Martedì 24 Maggio – WHITE CANOTTA ospita “Maurizio Mequio (Muracci Nostri)” e “Violetta Carpino”

0

Martedì 24 Maggio 2016 alle 21:00
Alessandro Giglio& Valerio Nicolanti di White Canotta
@Radio Kaos Italy [via Eugenio Torelli viollier, 17 Roma]
Ospiti: Maurizio Mequio (Muracci Nostri), Violetta Carpino

White Canotta torna a parlare d’arte e di street art col solito sottofondo musicale a scelta dei conduttori e degli ospiti. Protagonisti della puntata di martedì 24 maggio sono Maurizio Mequio, ideatore di Muracci Nostri ( street art dal basso a Primavalle), e Violetta Carpino, artista che relativamente da poco tempo ha deciso di confrontarsi col “muro”.

muracci

Il quartiere di Primavalle è il punto di partenza di “Muracci Nostri” che arriva poi al Santa Maria della Pietà di Roma con “Caleidoscopio” e si spinge fino a Torrevecchia con Fintan Magee.
Muracci Nostri ha portato la street art a Primavalle, coinvolgendo gli artisti come Omino71, Luis Gomez de Teran, Flavio Solo, MauPal, BoL, Mk e Mauro Sgarbi tra i tanti ( tutti passati a White Canotta per altro).
E’ da una citazione del poeta R.Maria Rilke che prende spunto il progetto: “Le parole non sono che muri”.

160524_white_canotta_muracci nostri 3

Tutto ha avuto inizio un’annetto fa in luoghi ben specifici, (da via Federico Borromeo a via Ascalesi), e legati a punti del quartiere dove nel ’52 è stato girato “Europa ’51”, film di Rossellini con Ingrid Bergman, reinventata nell’opera di Omino71. Ora a distanza di tempo Muracci ha visto anche la collaborazione di artisti internazionali come Pixel Pancho e ancor più recentemente con l’australiano Fintan Magee. Che direzione sta per prendere il progetto? Si allargherà oppure no? Ci sarà un Festival di arte di strada a Primavalle? Ce lo dirà lo stesso Maurizio Mequio ai nostri microfoni.

160524_white_canotta_muracci nostri 1

Appena 25 per Violetta Carpino, eppure già un impegno forte e costante nella valorizzazione nel ruolo della donna. Questo almeno stando a quello che abbiamo imparato a conoscere in strada (ma non solo), anche se, ironia della sorte, il “primo muro” su cui ha lasciato il suo segno non fu esattamente su strada. Per Tracce Temporanee, in Viale Parioli a Roma, ci regalò “Le tre età del femminicidio”.

160524_white_canotta_muracci nostri 5

L’abbiamo ritrovata poi a Santa Maria della Pietà con un opera di forte impatto: ” Ascolto fetale” in cui troviamo un corpo di donna incinta e senza volto, con un orecchio sulla pancia. Un’opera che Violetta ha dedicato a Michelina Passarella e Thomas Saxon Mills, due persone che hanno vissuto il disturbo mentale, l’una ai tempi del manicomio e l’altro ai giorni nostri.

160524_white_canotta_muracci nostri 6

Da ultimo il suo intervento a Pineta Sacchetti per Pinacci Nostri con la sua interpretazione di una storia della zona, come in ogni pezzo che a Pinacci va affiorando sui muri del quartiere. Il suo è : “La Balia”. Non scriviamo altro perchè le curiosità in merito ce le toglierà lei stessa in diretta.
Due personalità diverse e diverso il loro modo di vedere l’arte e la street art? Scopritelo in nostra compagnia dalle 21.00 di martedì 24 maggio su www.radiokaositaly.com o scaricando l’app gratuita TuneIn per smartphone e tablet. Se avete modo passateci a trovare in radio a godervi la diretta di fronte alla nostra vetrina con le casse in strada!

di Alessandro Giglio


PODCAST