Martedì 24 Maggio – WHITE CANOTTA ospita “Maurizio Mequio (Muracci Nostri)” e “Violetta Carpino”

0

Martedì 24 Maggio 2016 alle 21:00
Alessandro Giglio& Valerio Nicolanti di White Canotta
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Maurizio Mequio (Muracci Nostri), Violetta Carpino

White Canotta torna a parlare d’arte e di street art col solito sottofondo musicale a scelta dei conduttori e degli ospiti. Protagonisti della puntata di martedì 24 maggio sono Maurizio Mequio, ideatore di Muracci Nostri ( street art dal basso a Primavalle), e Violetta Carpino, artista che relativamente da poco tempo ha deciso di confrontarsi col “muro”.

muracci

Il quartiere di Primavalle è il punto di partenza di “Muracci Nostri” che arriva poi al Santa Maria della Pietà di Roma con “Caleidoscopio” e si spinge fino a Torrevecchia con Fintan Magee.
Muracci Nostri ha portato la street art a Primavalle, coinvolgendo gli artisti come Omino71, Luis Gomez de Teran, Flavio Solo, MauPal, BoL, Mk e Mauro Sgarbi tra i tanti ( tutti passati a White Canotta per altro).
E’ da una citazione del poeta R.Maria Rilke che prende spunto il progetto: “Le parole non sono che muri”.

160524_white_canotta_muracci nostri 3

Tutto ha avuto inizio un’annetto fa in luoghi ben specifici, (da via Federico Borromeo a via Ascalesi), e legati a punti del quartiere dove nel ’52 è stato girato “Europa ’51”, film di Rossellini con Ingrid Bergman, reinventata nell’opera di Omino71. Ora a distanza di tempo Muracci ha visto anche la collaborazione di artisti internazionali come Pixel Pancho e ancor più recentemente con l’australiano Fintan Magee. Che direzione sta per prendere il progetto? Si allargherà oppure no? Ci sarà un Festival di arte di strada a Primavalle? Ce lo dirà lo stesso Maurizio Mequio ai nostri microfoni.

160524_white_canotta_muracci nostri 1

Appena 25 per Violetta Carpino, eppure già un impegno forte e costante nella valorizzazione nel ruolo della donna. Questo almeno stando a quello che abbiamo imparato a conoscere in strada (ma non solo), anche se, ironia della sorte, il “primo muro” su cui ha lasciato il suo segno non fu esattamente su strada. Per Tracce Temporanee, in Viale Parioli a Roma, ci regalò “Le tre età del femminicidio”.

160524_white_canotta_muracci nostri 5

L’abbiamo ritrovata poi a Santa Maria della Pietà con un opera di forte impatto: ” Ascolto fetale” in cui troviamo un corpo di donna incinta e senza volto, con un orecchio sulla pancia. Un’opera che Violetta ha dedicato a Michelina Passarella e Thomas Saxon Mills, due persone che hanno vissuto il disturbo mentale, l’una ai tempi del manicomio e l’altro ai giorni nostri.

160524_white_canotta_muracci nostri 6

Da ultimo il suo intervento a Pineta Sacchetti per Pinacci Nostri con la sua interpretazione di una storia della zona, come in ogni pezzo che a Pinacci va affiorando sui muri del quartiere. Il suo è : “La Balia”. Non scriviamo altro perchè le curiosità in merito ce le toglierà lei stessa in diretta.
Due personalità diverse e diverso il loro modo di vedere l’arte e la street art? Scopritelo in nostra compagnia dalle 21.00 di martedì 24 maggio su www.radiokaositaly.com o scaricando l’app gratuita TuneIn per smartphone e tablet. Se avete modo passateci a trovare in radio a godervi la diretta di fronte alla nostra vetrina con le casse in strada!

di Alessandro Giglio


PODCAST






Martedì 26 Aprile – WHITE CANOTTA ospita “Alessandra Carloni” & “Lello Melchionda (Pinacci nostri)”

0

Martedì 26 Aprile 2016 alle 21:00
Alessandro Giglio& Valerio Nicolanti di White Canotta
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Alessandra Carloni, Lello Melchionda

Chi segue White Canotta è abituato a vedere puntati i riflettori su artisti, scultori e streetartist. Nella puntata di martedì 26 aprile aggiungiamo qualche novità. Insieme ad un’artista di grande valore come Alessandra Carloni, stavolta avremo il piacere di intervistare anche chi c’è dietro l’organizzazione, preparazione e messa a disposizione dei muri che sempre più di sovente accolgono legalmente i lavori di tanti streetartists nelle nostre città. Lello Melchionda ci parlerà, dopo che nelle nostre trasmissioni l’abbiamo tanto citato, di Pinacci Nostri (che Alessandra Carloni ha contribuito ad arricchire pochissimo tempo fa), un esempio virtuoso di street art dal basso che nel quadrante di Pineta Sacchetti sta andando avanti con sempre più vigore da un pò di tempo.

FOTO 1

Sono passati da noi quest’anno in rigoroso ordine cronologico, Mauro Sgarbi, Riccardo Beetroot, BoL e Beniamino Leone, cui va ad oggiungersi finalmente una donna. Una bella novità che non tarderà a ripetersi martedì 3 maggio con altre 2 artiste che sempre a Pinacci hanno lasciato il segno.

Romana, classe 1984, diplomata all’Accademia di Belle Arti e laureata in Storia dell’Arte Contemporanea, Alessandra dal 2009 sposta la sua attenzione anche sull’arte urbana e la street art in diverse città dello Stivale.

Alessandro “Polite” di White Canotta la scopre per la prima volta su strada in un lavoro che qualche anno fa Alessandra fece all’ingresso di una scuola in Via Papareschi a Roma.

FOTO 2

In diretta su www.radiokaositaly.com scopriremo le influenze dell’artista, i suoi gusti musicali (musica italiana presente pure in alcuni suoi muri), progetti e curiosità. Per farlo oltre che da pc potete scaricare l’app gratuita per tablet e smartphone TuneIn o venendoci a trovare in vetrina per vederci ed ascoltarci in Via Eugenio Torelli Viollier, 17 a Roma (Zona Tiburtina) dalle 21.00 di martedì 26 aprile.

di Alessandro Giglio

Martedì 19 Aprile – WHITE CANOTTA ospita “Le Domeniche Indipendenti”

0

Martedì 19 Aprile 2016 alle 21:00
Alessandro Giglio& Valerio Nicolanti di White Canotta
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Le Domeniche Indipendenti

Frutto dell’idea e del lavoro di tre ragazzi con il pallino della musica e con la voglia di offrire la possibilità a tutti gli appassionati di ascoltare un live e di incontrare gli artisti in un ambiente domestico e familiare, “Le Domeniche Indipendenti” rappresentano un modo diverso di ascoltare la musica dal vivo, con la volontà di riportare la musica alla dimensione privata di una casa. Una dimensione più intima che vive nelle camerette, nei saloni e sui divani di casa.
E’ proprio qui che il live diventa condivisione e incontro oltre che semplice ascolto, complice l’aperitivo prima dell’esibizione per un numero di posti limitato.

Per saperne di più non vi resta che ascoltarci in streaming dalle 21.00 su www.radiokaositaly.com o scaricando l’app TuneIn gratuita per smartphone e tablet.

le domeniche i

Martedì 12 Aprile – WHITE CANOTTA ospita “Maupal (Mauro Pallotta)”

0

Martedì 12 Aprile 2016 alle 21:00
Alessandro Giglio& Valerio Nicolanti di White Canotta
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Maupal (Mauro Pallotta)

Romano, classe 1972, Mauro Pallotta conosciuto anche come Maupal è l’ospite di martedì 12 aprile a White Canotta su Radio Kaos Italy.
Con alle spalle studi al liceo artistico e successivamente di Belle Arti, Mauro esercita la sua arte da circa 20 anni. I fari su di lui si accendono in maniera prepotente quando decide di avvicinare quante più persone possibili alle sue intuizioni e per farlo sceglie di usare come superfice per le sue visioni il muro. E’ allora che si firma per la prima volta Maupal anzichè col suo nome e cognome, come aveva sempre fatto in precedenza.
Nato e cresciuto a Borgo Pio, sarà l’incontro fortuito col Santo Padre per le vie del quartiere a ridosso del Vaticano, a dare il la a quello che sarà definito il “Super Pope”! In poche ore l’immagine del Papa Super Eroe fa il giro del globo e da allora Mauro non smette di regalare opere alla sua città ma non solo.

Il graffito raffigurante Papa Francesco su di un muro di Borgo Pio, Roma 28 gennaio 2014. Il disegno e' stato rimosso dall'Ama per decoro ambientale, il 30 gennaio 2014. ANSA/ALESSANDRO DI MEO
Il graffito raffigurante Papa Francesco su di un muro di Borgo Pio, Roma 28 gennaio 2014. Il disegno e’ stato rimosso dall’Ama per decoro ambientale, il 30 gennaio 2014. ANSA/ALESSANDRO DI MEO

Ha vita breve il pezzo di cui parliamo (destino comune di tante opere di street art) ed il primo impatto che l’artista ha su Alessandro di White Canotta è invece l’occhio di Pasolini al Pigneto, proprio a fianco del lavoro di Mr.Klevra su via Fanfulla da Lodi. Non è ironico il passaggio dal Papa a Pasolini? Forse neppure troppo, di certo molto interessante.

160412_white_canotta_Maupal2

Sferzante e ironico nei suoi lavori sempre molto “politici”, sarà interessante scoprire di più di questo artista, Un onore per noi poterlo ospitare e curiosare anche tra i suoi gusti musicali.
L’appuntamento per i curiosi, gli appassionati d’arte e street art e gli affezionati di White Canotta è puntuale alle 21.00 su www.radiokaositaly.com . L’alternativa per seguirci è quella di scaricare l’app gratuita per tablet e smartphone TuneIn se siete a spasso, o di venire a trovarci in vetrina se siete in zona tiburtina a Via Eugenio Torelli Viollier,17 a Roma.

160412_white_canotta_Maupal3

di Alessandro Giglio

Martedì 22 Marzo – WHITE CANOTTA ospita “Meet The Wolf”

0

Martedì 22 Marzo 2016 alle 21:00
Alessandro Giglio& Valerio Nicolanti di White Canotta
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Meet The Wolf

Novità freschissime martedì 22 marzo a Radio Kaos Italy. White Canotta ha il piacere di ospitare Meet The Wolf, band formata a Roma nel 2015,da quattro musicisti che dall’ascolto denotano una decisa, autentica (fuori dalle ovvietà sentite e risentite), tensione all’introspezione.

L’occasione è quella di presentare il loro primo EP “Ourselves” dove si mescolano il rock con l’approccio dell’hard rock inglese e americano, pillole di psichedelia, assemblate in sonorità tipiche del desert rock e dello stoner rock.

I testi in inglese, mai banali, guardano al modello relazionale contemporaneo. Libertà e schiavitù mentali si intersecano senza riuscire a capire dove inizi una e finisca l’altra (Bizzarre Blizzard ne è un chiaro esempio). Tutto l’EP ha un filo conduttore ed a ben vedere, o ascoltare per meglio dire, l’ “Ourselves” del titolo non è un “sè stessi” ma un “noi stessi” con un occhio rivolto all’esterno partendo da sè. Auto comprensione e scoperta dell’io più profondo per ricavare le responsabilità che ne derivano.
L’Ep si avvale dell’ artwork cover ad opera di Matteo Vattani e comprende 5 tracce che ci hanno conquistato al primo ascolto, attento e sparato in cuffia senza soluzione di continuità o quasi.
Per ascoltare White Canotta e scoprire insieme Meet The Wolf basterà digitare www.radiokaositaly.com alle 21.00 di martedì 22 marzo o scaricare l’app gratuita TuneIn per smartphone e tablet. Se siete a Roma fate un salto in Via Torelli Viollier,17 e godetevi la puntata dalla vetrina di Radio Kaos Italy!

MEET THE WOLF:
– Max Leporatti: Voce e Basso
– Flavio Mercuri: Voce e Chitarra
– Manuel Minerva: Chitarra
– Antonio Puledda: Batteria

Contatti:
https://facebook.com/meetthewolf
https://twitter.com/meetthewolf
https://soundcloud.com/meetthewolf
https://www.instagram.com/meetthewolfband/
//www.rockit.it/meetthewolf
https://meetthewolf.bandcamp.com/

Martedì 8 Marzo – WHITE CANOTTA ospita “Andrea Gandini”

0

Martedì 8 Marzo 2016 alle 21:00
Alessandro Giglio& Valerio Nicolanti di White Canotta
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospite: Andrea Gandini

Ci sono gesti semplici, innocui, eppure a loro modo carichi di passione e “rivoluzionari”. Mi viene in mente un post intravisto su facebook qualche giorno fa. La foto di un marciapiede su cui era stato lasciata questa scritta: ” Roma è un salotto da attraversare in punta di piedi. Ama e rispetta la tua città”.
Andrea Gandini, l’ospite di White Canotta martedì 8 marzo è certamente un rispettoso amante della nostra città, nonché artista sensibile. Studente di Belle Arti giunto all’ultimo anno del ciclo di studi, Andrea si sta imponendo all’attenzione prima dei media locali ed ora nazionali. Finiti gli impegni scolastici Gandini occupa il suo tempo libero ridando vita ai tanti tronchi morti che si trovano lungo le strade o i giardini pubblici di Roma.

white_canotta_Andrea_Gandini_1

Una semplicità e un gesto d’amore che può cambiare lo sguardo di chi osserva, una cosa di non poco conto. Le sculture in questione si possono incontrare camminando nel quartiere di Testaccio, all’Aventino e a Monteverde ( fate due passi a Via Jenner). Al momento in cui scriviamo Andrea è a Berlino, chissà che non lasci traccia del suo passaggio anche nella capitale tedesca…
Tra gli interventi di Andrea Gandini non possiamo non segnalare (chi ci segue capirà certamente il perchè), quello molto recente inaugurato il 14 febbraio scorso a Settebagni (Terzo Municipio della Capitale). La stazione è stata oggetto di due nuovi interventi grafici promossi dalla associazione di protezione civile N. S. A. Nucleo Sicurezza Ambientale Roma Nord con la collaborazione della Rete Ferroviaria Italiana nell’ambito del progetto “Arte in stazione – città a colori”.
La banchina direzione Fiumicino Aeroporto è stata decorata da un suo Pinocchio raffigurato nell’atto di scolpire sé stesso da un tronco. Le pareti del sottopassaggio pedonale invece sono state curate da un’artista di fama internazionale: Jericho.

white_canotta_Andrea_Gandini_2

Per seguire la nostra chiacchierata con Andrea Gandini basterà digitare sul proprio pc www.radiokaositaly.com alle 21.00 di martedì 8 marzo. In alternativa scaricare l’app gratuita TuneIn per tablet e smartphone e digitare White Canotta. Ultima opzione, ma forse la migliore per chi è residente a Roma, quella di recarsi in Via Torelli Viollier, 17 e gustarsi la puntata in vetrina seduti sui nostri divanetti esterni!
di Alessandro Giglio

White Canotta è su Facebook: https://www.facebook.com/White-Canotta-555015497912838/?fref=ts
Andrea Gandini è su Facebook: https://www.facebook.com/Andrea-Gandini-1580599942199930/?fref=ts

Martedì 1 Marzo – WHITE CANOTTA ospita “Bol”

0

Martedì 1 Marzo 2016 alle 21:00
Alessandro Giglio& Valerio Nicolanti di White Canotta
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Bol

Il 1 marzo è una giornata particolare anche per White Canotta. Da qualche anno intervistiamo i principali protagonisti della street art romana. Questa volta però portiamo in radio “La Storia”.

IMG_8450

BOL, all’anagrafe Pietro Maiozzi, nasce nel quartiere periferico di Centocelle nel 1970, a Roma, lo stesso di Polite e Vulgar: questa coincidenza non è marginale per spiegare la gioia di aver ospite Bol!

IMG_4094

Nel 1990 è uno dei primi writers di graffiti della sua città e non per niente è il primo romano ad essere intervistato ed avere uno spazio personale, sul più grande archivio di graffiti esistente al mondo (www.graffiti.org). Da allora ci saranno mostre internazionali in location istituzionali, commerciali, private, di quartiere e underground, con artisti alle prime armi e laboratori con ragazzi “borderline” come i detenuti del Carcere Minorile Casal Del Marmo.

IMG_3394

Se volete sapere tutto di Bol, nulla di meglio che andare a sbirciare sul suo sito www.BolGraf.it in cui anno per anno Bol meticolosamente elenca tutti gli interventi e le esposizioni cui ha partecipato con attività a 360 gradi (sarà anche curatore artistico e persino scenografo di graffiti per film). Bol, oltre che lavorare sui tanti muri delle nostre città, disegna e realizza customs interattivi utilizzando pure giocattoli riciclati. E’ certamente tra i più importanti esponenti romani della scena dei designer toys.
Bol parte dallo studio delle lettere per approdare al graffitismo col writing. E’ probabilmente uno dei primi artisti nel suo campo, che aggiungerà dei pupazzi per la necessità di agevolare la fruibilità del suo messaggio. Ecco spiegato l’arrivo dell’ormai arcinoto “Lallo il Pappagallo”, suo marchio di fabbrica!

IMG_2454

C’è però un Bol forse meno noto: quello che continua a lavorare ad una rappresentazione più intimista con i “tubismi”. Se siete curiosi non perdete la mostra “Intimo” scattata il 25 febbraio presso “Officine Nove” di Via Casale Galvani, 9 a Roma (zona tiburtina) che sarà aperta fino al 4 marzo.
A farci compagnia in puntata interverrà anche Monica Pirone dell’associazione culturale che ospita la mostra.

IMG_2282

La scaletta musicale della puntata come sempre sarà a cura di Polite, Vulgar e dello stesso Bol. Per ascoltarci in diretta digitate www.radiokaositaly.com dalle 21.00 di martedì 1 marzo, oppure venite a trovarci in vetrina a Via Eugenio Torelli Viollier, 17 a Roma.

IMG_2222

[title]PODCAST

[/title]

Martedì 23 febbraio – WHITE CANOTTA ospita “Moby Dick”

0

Martedì 23 febbraio 2016 alle 21:00
Alessandro Giglio& Valerio Nicolanti di White Canotta
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Moby Dick

(Foto copertina)

Arte, e street art, sono un connubio ormai rodato a White Canotta. L’ospite di martedì 23 febbraio è Marco Tarascio, in arte Moby Dick.

Marco nasce nel 1978 a Roma, dove vive e lavora. Dopo l’Accademia delle Belle Arti, si dedica da subito alla pittura, prediligendo l’olio su tela, ma utilizzando altre tecniche miste e anche il digitale. Può vantare la partecipazione all’evento collaterale della 53esima Biennale di Venezia. Ha esposto a New York, presso il Jarvitz Center di Manhattan ed in Giappone a Tokyo e Osaka. E’ stato convocato dall’Italians Contemporary per partecipare ad una mostra itinerante tra il Giappone e gli Usa, nell’ambito del progetto “Italian Feelings”.
Moby Dick è affascinato dalla magia e dal senso di straniamento dalla realtà che il Pop Surrealism riesce a infondere in chi osserva l’opera come in chi la produce. Non sfugge il suo tratto ad Alexandra Mazzanti per la quale espone alla mostra “Painted Sound” curata dalla stessa, insieme ad Ixie Darkonn a Pasadena Ca. : il viatico per altre partecipazioni con “la padrona di casa” della Dorothy Circus Gallery.

Moby Dick è attualmente uno degli artisti più importanti in assoluto del Pop Surrealismo italiano e nel nostro Paese è stato l’assistente di alcuni dei più grandi street artist internazionali, come Kobra e Roa.
Alessandro di White Canotta lo scopre per la prima volta al Maam, Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz a Roma dove Moby Dick ha prodotto due opere: “Respect the Ocean” e “Animal Liberation” questa volta insieme a Cristiano Quagliozzi.

moby-dick-1

Interessanti i due pezzi che Moby Dick ha realizzato nell’ambito del Festival Internazionale di Poesia di Strada al Trullo: due volti femminili l’uno in verde, l’altro in viola, si fronteggiano e si scrutano.

moby-dick-2

Sognante” e poetico quello lasciato all’interno del complesso di Santa Maria della Pietà nell’ambito di Caleidoscopio. Una vera bomba, sempre in tema di street art e salvaguardia delle specie animali a rischio, il suo intervento al Labaro per il progetto “Oltre il Muro”.”

moby-dick-3

moby-dick-3 a

Proprio di recente, sabato 13 febbraio, (casualmente ? nella giornata mondiale delle balene) Moby Dick ha lasciato un altro lavoro alla città e precisamente al Monk Club di Roma in cui gli ormai tradizionali protagonisti delle sue opere si affiancano alla musica con la sagoma di Thelonius Monk. L’occasione sarà ghiotta per chiedere all’artista il perchè di questo connubio e quanto la musica sia importante nei suoi lavori. Musica che anche il nostro ospite sceglierà per formare la scaletta della puntata di White Canotta su Radio Kaos Italy.

moby-dick-4

[title]PODCAST

[/title]

Martedì 09 Febbraio – WHITE CANOTTA ospita i “Funeral Mantra”

0

Martedì 09 Febbraio 2016 alle 21:00
Alessandro Giglio& Valerio Nicolanti di White Canotta
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Funeral Mantra

Martedì 9 febbraio arrivano a Radio Kaos Italy, ospiti di White Canotta, i Funeral Mantra.
Nati nell’ottobre del 2010 come cover band suonando pezzi di Black Sabbath, Spiritual Beggars e Kyuss,
nel 2012 iniziano le prime esperienze live come Spiritual Beggars tribute.
Dopo qualche cambio nella formazione, la band registra nel novembre 2013 il primo 4-track demo in studio. Il sound dei Funeral Mantra è un potente mix tra heavy e stoner, all’insegna delle sonorità old school.
La band approda ora finalmente al primo disco (Afterglow), per l’etichetta statunitense Sliptrick Records ; mixato e registrato al Moon Voice Studio (Aq) e mastered by Riccardo “Paso” Pasini al Studio 73 (Ra).
A White Canotta ci faranno ascoltare qualche brano dal nuovo album e ci racconteranno qualcosa in più della loro band. Un aperitivo stuzzicante prima dell’ Afterglow release – show del 19 febbraio al Traffic Live Club di Roma su Via Prenestina.

[title]PODCAST[/title]

Martedì 26 Gennaio – WHITE CANOTTA ospita i “Doomraiser”

0

Martedì 26 Gennaio 2016 alle 21:00
Alessandro Giglio& Valerio Nicolanti di White Canotta
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Doomraiser

Arrivano a White Canotta i Doomraiseril più forte e potente gruppo DOOM italiano sarà ospite martedì 26 alle 21:00.
Si renderà omaggio alla musica e alla grande famiglia del DOOM parlando delle origini e dello sviluppo di uno stile potente come la roccia e ruvido come la polvere.
Celebreranno con noi anche i 10 anni dall’uscita “LORDS OF MERCY” l’album che li ha consacrati come veri,autentici esponenti del DOOM
slower harder drunker !!!

Martedì 15 Dicembre – WHITE CANOTTA ospita “The Prowlers”

0

Martedì 15 Dicembre 2015 alle 21:00
Alessandro Giglio& Valerio Nicolanti di White Canotta
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: The Prowlers

I The Prowlers, ospiti di White Canotta e Radio Kaos Italy martedì 15 dicembre, nascono nel Dicembre del 1996 come Tribute Band degli Iron Maiden. Dopo qualche anno cominciano a dedicarsi alla composizione di brani originali e nel 2003 fanno uscire il debut album “Souls Thieves” (Northwind Records). Nel 2006 pubblicano il secondo Album intitolato “Devil’s Bridge” (Locomotive Records).
Nel 2007 si dedicano maggiormente alla composizione di nuovi brani e nell’Ottobre del 2008 tornano ai Jailhouse Studios (Danimarca) per mixare il loro terzo Album “Re-Evolution” che uscirà in Europa, USA e Giappone il 22 maggio 2009 per la tedesca Pure Steel Records.
Tra il 2010 e il 2013 cambiano più volte formazione, i due chitarristi fondatori del gruppo hanno lasciato, per essere sostituiti da Roberto Franzò, col quale hanno registrato il quarto Album “Point of no return” uscito a Marzo 2013 per la Label Americana “Perris Records”. In seguito, Roberto è stato sostituito da Massimo “Reckless Fable” Canfora e la formazione attuale è composta da Fabio Minchillo alla voce, Massimo “Reckless Fable” Canfora alle chitarre, Alex Vincis al basso, Claudio “Dr. K” Cappabianca alla batteria e voce, Massimiliano “Max” De Stefano alle tastiere.
“Point of no return”, uscito nel Marzo 2013 tramite la leggendaria label Americana “Perris Records” e distribuito in tutto il mondo, sarà al centro dell’intervista di White Canotta al gruppo di cui segnaliamo le più importanti esperienze live.
Nel 2009 Tour Europeo con i Circle II Circle, gruppo capitanato dall’ex cantante dei Savatage Zak Stevens. Nel luglio 2009 Devilstone Festival di Vilnius (Lituania) con headliner i Sepultura e nel settembre 2010 al Total Metal Fest di Bari con i Primal Fear.
Sito web ufficiale: www.theprowlers.com
Pagina Facebook: www.facebook.com/theprowlersband

Example Button Text

Example Button Text

Example Button Text

Martedì 1 Dicembre – WHITE CANOTTA ospita lo “Yama Tattoo Studio”

0

Martedì 1 Dicembre 2015 alle 21:00
Alessandro Giglio& Valerio Nicolanti di White Canotta
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Yama Tattoo Studio

Lo Yama Tattoo Studio, ubicato in via Urbana 62, nello storico Rione Monti a Roma, nasce e si sviluppa negli ultimi sette anni, grazie all’iniziativa del suo fondatore e titolare Welt.
Nel corso degli anni, lo studio, ha avuto il piacere di ospitare e quindi interagire in maniera sinergica con i più grandi esponenti dell’arte del tatuaggio, sia a livello nazionale che internazionale.
La caratteristica principale dello studio, è quella di connettere, oltre all’attività per cui è nato, una serie di altre iniziative artistiche, che spaziano dalla pittura alla musica e pertanto si è avvalso, grazie ai numerosi meet and greet organizzati in sede, di collaborazioni con artisti del calibro di Obituary, Lamb of God, i Goblin di Claudio Simonetti, Satyricon e numerosi altri rappresentanti della scena di livello internazionale.
Lo Yama e Welt in particolare verte su uno stile esoterico/orientale e si avvale anche del supporto di alcuni tatuatori che collaborano con lui tra cui Valerio Scissor che si ispira allo stile tradizionale americano old school.