSO & THE KING #stropicciarsiLeOrecchie #ironia
22:00 FLAIR PROJECT ONAIR #miscelazione #buonbere
23:00 TIPS! #wordwide #ANUDO #TECHNOIR
00:00 ***NEW***ART JAZZ #JAMsession #ALBERTOpARMEGIANI #NICOLAaNGELUCCI,DOMENICOsANNA,LUCAfATTOTINI

Martedì
12:00 ROCK SHOP #ANTONIOaLLEGRO #BOXtHEwITNESS
13:00 KAOS LUNCH #divertimento #simpatia
15:00 HEAVY TIME #metal #GUSdRAX
16:00 ON BOARD #tavola #curiosità
17:00 45 SEKKI #punk #PUNCREAS
18:00 DISC DELIRIUM #eccentrico #percezione
19:00 BAD MEDICINE #olivia #ospiti
20:00 BEERADIO #birra #LATERALbLAST
21:00 WHITE CANOTTA #streetArt #ospiti
22:00 CONTAINER #tecno #novità
23:00 ATAUD #scuro #maledetto

Mercoledì
12:00 IPOTESI DI COMPLETTRO #complottismo #verità
13:00 KAOS LUNCH #comicità #GIANLUCAgIULIARELLI
15:00 ALTA FEDELTA’ #top5 #AUTOREVERSE
16:00 100° DI LIBERTA’ #innovazione #tecnologia
17:00 FATTORE C #live #ospiti
18:00 EL MONO #musica #latina
19:00 ASTARBENE #reggae #elCiringuitoLibre
21:00 THE 5TH ELEMENT #hip #hop
22:00 TOTALLY IMPORTED #jazz #novità
23:15 PERFORMACTION ROOMS #performazioni #eneide

Giovedì
13:00 KAOS LUNCH #cinema #curiosità
15:00 LEBOWSKI BLUES FAMILY #live #blues
16:00 TROPPA TRAMA #etichette #musicaA360gradi
17:00 ITALIAN STAIL #musica #italiana
18:00 ALT #live #ospiti
19:00 10 BY DAN #nuoveUscite #vecchieGlorie
20:00 PULP #curiosità #musica
21:00 C’ERA UNA VOLTA IL CINEMA #cinema #critica
22:00 ***NEW*** STREGATI DALLA RETE #new #chiacchiere

Venerdì
13:00 ROMA CHIAMA #cittadini #Roma
15:00 AIUTATEMI CHE MI DEVO SPOSARE #comicità #matrimonio
17:00 BLACK GOLD #selezioni #musicali
18:00 ELECTRIC LOREM #elettronica #aperitivo
19:00 TDCS #live #mixing
20:00 BAD SELECTION #cazzeggio #ilarità
21:00 ENJOY THE TRIP (ETT) #viaggio #StraniAnimaletti

Sabato
14:00 OPEN SPACE #gliArtistiPrimaPassanoDaQui #ospiti
17:00 SCRATCHY SOUND #Clash #UnitedKingdom
18:00 LET’S GOAT RECORD #etichetta #punk

Domenica
18:00 Library kaos #caseEditrici #libri
21:30 Spaghetti unplugged #live #Marmo

Questo è quello che vi segnaliamo al momento, ma a noi piace stupire e sorprendere quindi
STAY CONNECTED, STAY TUNED!
per non dover dire “…e io non c’ero!”

SPOILER:
etichetta_prude

Lunedì 4 Aprile – TIPS! ospita Anudo (Cuneo) e Technoir (Genova)

0

Lunedì 4 Aprile 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Anudo e Technoir

Dopo le vacanze pasquali torna TIPS: una puntata speciale orientata alle sonorità elettroniche con ben due band ospiti.
Vento di novità che arriva dal nord-ovest, sull’asse Liguria-Piemonte, dove synth e campionatori si miscelano perfettamente con chitarre e strumentazioni tradizionali , seguendo il forte spirito di contaminazione dell’elettronica contemporanea.

Nella prima parte, incontreremo i TECHNOIR, freschi di uscita del nuovo EP “NeMui” (Wasabi Produzioni,2016) dal sapore electro ed “experimental soul”.
I Technoir sono un duo di origini nigeriane, greche e italiane, formato da Alexandros (chitarre, laptop) e Jennifer (voce, effetti). Il loro sound può essere definito “soul futuristico sperimentale” perché affonda le radici nel passato, ma è rivolto al futuro. La loro musica ha l’ambizione di creare nuovi ecosistemi musicali in cui si intrecciano svariati elementi provenienti dalla black music, dal jazz, dalla world music e dall’elettronica più sperimentale. Nei loro brani convivono chitarre funk jazz, beat futuristici, campioni polverizzati e voci soul. Proprio per questo motivo, il titolo del loro primo progetto (suddiviso in 3 uscite digitali che andranno a formare un album) è NeMui, ovvero Nu Ecosystem Musically Improved.

Ospiti del secondo blocco, saranno invece i piemontesi ANUDO, che proprio il 4 aprile daranno alla luce il loro primo album “Zeen” (MArteLabel, 2016), un esordio discografico che costituisce la prova del nove per il trio cuneese che ha conquistato l’attenzione di pubblico e promoter con i due singoli (“Just” e “Fools”), pubblicati nel corso del 2015.
“Zeen” è un viaggio di 10 tracce attraverso paesaggi sonori di elettronica contemporanea dal gusto berlinese, con morbide melodie sporcate da un’attitudine punk che si diramano su bassline compatte e si immergono nella penombra delle Alpi, dove gli Anudo hanno trasformato una cascina isolata in un recording studio di ultima generazione.
Fuoriclasse della musica ibrida e digitale, con alle spalle diversi progetti ed esperienze sui più importanti palchi europei, i tre producer utilizzano suoni ambientali campionati in diverse città del vecchio continente mixandoli ai synth analogici, autentica colonna portante del loro sound.

TIPS! vi presenterà questi progetto con due speciali interviste e le classiche “mance virtuali” di musica dall’Italia e dal mondo.
Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide”…

Ant De Oto

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

#TUNEIN

https://www.facebook.com/tipsradio

Link:

ANUDO
Website: www.anudoanudoanudo.com
Facebook: www.facebook.com/anudomusic

TECHNOIR
Website: www.technoirmusic.com
Facebook: www.facebook.com/technoirofficial

Lunedì 21 Marzo – TIPS! ospita Paola Fecarotta (Armaud)

0

Lunedì 21 Marzo 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospite: Paola Fecarotta

Una nuova puntata di Tips! all’insegna delle sonorità nascoste, in Italia e nel mondo.

Questa settimana ospite Paola Fecarotta, trombettista, cantante e chitarrista, leader del progetto “Armaud”.
Cresciuta in mezzo alla musica sin da bambina, frequenta la Saint Louis School di Roma [Italia]. Nel 2009 si trasferisce in Olanda per studiare jazz al Conservatorium di Amsterdam. A dicembre 2013 intraprende il suo delicato progetto chitarra e voce sotto lo pseudonimo di Armaud, in seguito le si affiancano Marco Bonini [Mamavegas] alla chitarra e Marco Mirk [Cayman The Animal] alla batteria ed elettronica.
How To Erase A Plot • il debutto di Armaud, è uscito il 23 Ottobre 2015 per Lady Sometimes Records.
Un delicato disco dreampop (ma anche sad pop e trip hop) dal sapore lo-fi, ricco di melodie agrodolci tipiche della prima Cat Power o di una dimessa PJ Harvey, e dagli arrangiamenti raffinati che ci riportano un po’ alle atmosfere di Daughter. Dieci canzoni incantate, che ci lasciano la possibilità di abbandonarci a pensieri e ricordi, a galleggiare in un tempo sospeso.

TIPS! vi presenterà questo progetto con un’intervista esclusiva e le classiche “mance virtuali” di musica. Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide”…

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

#TUNEIN

https://www.facebook.com/tipsradio

Link:
//www.ladysometimesrecords.com/artists/armaud
https://www.facebook.com/armaudband

Tips suggests:

[Kaos Live Report] Public Service Broadcasting live @ QUIRINETTA – 12/03/2016

0

I Public Service Broadcasting, duo di giovani londinesi con un look da “dandy” consumati, dichiarano di avere una missione: «insegnare le lezioni del passato attraverso la musica del futuro».
Il loro spettacolo audio-video nasce dall’utilizzo di “sample” tratti da vecchi spot e cortometraggi informativi commissionati dai governi USA e UK a partire dagli anni Quaranta e per tutto il periodo della guerra fredda, a cui si aggiunge tutta la strumentazione live composta da un set di basso, chitarra e batteria, più effetti elettronici e pad.
Recentemente hanno presentato il loro nuovo album “The Race For Space” (uscito lo scorso 2 febbraio per Test Card Recordings), con due show speciali presso il “National Space Centre” del Regno Unito seguiti da un lungo tour europeo, comprese le cinque date italiane.
Il Teatro Quirinetta è sold out. Tanta affluenza, forse dovuta anche al party after-show , con un pubblico un po’ chiacchierone ma tutto sommato attento.
Si parte un po’ in ritardo, alle 23:20 circa, il tempo di ordinare una birra e la band è sul palco iniziando a travolgere gli spettatori in un lungo viaggio spazio/tempo dove passato e modernità convivono in maniera paradossalmente “pacifica” e onirica.

20160312_concerto_publicservicebroadcasting

La tecnica dei musicisti non è strabiliante, le idee sono però freschissime, i sample audio (raramente comprensibili per il pubblico italiano) rendono le composizioni non banali e il tiro post-wave, con sfumature di elettronica e krautrock, della band è sicuramente coinvolgente. J. Willgoose Esq ( chitarra, banjo ed effetti), il bassista JF Abraham e ed il batterista Wrigglesworth suonano con piacere e si lasciano seguire nota dopo nota sullo sfondo dei bellissimi filmati d’epoca selezionati.
Salutano il pubblico più volte in modo divertito, utilizzando sempre un effetto per rendere le voci simili a quelle robotiche e quasi radiofoniche degli speaker dei filmati, ricordando anche le trasmissioni di messaggi fra astronauti e le basi NASA.
In effetti, il tema principale dello show, come accennato, è la conquista dello spazio e in particolar modo della luna, tema centrale durante tutta la guerra fredda (ripreso, con sonorità diverse, anche dai “nostri” YOUAREHERE nel loro ultimo album).
Il concerto giunge in modo fruibile alla conclusione e c’è spazio per un ricco bis e poco prima per l’acclamatissima “Go!”, penultimo singolo dei PSB uscito nemmeno un mese fa (23 febbraio).
La gente si diverte, c’è perfino chi balla e si lascia trasportare compiaciuto dal flusso di musica e parole.
Non male per questi giovani “dandy” post-moderni, che porteranno con loro a Londra sicuramente un bel ricordo del tour italiano e dalla data romana al Teatro Quirinetta.

Ant De Oto – Tips!

Link:
https://www.facebook.com/tipsradio
https://www.facebook.com/radiokaositaly
https://www.facebook.com/teatroquirinetta

Lunedì 14 Marzo – TIPS! ospita Funk Pope [Sweat Drops]

0

Lunedì 14 Marzo 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospite: Funk Pope [Sweat Drops]

Una nuova puntata di TIPS! all’insegna della buona musica.
Viaggi virtuali che vi portano perle nascoste da ogni angolo del pianeta.
Questa settimana l’ospite è Massimo Andreozzi a.k.a. Funk Pope.
Il funk è una benedizione e dal 2007 “Funk Pope” ha deciso di fare del groove la sua missione. Dj fondatore del blasonato progetto Sweat Drops in tandem con Dj Baro (Colle der Fomento), oggi Funk Pope mescola assieme diverse sonorità (funk, R&B, disco, hip hop, jazz, reggae, rock e psichedelia) che trovano il minimo comune denominatore nell’approccio “soul” e che ben si adattano sia alla fisicità del dancefloor che ad un viaggio mentale nella black più astratta.
Sweat Drops è un collettivo di dj che condividono la passione per il funk e ogni forma di groove. Assieme promuovono eventi legati alla street culture.
Il collettivo nasce 5 anni fa dalle ceneri di 24Carat per ricordare James Brown e il groove funk-soul dalle radici ai future sounds con dei grandi party in location del calibro di Angelo Mai, Circolo degli Artisti, Animal Social Club, Teatro Lo Spazio e Teatro Quirinetta. Ideatori della serata Dj Baro (Colle der Fomento, Rome Zoo) e Funk Pope, ma la crew vede la presenza attiva di personaggi storici del dancefloor romano e dell’arte metropolitana che rispondono al nome Dj Stile, Dj Serio ed Emiliano Cataldo, oltre a tantissimi collaboratori (dj e bands). La serata ho ospitato negli anni i contenuti musicali di Grandmaster Flash, Afrika Bambaataa, Booker T Jones, Katzuma (Deda/ Sangue Misto), Funkallisto, Comemammamhafatto e Adriano Bono, solo per citarne alcuni. Oggi Sweat Drops è divenuto un vero e proprio contenitore di esperienze artistiche: arte urbana, videomapping, design e altre forme espressive legate all’underground.
Sweat Drops is grooves, colors, shapes!

TIPS! vi presenterà questo progetto con un’intervista esclusiva e le classiche “mance virtuali” di musica dall’Italia e dal mondo.
Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide”…

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

#TUNEIN

https://www.facebook.com/tipsradio

Link:

https://sweatdrops.wordpress.com
https://www.facebook.com/sweatdropsofficial

Lunedì 7 Marzo – TIPS! ospita “The Dining Rooms”

0

Lunedì 7 Marzo 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospite: The Dining Rooms

A quattro anni dall’uscita di Lonesome Traveller, The Dining Rooms tornano con un nuovo album che si riallaccia idealmente con il sound degli esordi del duo milanese, in particolare con le atmosfere cinematiche di Numero Deux (Schema, 2001).
“Do Hipsters Love Sun (Ra)?” contiene atmosfere abstract jazz, cosmic funk, instrumental hip-hop e tutti i tratti e le influenze tipiche del sound dei The Dining Rooms, ma anche un forte elemento cinematico che affonda le sue radici nel mondo delle sonorizzazioni e delle colonne sonore del cinema Italiano. La reinterpretazione di quelle atmosfere è l’altro tema del disco, una vena sotterranea capace di infondere nelle tracce dell’album l’incanto di quelle colonne sonore leggendarie.
In quest’ottica si inseriscono le collaborazioni: Jessica Lauren , space woman per eccellenza, e la nouvelle vague del suono italiano collegato a quell’attitudine cinematica, i Sacri Cuori di Antonio Gramentieri e Francesco Giampaoli, e Bruno Dorella, chitarrista dei Ronin (e non solo).
In questa puntata di TIPS! faremo due chiacchiere con Stefano Ghittoni, fondatore del gruppo, a proposito della storia dei “The Dining Rooms” e della realizzazione di questo nuovo album, ascoltando anche qualche brano.
La musica e le storie di TIPS!, raccontate da Ant De Oto, in un viaggio continuo e “worldwide” alla ricerca del groove e delle sonorità più esotiche e nascoste.

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

https://www.facebook.com/tipsradio

Lunedì 29 febbraio – TIPS! ospita “Nadine Carina” (CH/UK)

0

Lunedì 29 febbraio 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospite: Nadine Carina (CH/UK)

Nadine Carina è una cantante e polistrumentista svizzera di Locarno.
Il suo stile è vicino all’indie-pop elettronico, ricco di sperimentazioni ma comunque vicino al folk e alla musica anni ’50.
Nadine utilizza nelle sue composizioni anche giocattoli d’epoca in loop, piccoli strumenti a percussione e ritmi di batteria elettronica.
Dopo essersi trasferita in Inghilterra per studiare presso il rinomato “Liverpool Institute of Performing Arts”, Nadine ha inciso una serie di EP e di album dal 2011 ad oggi.
Nel 2012, Nadine si è divisa fra la Svizzera e l’Inghilterra suonando in molti contesti differenti, tra cui l’apertura del concerto delle CocoRosie a Zurigo.
Il suo ultimo album “Never been to heaven” è uscito a settembre 2014 per l’etichetta svizzera Oh Sister Records.

TIPS! vi presenterà la musica di questa giovane artista con un’intervista esclusiva.
Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide” attraverso le sonorità e le culture musicali.

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

https://www.facebook.com/tipsradio

Link:
https://www.facebook.com/NadineCarinaMusic
https://www.youtube.com/watch?v=-THdIQu8l34

Lunedì 22 febbraio – TIPS! ospita “Beat Soup”

0

Lunedì 23 febbraio 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospite: Beat Soup

BEAT SOUP nasce a giugno 2013 dall’incontro semicasuale tra Nario (Bros) e Luca (Tonnoalnaturale), entrambi appassionati di beats & hip hop.
Le loro “zuppe” sono molto fresche: selezioni jazzy-soulful con un sano tocco di boombap d’annata misto all’old school.

I due già vantano numerosi dj set, serate fisse e varie gigs in giro per Roma (e non solo: Milano, Napoli, Catania, Firenze ecc…). Anche in situazioni particolari come in negozi di streetwear, studi, loft, terrazzi, piscine, botteghe e numerose situazioni foodie.

Beat Soup è diventato poco a poco sempre più un riferimento per la scena del beatmaking italiana e non. Il loro canale Mixcloud è ormai tra i più seguiti al mondo per i tag “beats” e “instrumental hip hop”. Nel 2015, in quei generi musicali, è stato inserito tra i 10 migliori canali del mondo.

Nel 2014 è nato CAFFETTINO. Un progetto totalmente autoprodotto di dj set e live set con guest in situazioni casalinghe.

TIPS! vi presenterà questo progetto con un’intervista esclusiva e le classiche “mance virtuali” di musica dall’Italia e dal mondo.
Come sempre, un viaggio continuo e “worldwide”…

TIPS! è on air tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte solo su www.radiokaositaly.com

#TUNEIN

https://www.facebook.com/tipsradio

Link
facebook: https://www.facebook.com/beatsoupmusic
mixcloud: //www.mixcloud.com/BEAT_SOUP/
vimeo: https://vimeo.com/beatsoupmusic

01 Febbraio 1958 – “Nel blu dipinto di blu” vince l’8° Festival di Sanremo…

0

Ben 58 anni fa la coppia Johnny Dorelli/Domenico Modugno vince l’8° Festival di Sanremo con “Nel blu dipinto di blu”, conosciuta anche come: Volare.

Checchè se ne dica del festival di San Remo questa canzone ha comunque fatto la storia della canzone italiana. E’ l’unica canzone italiana ad essere rimasta in classifica per ben 5 settimane anche negli Stati Uniti e, soprattutto, per l’epoca rappresenta il punto di rottura della musica italiana tradizionale.

La canzone fu subito fonte di ispirazione per molti musicisti, infatti la prima cover fu incisa pochi mesi dopo da Fred Buscaglione. Seguono infiniti reinterpretazioni e riadattamenti, ma quello che rimane di più nelle nostre corde è forse la versione degli “Io e i Gomma Gommas”:

Parlando invece del testo ed in particolare dell’ ormai famosissimo ritornello, la reale nascita e patria potestà è tutt’ora da accertare. Modugno afferma che l’idea gli fosse sorta osservando con la moglie Franca il cielo azzurro dalla finestra della sua casa, invece Migliacci inizialemente affermava che l’idea gli fosse venuta osservando Le coq rouge dans la nuit di Chagall, per ritrattare successivamente affermando che l’idea fosse nata in realtà da un incubo. Restiamo nel dubbio e vi proponiamo il BluMenù della giornata con una new entry alle 16:

13:00 KAOS LUNCH ————————> #SPORT #RISATE #CAZZEGGIO
15:00 L’ ALMANACCO DEL RISVEGLIO ————> #OROSCOPO #RISVEGLIO
16:00***HELLO VINTAGE*** NEW ENTRY! ————> #BURLESQUE #IlGiaguaro #VesperJulie #MadameMesammouche
18:00 #DISORDER —————————–> #FORMARIDOTTA #SCIOPERO
19:00 NEWS DEL CASCO ————————> #NEWS #TUTTOLOGIA #ENERGIA
20:00 AUDIOVIDEODISCO ————————> #SARCASMO #STREETLIFE #MUSICA
21:00 KUTSO & THE KING ————————> #STROPICCIARSILEORECCHIE #IRONIA
22:00 FLAYR PROJECT ONAIR ——————–> #DRINK #MISCELAZIONE #BUONBERE
23:00 TIPS! ———————————-> #WORDWIDE #CONTAMINAZIONI

Lunedì 25 Gennaio – TIPS! ospita “Calamity Jade”

0

Lunedì 25 Gennaio 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospite: Calamity Jade

Ospite della puntata di TIPS! sarà Jada Parolini aka Calamity Jade, DJ e fondatrice dell’agenzia di promozione musicale WILLWORK4FUNK, specializzata in funk/soul/jazz/afro/breaks/soulful house.
Dal 2012, Willwork4funk gestisce la promozione in Italia e all’estero di artisti provenienti da USA, UK, Germania, Francia, Italia e Spagna e per etichette come Légère, Jalapeno, Agogo, Buyu, INFRACom!, Breakin Bread, Wah Wah 45s, Mocambo.
Inoltre Calamity Jade conduce la trasmissione radiofonica “Funk Shui” in onda su Radio Popolare e Controradio.

Nella puntata di TIPS! come sempre news musicali da tutto il mondo, groove, novità in ambito elettronico e l’impredibile mixtap PAST,PRESENT & FUTURE!

Tutti i lunedì dalle 23 a mezzanotte, solo su www.radiokaositaly.com

25 Gennaio – Marcia nuziale, since 1826…

0

Curiosità:
La Marcia nuziale di Felix Mendelssohn, meno conosciuta ai più come “Sogno di una notte di mezza estate”, venne terminata nel 1826, ma diventa LA musica da matrimonio dopo essere stata suonata il 23 Gennaio 1858 alle nozze della figlia della regina Vittoria d’ Inghilterra con il principe di Prussia.

RKI: << Oggi 25 Gennaio 2016 tutto lo staff di Radio Kaos Italy giura solennemente di amare tutti i suoi ascoltatori. Giura di onorarli e rispettarli, in salute e in malattia, in ricchezza e in povertà finché musica non ci separi. >>

ASCOLTATORI: << Oggi 25 Gennaio 2016 IO SOTTOCRITTO…(nome e cognome)… giuro solennemente di amare tutte le trasmissioni e la musica di Radio Kaos Italy. Giuro di onorarla e rispettarla, in salute e in malattia, in ricchezza e in povertà finché musica non ci separi. >>

Ormai avete giurato!

Segue il menù della cerimonia. E’ gradito un segno di partecipazione in chat. Grazie e buona giornata!

13:00 KAOS LUNCH ———————> #SPORT #RISATE #CAZZEGGIO
15:00 L’ ALMANACCO DEL RISVEGLIO —–> #OROSCOPO #RISVEGLIO
18:00 #DISORDER ———————-> #DISORDER
19:00 NEWS DEL CASCO —————–> #NEWS #TUTTOLOGIA #ENERGIA
20:00 AUDIOVIDEODISCO —————-> #SARCASMO #STREETLIFE #MUSICA
21:00 KUTSO & THE KING —————> #STROPICCIARSILEORECCHIE #IRONIA
22:00 FLAYR PROJECT ONAIR ————> #DRINK #MISCELAZIONE #BUONBERE
23:00 TIPS! ————————–> #WORDWIDE #CONTAMINAZIONI

Lunedì 11 Gennaio – TIPS! ospita “You Are Here”

0

Lunedì 11 Gennaio 2016 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospite: You Are Here

Questa sera ospiti di TIPS! Alle 23 i romani YOUAREHERE, per un’intervista sul loro album Propaganda, uscito esattamente un anno fa.
Come sempre la puntata di TIPS! sarà un viaggio virtuale fra le contaminazioni musicali in Italia e nel mondo. Da non perdere la nostra rubrica Past, Present & Future in appendice.

Dalle 23:00 solo su www.radiokaositaly.com

YOUAREHERE è una band elettronica nata a Roma nel 2011, formata originariamente da Andrea Di Carlo, Claudio Del Proposto e Patrizio Piastra. Il suono del gruppo è caratterizzato da ossessive ritmiche glitch, avvolgenti atmosfere elettroniche e coinvolgenti crescendo melodici. Debuttano nel dicembre del 2011 con As When The Fall Leaves Trees (51beats) un album di 9 tracce dove propongono brani dai ritmi frenetici, loop ossessivi, voci in reverb e sognanti melodie di piano. Il disco vanta anche i remix di Sun Glitters e Port-Royal

Ad Aprile 2013 è uscito il loro ep Primavera, e in questo anno, tra le altre cose, aprono il concerto romano di Whomadewho, suonano sul palco dell’Ypsigrock Festival prima di Shout Out Louds e Holy Other, sono l’opening del tour italiano di Porcelain Raft e del live ad Ephebia dei 65daysofstatic.

Nel 2014 Andrea lascia e al suo posto arriva Francesco Stefanini (The Shadow Line) che porta la batteria all’interno della band.

Il 09 Gennaio 2015 uscirà il nuovo lavoro Propaganda, mixato e masterizzato da Andrea Suriani (già al lavoro con Drink to Me, M+A e molti altri) all’Alpha Dept. di Bologna.

La performance live di YAH è caratterizzata da visuals cinematici dalle immagini suggestive e da un suono senza pause in continua trasformazione.

//www.asyndeton.net/
//facebook.com/youarehr
//listen2yah.bandcamp.com/
https://soundcloud.com/youarehere

Si riparte…STAY TUNED!

0

Il 2016 è iniziato e con tanti buoni propositi e tante novità e Lunedì 11 Gennaio inizia un’altra grandiosa stagione di Radio Kaos Italy che vi terrà compagnia con live, trasmissioni, eventi, aperitivi e molto altro che scoprirete man mano…ma tutto unito da due componenti fondamentali: Musica (con la “M” mauiscola) e divertimento!
Se non riuscite ad ascoltare Radio Kaos Italy H24, iniziate ad organizzarvi la settimana in base alle vostre trasmissioni preferite!
Ed allora iniziamo con il nostro nuovo Palinsesto settimanale:

Lunedì
>> KAOS LUNCH (ore 13-15) programma che vi accompagnerà dal lunedì al giovedì cambiando ogni giorno argomento. Il Lunedì è per gli appassionati di calcio e sport in generale possono godere di informazioni e divertimento
>> L’ALMANACCO DEL RISVEGLIO (ore 15-16)
>> #DISORDER (18-19), un programma di cui non anticipiamo niente e diciamo soltato: “Da non perdere!”.
>> NEWS DEL KASCO (ore 19-20), la raccolta di tutte le news curiose, i sondaggi, e i pensieri degli ascoltatori
>> AUDIO VIDEO DISCO (ore 20-21) in compagnia di Ema e Fede, simpaticissimi ed estremamente amanti della musica
>> KUTSO & THE KING (ore 21-22) prima novità del palinsesto condotto dai “Kutzo” e dal nostro Dj Piotto Piotto
>> FLAIR PEOJECT (ore 22-23) in compagnia di bartender professionisti che sveleranno i segreti del buon bere
>> TIPS (23-00) un viaggio continuo e “worldwide” attraverso le storie, le atmosfere e le contaminazioni musicali

Martedì
>> KAOS LUNCH (ore 13-15) dopo il calcio del lunedì, il martedì resterà un punto interrogativo tutto da scoprire…
>> HEAVY TIME (ore 15-16) secondo giorno di palinsesto, seconda novità per Radio Kaos Italy…tutto il Metal di ieri, di oggi e di domani!
>> ON BOARD (ore 16-17) ci porterà ad ascoltare un po’ di musica a bordo di tavole dotate di ruote o lisce come l’olio per scivolare sulle onde
>> 45SEKKI (ore 17-18) col Drastiko, la sua musica e i suoi super ospiti
>> DISC DELIRIUM (ore 18-19) è la trasmissione in inglese che vi parlerà di musica, di cinema e TV cult, accompagnandovi verso un altro livello di percezione in un più totale disc delirium!
>> BAD MEDICINE (ore 19-20) di Olivia Balzar vi darà la carica con del sanissimo rock’n’roll
>> BEERADIO (ore 20-21) si parla di una splendida bevanda gialla: la Birra e tutto ciò che gli gira intorno
>> WHITE CANOTTA (ore 21-22) personaggi, street art e musica che spacca i timpani…pulitevi bene le orecchie prima di ascoltarli
>> TOTALLY IMPORTED (ore 22-23) soul, funk, jazz, afrobeat, electronic vibes e rarities; perle nascoste del passato alternate a novità del panorama musicale indipendente, tutto rigorosamente d’importazione
>> INDIELAND (ore 23-00) a darci la buonanotte c’è la musica “oltre i soliti giri” con Simone Mercurio

Mercoledì
>> KAOS LUNCH (ore 13-15) il mercoledì tutto a base di musica
>> 100° DI LIBERTA’ (ore 16-17) dall’ ideatrice di “Smonta un televisore e accendi un’idea” un programma che parla di creatività
>> FATTORE C (ore 17-18) che sa tutto, ma proprio tutto di ciò che c’è aldilà del mainstream e dell’indie
>> EL MONO (ore 18-19) con la fantastica Amparo che ci porterà nelle zone da noi inesplorate della migliore musica sudamericana
>> ASTARBENE (ore 19-21) in cui i paladini del reggae vi faranno scoprire le migliori tunes, tutte le novità, i concerti e gli eventi della capitale
>> THE FIFTH ELEMENT (ore 21-23) altra new entry…siete pronti per due ore di HIP HOP?
>> ATAUD (ore 23-24) è il programma fatto di sonorità scure e maledette, con approfondimenti, classifiche, news, interviste, live e dj set

Giovedì
>> KAOS LUNCH (ore 13-15) per concludere in bellezza la settimana del Kaos Lunch si parla di cinema
>> LEBOWSKI BLUES FAMILY (ore 15-16) il titolo della trasmissione non vi suggerisce niente?una sola parola: Blues!
>> ITALIAN STAIL (ore 16-17) come si scrive si legge, in puro stile italiano come tutta la musica che ascolterete
>> 45 SEKKI (ore 17-18) secondo appuntamento settimanale per Drastiko ed i suoi ospiti
>> ALT! (ore 18-19) con il meglio della musica indipendente e alternativa e tanti ospiti
>> 5 BY DAN (ore 19-20) ottime notizie dal guru della musica alternativa Daniel C. Marcoccia direttore della webzine RockNow ed ex “capoccia” della rivista Rock Sound, passa da mezz’ora ad un’intera ora: Stay Tuned!
>> PULP (ore 20-21) di Maurizio Narciso, l’enciclopedia musicale che darà un po’ di sano spessore e contenuto alle chiacchiere di Claudia
>> ALL DAY & ALL OF THE NIGHT (ore 21-22) è un viaggio nel rock, per vecchi e nuovi hippy
>> RADIO SUA MAESTÀ (ore 22-23)è il baraccone di ottima musica e riflessioni su tutto ciò che piace ai giovani e ai meno giovani. Cinema, teatro, letteratura, fumetti e quest’anno anche una sapida rubrica di cucina

Venerdì
>> ROMA CHIAMA (ore 14-15) la trasmissione del comune di Roma
>> ROCK’N’BIKE (ore 15-17) è la trasmissione che vi farà pedalare. Ogni puntata 2 ospiti, 2 playlist ed un percorso diverso tra i monumenti più belli della Capitale; il tutto sulle bici elettriche di E-SmartBike.
>> ENJOY THE TRIP (ore 17-18) parte dalle derive sperimentali del pop, passa per il rock e il jazz, affonda nell’elettronica e riemerge nel soul, galleggiando tra trip hop e hip hop
>> ELECTRIC LOREM (ore 18-19) è un progetto radiofonico dedicato al mondo delle Netlables, Etichette, artisti emergenti e amanti della musica elettronica più ricercata
>> TDCS (ore 19-20) è tutto electronic, lithe club, techno, UK garage, bass, IDM, experimental
>> BAD SELECTION (ore 20-21) per chi vorrebbe ascoltare dall’elettronica all’alternative, con novità, gossip ed eventi

Sabato
>> OPEN SPACE (ore 14-16) è la vetrina offerta agli artisti di qualsiasi campo; dalla musica al teatro, dal cinema alla televisione, passando per le webseries e molto altro
>> ON MY RADIO on air (ore 16-17) con DJ MR BENNY speaker e autore dei mix Ska Rocksteady Early Reggae Two Tone
>> SCRATCHY SOUNDS (ore 17-18) Rock’n Roll con il dj dei Clash direttamente dalla United Kingdom

Siamo stati esaurienti? Organizzatevi che tra poco si comincia! Al 5 Ottobre!

Lunedì 14 Dicembre – TIPS! ospita “Daniele Cordisco” & presenta il nuovo LOGO

0

Lunedì 14 Dicembre 2015 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Puntata speciale di TIPS dove sarà presentato il nuovo logo!
Ospite: Daniele Cordisco

Daniele Cordisco, nato a Campobasso il 02.01.1988, si avvicina alla musica sin da piccolo grazie alla passione trasmessagli dal padre, chitarrista jazz.
Oggi, nonostante i suoi soli 25 anni, vanta già un curriculum da professionista, infatti ha avuto l’opportunità di condividere il palcoscenico con alcuni dei musicisti/artisti più importanti della scena musicale italiana e non solo, tra cui: Jeff Young (organista di Sting), Fabrizio Bosso, Danilo Rea, Max Ionata, Stefano Di Battista, Gary Smulyan, Jimmy La Rocca, Julian Oliver Mazzariello, Walter Ricci, Claudio “GREG” Gregori, Paolo Recchia, Michael Supnick, Marisa Laurito, Massimiliano “Max” Paiella, Giorgio Rosciglione, i fratelli Deidda, Lorenzo Tucci, Luca Mannutza, Daniele Scannapieco, Luca Aquino, Aldo Vigorito, Donna McElroy, Christian Maurer, Roy Hargrove, Esperanza Spalding, Nico Menci, Red Pellini ecc.

Parleremo anche di Serge Gainsbourg, Cuba e dell’album di Natty Dub di “beats” instrumental hip-hop dedicati alla musica di Kings of Convenience.

Ascolta un estratto di Daniele Cordisco – “This Could be the start”

Ascolta un estratto di Natty Dub – “Beats of Convenience”:

Solo su TIPS! – www.radiokaositaly.com

daniele_cordisco_disco

Lunedì 30 Novembre – TIPS! ospita “Fabio Liberatori”

0

Lunedì 30 Novembre 2015 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospite: Fabio Liberatori

Fabio Liberatori è un musicista e compositore italiano, È uno dei fondatori della band degli Stadio, con i quali prende parte ad alcuni importanti album di Lucio Dalla, di Ron e alla storica tournée di “Banana Republic”, che vede protagonista il cantautore bolognese a fianco di De Gregori. Durante la sua militanza nel gruppo Liberatori firma successi come “Vorrei”, “C’è”, “Ti senti sola”, “Un fiore per Hal”.
Dopo l’esperienza con gli Stadio, si dedica alla carriera solista e alla composizione di colonne sonore per il cinema (collabora spesso con l’amico Carlo Verdone).
In questa puntata di TIPS! parleremo del suo concept-album “The Asimov Assembly” ispirato ad alcuni racconti di Isaac Asimov tratti dalla raccolta “Nightfall and other stories” (nell’edizione italiana Antologia personale). L’album vede la conferma della consolidata collaborazione con Arturo Stalteri e la partecipazione della vocalist Sonja Kristina dei Curved Air e di Carlo Verdone. Liberatori, vero e proprio cultore della storia della musica elettronica, ha realizzato questo album facendo uso di strumenti che hanno fatto la storia di questo genere, andando dai rarissimi sintetizzatori analogici degli anni settanta e ottanta, fino ai più moderni strumenti di ultima generazione.
Solo su TIPS! – www.radiokaositaly.com
Ascolta di THE ASIMOV ASSEMBLY:

Lunedì 23 Novembre – TIPS! ospita Paolo Bassotti & il “Maestro Mazza”

0

Lunedì 23 Novembre 2015 alle 23:00
Ant “A Tweed” De Oto di Tips!
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]

Per la puntata di TIPS ci saranno due ospiti in studio:

PAOLO BASSOTTI
paolo_bassotti

libro_paolo_bassotti
Nella prima parte mezz’ora del programma avremo in studio lo scrittore, critico musicale e musicologo Paolo Bassotti, autore del libro Sexy Rock. 50 storie di musica e rivoluzione sessuale (2014), 50 storie per raccontare come la musica abbia accompagnato i cambiamenti dei costumi sessuali, e del libro Lou Reed. Rock and Roll. Testi commentati (2012), entrambi per la casa editrice Arcana.

Il 6 Novembre si è inaugurata, a Roma, alla Galleria Parione 9, una mostra ispirata al libro, che ha riunito alcuni dei nomi più importanti dell’illustrazione italiana come Davide De Cubellis, Spugna (Tommaso Di Spigna), Matteo De Longis, Dario Panzeri e Petrella. La mostra è curato dallo stesso Paolo Bassotti insieme con Isabella Mazzanti e IDEA Academy di Roma.



GIANNI MAZZA

Noto personaggio televisivo, conosciuto ai più come “Maestro Mazza”, Gianni Mazza è un compositore, direttore d’orchestra e tastierista italiano.
Di formazione jazz, inizia la carriera come tastierista del gruppo dei Freddie’s, complesso noto sulla scena musicale romana degli anni sessanta; si dedica poi all’attività di cantante, partecipando nel 1965 al Festival degli sconosciuti di Ariccia. Dal 1966 diventa tastierista di Little Tony, e nel 1970 forma un gruppo che accompagna il cantante, The Ambassadors (con Enrico Ciacci alla chitarra, Alberto Ciacci al basso e Gianni Dall’Aglio alla batteria), e che incide anche a nome proprio; diventa inoltre direttore artistico della Little Records, etichetta di proprietà di Little Tony.
Nel decennio successivo realizza molti dischi di altri artisti, lavorando, per citarne solo alcuni, con: Loy e Altomare, Stefano Rosso, I Cugini di Campagna, Anna Melato, sua compagna dell’epoca e Renzo Arbore, per il quale realizza il primo LP dal titolo Ora o mai più, ovvero cantautore da grande.
L’incontro con Arbore si rivela importantissimo per la sua carriera e quindi raggiunge la grande popolarità con la partecipazione, negli anni ottanta, a programmi televisivi di grande successo: da Tutti insieme compatibilmente di Nanni Loy (1980)[1] a Telepatria International (1981)[2], da Ciao Gente di Corrado (1983-1984) a Quelli della notte (1984-1985), da Cari amici vicini e lontani a Indietro tutta! di Renzo Arbore, con il quale prosegue la fortunata collaborazione, offrendogli spesso sponde per le sue gag.
È stato direttore d’orchestra ancora in altri numerosi varietà della RAI. Ha inoltre preso parte, come compositore e due volte come attore, a otto film tra il 1977 e il 2001. Nel 1991 ha partecipato al Festival di Sanremo nella categoria Nuove Proposte con la canzone Il lazzo, senza riuscire ad accedere tra i finalisti. Nel 1996-97 approda a Domenica in con Mara Venier e successivamente con Fabrizio Frizzi e nel 1997 ha pubblicato l’album Mazza… che domenica! edito da Carosello. Sempre con Fabrizio Frizzi dal 1991 al 1996 ha condotto la trasmissione televisiva Scommettiamo che…? di Michele Guardì andata in onda su Rai 1.
Fino al 2005 ha fatto parte del cast del programma di Rai 2 Piazza Grande di Michele Guardì condotto da Giancarlo Magalli, mentre dal settembre 2006 è passato a Buona Domenica su Canale 5. Nel 2009 incide un CD dal titolo: Tutta colpa di mia moglie edito da Rai Trade, che raccoglie alcune sigle celebri della Tv come: Zum zum zum, Cicale, Stasera mi butto, Dadaumpa ed altre, tutte rivisitate con il solito umorismo dissacrante che caratterizza da sempre la sua carriera musicale.
Dalla stagione 2009-2010 ad oggi è direttore d’Orchestra del programma di Michele Guardì Mezzogiorno in famiglia, condotto da Amadeus, Alessia Ventura e Sergio Friscia, in onda su Rai 2 il sabato e la domenica.

Con lui parleremo sopratutto di Funk e di anni’70

[Kaos Live Report + Interview]Hugo Race @Init 13/11/2015

0

Ant De Oto di Tips!
@Init [Roma]
Venerdì 13 Novembre 2015

Hugo Race è uno di quei musicisti che hanno tanto da raccontare e trasmettere sul palco.
A maggio è uscito “The Spirit”, il suo ultimo album in studio, il tredicesimo inciso con la sua storica band “True Spirit” e in questo novembre è partito il suo tour europeo con ben sei date nella sua amata Italia.
Il cantante e chitarrista di Melbourne ha infatti vissuto diversi anni in Sicilia e ha collaborato con numerosi artisti italiani (Cesare Basile, La Crus, Sacri Cuori, ecc.), coinvolgendoli nelle proprie produzione o dando vista a veri propri progetti musicali (Hugo Race Fatalists).
Il nuovo disco “The Spirit”, prodotto dall’etichetta tedesca “Glitterhouse Records”, è stato ben accolto dalla critica e dal popolo del rock-blues italiano ed è in effetti un gioiellino: le atmosfere cupe e polverose della musica di Race emergono ancora una volta in tutta la loro pienezza evocativa, confermando il mix di qualità e di impatto emotivo presente fin dai primi album del songwriter australiano.
Il concerto comincia verso le 23, con il pubblico dell’INIT (peraltro ignaro dei fatti che stavano avvenendo il quel momento a Parigi) diviso fra gli amanti del blues e delle atmosfere cupe dei True Spirit e gli altri giunti per assistere al successivo concerto dei Flipper, storica band punk/hardcore californiana. Particolare da non trascurare , considerando che la performance di Hugo Race & True Spirit risulterà coinvolgente e fruibile anche per coloro che avevano fatto il loro ingresso all’INIT in attesa del secondo concerto.
Il live parte subito con la magia della voce baritonale di Hugo, accompagnato dall’inseparabile chitarra e da una sezione ritmica robusta ed efficace, composta da batteria (Brett Poliness) , basso (Chris Hughes) e occasionalmente dalle percussioni. Dall’altro lato, eccezionale il contributo dei due polistrumentisti Nico Mansy (chitarra elettrica e tastiera) e dell’italiano Michelangelo Russo, che stupisce il pubblico con tappeti e assoli a colpi di armonica, tromba, moog ed effetti.
La band propone un repertorio avvincente e mai noioso, dove il blues elettrico si sposa con estrema naturalezza con le sonorità dark e new wave, che hanno caratterizzato il percorso musicale di Race assieme ai Birthday Party e i Bad Seeds di Nick Cave (Hugo Race è stato membro di entrambe le band durante la prima parte degli anni 80).
Spiccano sicuramente il singolo “Elevate my love”con un giro di basso deciso che ricorda gli album di qualche anno fa di Barry Adamson (anche lui ex Bad Seeds), il blues graffiante e cadenzato della fantastica “Man check you woman”, il sound torbido di “Dollar quarter”, nonché le numerose citazioni e i brani del passato, macchiati di toni dark e krautrock (“Mushroom”, dei tedeschi Can)
In sostanza, un concerto che non ha affatto deluso le aspettative dei fan e che ha conquistato anche il pubblico di fede noise/punk che attendeva la performance successiva dei Flipper.
Hugo Race si diverte, presenta spesso le canzoni in italiano e si congeda dal pubblico con un sincero “Vi amo!”.
Dopo lo show l’abbiamo incontrato nel backstage per una breve intervista fatta in collaborazione fra TIPS e INDIELAND per Radio Kaos Italy.


(Ascolta l’intervista!)

INTERVISTA HUGO RACE @ INIT, ROMA
(A: Antonio De Oto; H Hugo Race)
A: Siamo qui, per RKI, ad intervistare Mister Hugo Race, dopo aver apprezzato il suo concerto. Allora, prima domanda: il tuo ultimo album è uscito nel 2015 (The Spirit, ndr) e hai prodotto numerosi album. Perché, al giorno d’oggi, le band non fanno uscire album ogni anno durante la loro carriera come, ad esempio, succedeva a cavallo degli anni ’60-’70?
H: E’ vero. Le band, un tempo, facevano uscire due o tre album all’anno. Credo che la causa sia dovuta alla quantità di musica prodotta nell’arco degli ultimi vent’anni. Oggigiorno ci sono molti artisti che hanno inciso talmente tanti album, molto più che negli anni precedenti, che c’è solo più musica; quindi penso che la gente sia satura e quando penso di andare ad incidere un disco devo chiedermi perché lo sto facendo, se sto facendo un buon disco e se sto veramente creando qualcosa di nuovo o mi sto solo ripetendo.
Infatti con l’album “The Spirit” ho impiegato sette anni prima di inciderlo perché cercavo un’ispirazione. Chiesi ai musicisti della band di comporre l’album insieme a me. E’ stata la prima volta per me fare una tale richiesta. In passato avrei scritto l’album e solo successivamente avrei richiesto i musicisti. Questa volta ho voluto creare una situazione più intima con la band. Così abbiamo lavorato per tre anni per far uscire questo progetto.
A: Qual è la linea che hai tracciato dagli anni ’80 ad oggi? Hai lavorato con molte band, The Wreckery, Dirtmusic, Fatalists, l’esperienza con Nick Cave.
Qual è il filo conduttore che hai seguito?
H: Penso che quando abbiamo iniziato a produrre musica, parlo anche a nome di band della scena musicale di Melbourne degli anni ’80, era perché pensavamo che la musica in quel momento storico non era abbastanza di qualità. Volevamo divertirci con il tipo di musica che volevamo ascoltare. Melbourne era una città molto isolata e non avevamo la possibilità di acquistare facilmente album da Londra, New York o Los Angeles, quindi abbiamo dovuto sviluppare le nostre idee. Parlo per me stesso, ma forse è vero anche per le altre persone che hanno lavorato con me nei Bad Seeds e della scena di Melbourne, abbiamo messo insieme tutto ciò che sapevamo del vero Rock ‘n’ Roll e del Blues.
A: Si, infatti, sulla scena erano presenti molte band…
H: Effettivamente c’erano due concetti diversi per quanto riguarda le band: a Sidney la radio trasmetteva il blues di Detroit, mentre a Melbourne ce n’era un’altra di cui la gente scrive libri e si cerca ancora di darle un nome.
Ora come ora, credo che avesse a che fare con il blues, nel senso di riportarlo all’entusiasmo primordiale di quel genere di musica che non proveniva dalla mente ma dall’anima.
Era questa l’idea!

hugorace1_151113

A: Ultima domanda in italiano per Radio Kaos Italy. Ti chiediamo, visto che hai vissuto tanto tempo in Italia e collaborato con grandi artisti, che noi apprezziamo molto, come Cesare Basile e Mauro Ermanno Giovanardi (La Crus), qual è il musicista italiano, se c’è, e quali sono i progetti italiani che ti hanno colpito in questi anni, che non hai conosciuto personalmente, ma con cui vorresti lavorare, che ti sono piaciuti e hai apprezzato particolarmente?
H: Difficile da dire. Come scrittore, come testi, io penso, personalmente, che Cesare Basile è molto forte. Non solo perché è un mio amico, ma perché lui è un uomo molto indipendente e segue la sua strada da sempre; perché ha prodotto cose meravigliose nel 1999 (Stereoscope, ndr), tanto tempo fa, e già sapeva esattamente cosa voleva fare. Ancora ascolto le cose che fa adesso. Infatti stiamo collaborando su alcune cose in questi giorni.
Dal punto di vista musicale, i Sacri Cuori mi hanno colpito moltissimo.
A: Tant’è che hai collaborato con loro per il progetto Fatalists.
H: Si. infatti ho iniziato a suonare con Antonio Gramentieri prima dei Sacri Cuori, eravamo amici e abbiamo suonato tanto. Poi lui ha fondato i Sacri Cuori, mentre riguardo il progetto Fatalist è stato costruito in maniera più organica.
Mi piace quello che fanno, nel senso che prendono un sacco di roba storica italiana mista con altre cose e sembra che indichi una strada per la musica italiana, magari in futuro. Nel senso di aprire la mente verso diverse forme di musica, perché se no fosse così la musica italiana rimane isolata, in Italia.
A: Noi di Radio Kaos Italy, siamo d’accordo con te su tutte queste tematiche anche perché cerchiamo proprio di supportare questo tipo di musica anche in Italia.
H: E’ molto importante. E’ una cosa importante da fare!
Traduzione: Azzurra Posteraro
Tecnico Audio, Post-produzione: Luigi Giannetti
Montaggio e simultanea: Simone Mercurio 
Intervista e live report: Ant De Oto

hugorace2_151113

Martedì 17 Novembre – INDIELAND ospita “Stereochemistry” ed intervista ” Hugo Race and The True Spirit”

0

Martedì 17 Novembre 2015 alle 23:00
Simone Mercurio di Indieland
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]

Ai microfoni di Radio Kaos Italy, Simone Mercurio conduce Indieland con due ospitoni. Il primo è Hugo Race, il songrwriter australiano ex Bad Seeds di Nick Cave intervistato da noi in collaborazione con Tips! (Antonio De Oto) .

hugo_race

Il secondo ospite, invece, si definisce “a one woman pop-cabaret unstoppable gypsy madness”: STEREOCHEMISTRY!
Iniziata da piccola alla musica dal papà musicista, Karla, nata in Serbia, si trasferisce in Italia e dedica la sua vita alla musica, mescolata con le bizzarrie del cabaret e dei suoi costumi.
Per conoscerla meglio sintonizzatevi alle 23 su radiokaositaly.com.

karla


Leggi Live Report & Intervista completa & traduzione