Traccia corrente

Titolo

Artista

Ora in onda

Ora in onda


LE INTERVISTE DI MIKA SÄPPILO: i Dead End Scene

Eccoci finalmente al terzo appuntamento con le interviste di MIKA SÄPPILO!
Questa volta abbandoniamo le sonorità rock’n’roll delle prime due band e ci avventuriamo in
territorio un po’ più metal con i Dead End Scene!
A colpirmi di loro é stato il mix tra old e new school, questo spirito a tratti epico a tratti
metalcore, un miscuglio decisamente interessante e assolutamente esplosivo in sede live!
Ora lasciamo la parola a loro, che sono stati molto esaustivi nelle loro risposte!

Antonella

Come vi siete incontrati e cosa vi ha portati a decidere di iniziare una band insieme?
Dead End Scene: Beh, Ville (basso) e Sulo (chitarra) fanno musica e suonano insieme da
quando hanno 13 anni, ma non sono mai riusciti a far decollare i loro progetti, per così dire.
Il loro ultimo progetto si é concluso attorno al 2012-2013 e per un anno intero non hanno
fatto niente, a livello di band. Alla fine, nel 2014 Sulo mandò un messaggio a Ville che
diceva “Forse dovremmo riprovarci ancora una volta”. Ed é quello che fecero, iniziando a
formare un gruppo completamente nuovo, che finì per chiamarsi Dead End Scene.
Poco tempo dopo trovammo Mikko (voce). Era arrivato a Helsinki da Oulu per un contratto di
lavoro di sei mesi e voleva trovare una band con cui fare qualcosa durante quel periodo. Poi
peró rispose al nostro annuncio “cercasi cantante” e come per magia tutto andò al proprio
posto. Da allora é rimasto intrappolato qui con noi! Non ricordo neanche se ci sia stato un
momento in cui qualcuno abbia veramente detto “OK, sei nella band!”. Tutti noi sapevamo
che era così che doveva essere.
Abbiamo avuto qualche problema a trovare un chitarrista che andasse bene per la band, ma
una sera Ville e Mikko erano in un bar e incontrarono per caso Olli, un vecchio amico
d’infanzia di Mikko. Si erano entrambi trasferiti a Helsinki nello stesso periodo (un annetto
prima circa) e non lo sapevano! La prima cosa che gli chiese Mikko fu “Hai una band qui?” e
quando Olli rispose di no, Mikko gli disse “Ora ce l’hai!”. E fu cosí che trovammo Mikko.
Dopo aver suonato con un paio di batteristi, finalmente Tuukka entrò nella band in pianta
stabile nel 2019. Fu molto naturale per tutti, perché lo sentivamo già parte della band, gli
serviva solo un po’ di tempo per realizzarlo, haha! Tuukka aveva già suonato con noi
durante un paio di live negli anni precedenti al suo ingresso ufficiale nel gruppo e ha
addirittura registrato le parti della batteria per il nostro ep omonimo, uscito nel 2017!
Un fatto divertente: nella canzone “Bite Of The Underdog”, appena prima dell’assolo, si
sente Tuukka urlare “OLLIIIII!”. Quindi, nello spirito, é sempre stato con noi, anche prima di
diventare ufficialmente membro del gruppo!
Con l’entrata di Tuukka nel 2019, la band ha raggiunto finalmente la sua forma finale!

Quali sono le vostre maggiori influenze, sia sulla scena finlandese che in quella
internazionale?
Dead End Scene: Le nostre sonorità derivano da questo bizzarro miscuglio di influenze che
un po’ tutti hanno. Iniziando dai classici old school quali Metallica, Megadeth, Pantera,
Guns’n’Roses…sai, le basi!
Quindi mixiamo queste basi a sonorità più moderne quali Periphery, Bring Me The Horizon,
Architects, Lamb Of God, ecc…La scena metalcore, insomma. Mikko, specialmente, è
decisamente più “new school”.
Direi che il nostro sound si sta dirigendo sempre più verso questa direzione più “moderna”,
con influenze old school qua e là.
Siamo anche grandi amanti delle buone melodie e, in questo senso, ci siamo sempre ispirati
a band quali Avenged Sevenfold e gli attuali Bring Me The Horizon, ad esempio. Sai,
melodie vocali e passaggi grandiosi ed orecchiabili.
Direi che la nostra più grande influenza, per quanto riguarda il panorama musicale
finlandese, sono gli Stam1na, visto che tutti nella band siamo loro grandi fan.
Sono molto famosi in Finlandia, ma poiché cantano in finlandese, probabilmente non sono
cosù conosciuti all’estero.

Cosa ispira il vostro processo creativo? Come nasce un brano dei Dead End Scene?
Dead End Scene: Qualunque cosa può fungere da ispirazione. Una parte di melodia, un riff,
una linea vocale. O qualcuno che sente qualcosa di suggestivo in un’altra canzone, o nella
colonna sonora di un film, ecc…O qualcuno che dice “Ho sempre voluto comporre una
canzone così” o “Vi ricordate quel riff allucinante di quel vecchio pezzo, dovremmo farci
qualcosa!”
Di base il nostro processo è questo: per prima cosa, Sulo e/o Mikko creano le demo (che nel
nostro caso sono già molto buone, qualitativamente parlando) e quindi le mandano al resto
della band. A volte le canzoni ci mettono un po’ più tempo a prendere la loro forma finale, a
volte lasciamo solo alcune parti del pezzo originale, a volte tutti sono già soddisfatti delle
prime demo. Quindi procediamo a registrare il pezzo nella nostra sala prove, che funge
anche da sala di registrazione. Perciò é un processo molto semplice e diretto con questa
band, visto che non dobbiamo pensare di prenotare lo studio o niente del genere.
Non vogliamo neanche limitarci ad un determinato genere o sound. Se é fico e suona come
Dead End Scene, lo facciamo. C‘é sempre qualche purista che dice che é troppo questo o
non abbastanza quello, troppo pesante, troppo pop, troppo sinfonico, bla bla bla,
Semplicemente, non ci importa. Siamo fieri del suono unico che abbiamo creato e potete
chiamarlo come vi pare.
Noi lo chiamiamo Dead End Scene.

 

Come sono le scene rock e metal finlandesi oggigiorno?
Dead End Scene: Penso che la scena sia la più forte degli ultimi dieci anni, più o meno.
Così tante nuove band interessanti che saltano fuori e molte band che hanno iniziato con noi
finalmente stanno iniziando ad essere messe sotto contratto e a crescere in popolarità e a
pubblicare album, e siamo orgogliosi di ognuna di loro! Ogni gruppo che diventa famoso in
un piccolo paese, con una scena piccola, come la Finlandia, é una vittoria per tutta la scena!
Inoltre ci sono sempre più persone che vanno ai concerti dopo la pandemia. Ad esempio, il
nostro primo concerto dopo la parte peggiore della pandemia, lo scorso ottobre, ha fatto sold
out. Quindi é chiaro che il pubblico è affamato di musica live.
Penso che la scena finlandese sia stata molto rinvigorita dal successo e dall’esposizione
mediatica dei Blind Channel all’Eurovision. Credo sia stata una cosa grande per tutta la
scena e molto probabilmente porterà le scene rock e metal finlandesi ad avere più
attenzione non solo in Finlandia, ma anche all’estero.

Com’é il futuro per i Dead End Scene?
Dead End Scene: Molto buono! Al momento siamo nella parte più frustrante, l’attesa. Le
contrattazioni per il contratto discografico sono ancora in corso, ma il processo di sistemare i
contratti e mandarli avanti e indietro tra casa discografica e il nostro management é lento e
fuori dal nostro controllo. Dunque, tutto quello che possiamo fare come band é aspettare e
fidarci del processo e del nostro management, pertanto non abbiamo date da annunciare
riguardanti nuova musica o altro. L’abbiamo fatto in passato e abbiamo finito per sembrare
degli sciocchi quando le cose non sono andate nel modo in cui ci aspettavamo, haha! Quindi
ora è più sicuro starcene zitti e condividere notizie quando avremo qualcosa di concreto da
annunciare!
Ma siamo stati super creativi durante la pandemia e abbiamo già abbastanza materiale per il
secondo album e ce ne avanza pure! Ora siamo nella fase di lavorazione di quelle canzoni,
così, quando finalmente pubblicheremo il nostro album di debutto, saremo già un passo
avanti, per così dire.
Quindi speriamo di aver buone notizie riguardanti la nostra musica da condividere il prima
possibile!
Grazie mille per il tempo che mi avete dedicato, non vedo l’ora di vedere cos’avete in
serbo per noi!

I Dead End Scene sono:
Mikko Kylmanen: Voce
Sulo Hohko: Chitarra
Olli Salmi: Chitarra
Ville Rautakorpi: Basso
Tuukka Hanhiniemi: Batteria

Link utili:
http://www.linktr.ee/ DeadEndScene
Spotify: DEAD END SCENE
https://open.spotify.com/artist/0u51A9DAybVzjZtLb7nO3n?si=15kC_A9cRDGhCXo4vaE-cQ
Instagram:http://www.instagram.com/deadendscene
Facebook: http://facebook.com/deadendscene

Antonella Freja Zecca