Novembre: “Ursa”

0

Un nuovo lavoro dei Novembre ormai lo si aspettava da troppo tempo e finalmente, il 1° Aprile 2016 uscirà “Ursa” (“Union des Républiques socialistes Animales”) per Peaceville Records. Di questo album ne avevamo cominciato a parlare durante la nostra intervista al frontman Carmelo Orlando, ma abbiamo potuto ascoltarlo e abbattere ogni timore riguardo la loro assenza e la loro “lontananza” da nuove composizioni.
Ci si poteva aspettare sicuramente qualcosa al loro livello, ma dopo 8 anni di silenzio, la paura di un lavoro un po’ scarno era ben fondata. I Novembre hanno totalmente spazzato via ogni preoccupazione ed ogni insicurezza dalle orecchie e menti dei loro fan. “Ursa” è una ventata di freschezza, raccoglie in sé tutte le melodie caratteristiche della band, unendo il death metal, doom e progressive con dei suoni sublimi ed armonie semplicemente fantastiche; i brani scritti da Carmelo, arrangiati insieme a Massimiliano Pagliuso, non portano mai alla noia e ti catturano di continuo senza mai lasciarti andare. La naturalezza dei cambi di tempo e le melodie rendono l’ascolto simile ad un viaggio dove viene narrato lo sfruttamento dell’uomo verso le altre specie, dominate senza alcun ritegno e ragione etica. La copertina a cura di Travis Smith riassume benissimo il concept che gira intorno a questo fantastico lavoro; i brani di maggior spicco sono senza dubbio la lunga folk/prog/death “Agathae”, “Oceans of Afternoons” con un assolo di sax che vi farà rabbrividire dalla bellezza e dalla dolcezza con cui si fa spazio nel vostro animo, il singolo “Umana” dove vengono racchiuse le radici death/doom di album come Materia e The Blue.
“Ursa” è stato registrato da Massimiliano Pagliuso al Blue Noise Studio ed al PlayRec studio, mixato e masterizzato da Dan Swanö (Opeth, Katatonia, Bloodbath) al Unisound Studios. L’invito ad ascoltare il nuovo album dei Novembre va assolutamente accettato perché potrete capirete quanto una band sia capace di superare sempre le proprie aspettative e quelle dei propri fans, riuscendo a scolpire un’ennesima pietra miliare nella loro discografia a suon di metal ed emozioni.

Giuseppe Negri

Voto: 5/5

Tracklist:
1. Australis
2. The Rose
3. Umana
4. Easter
5. URSA
6. Oceans of Afternoons
7. Annoluce
8. Agathae
9. Bremen
10. Fin

Line-up:
Carmelo Orlando: Guitars, Vocals, Keyboards
Massimiliano Pagliuso: Guitars
Fabio Fraschini: Bass
David Folchitto: Drums
Guests:
Tatiana Ronchetti – Vocals
Paolo Sapia – Saxophone
Anders Nyström – Guitars (Solo)