Traccia corrente

Titolo

Artista

Ora in onda

FRAPPAPPERO

21:00 23:00

Ora in onda

FRAPPAPPERO

21:00 23:00


WOMAD 2023. IL FESTIVAL DI PETER GABRIEL APPRODA A ROMA!

WOMAD 2023. IL FESTIVAL DI PETER GABRIEL APPRODA FINALMENTE A ROMA!

DAL 9 ALL’11 GIUGNO IL VILLAGGIO GLOBALE DI VILLA ADA SARA’ PALCOSCENICO PER ARTISTI, PROVENIENTI DA TUTTO IL MONDO, E WORKSHOP, PRONTI A RACCONTARE E RIFLETTERE SU IMPORTANTI TEMATICHE SOCIALI E AMBIENTALI.

AD APRIRE L’EVENTO IL 7 GIUGNO, ALL’AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA “ENNIO MORRICONE”,  SARANNO I CONCERTI DELLA CANTANTESSA CARMEN CONSOLI E DELL’ARTISTA MARIZA

 

Da sin. Roberto Grossi, Presidente GLOBART, Chris Smith, Direttore WOMAD, Valentino Saliola, Presidente HELIKONIA EVENTI

 

#WomadRoma è realtà!

Ieri mattina, 16 maggio, a Palazzo Valentini, la presentazione del Festival, ideato nel 1980 dal musicista Peter Gabriel, è avvenuta alla presenza oltre che degli organizzatori, Helikonia Eventi e Globart, che si occuperà di tutta la comunicazione; e dei collaboratori: Arci Roma; Artemedios; Rai Radio 1 ; InsideArt; Atac; l’Alcazar anche degli Amministratori del Comune di Roma: l’Assessore alla Cultura Miguel Gotor, l’Assessore ai grandi Eventi, Sport, Turismo e Moda Alessandro Onorato, Mariano Angelucci Presidente XII Commissione Capitolina di Roma Capitale e Erica Battaglia Presidente VI Commissione Capitolina.

Il WOMAD, da 40 anni, è il più prestigioso e importante Festival al mondo di World Music e nuove tendenze, un successo planetario che ha nel suo DNA continua sperimentazione e ricerca musicale. Per favorire l’integrazione tra diversi generi e sonorità, in nome della libertà espressiva e della valorizzazione delle identità presenti in ogni angolo del globo, con un’attenzione particolare ai paesi in via di sviluppo.

 

 

In apertura, l’ Assessore alla Cultura, Miguel Gotor, spiega perché credere fortemente in tali progetti:

“Questo Festival ha 40 anni di storia alle spalle e porta con sè un messaggio di integrazione, di tolleranza che passa attraverso la musica e le arti; si propone su scala globale, internazionale di promuovere la cultura della diversità perfettamente nello spirito con il quale ci stiamo impegnando con l’assessore Onorato, con gli organizzatori, con i consiglieri e con la Presidente della Commissione Cultura, Erica Battaglia, di fare di Roma un crocevia di queste esperienze internazionali che si servono della cultura e della bellezza come grande manifesto e veicolo promozionale

L’evento mondiale approda finalmente per la prima volta a Roma, dopo dieci anni di trattative non andate finora mai a buon fine, come sottolineato dall’ Assessore ai grandi eventi, sport, turismo e moda, Alessandro Onorato:

“In una città complessa, dalle potenzialità uniche, quando ci credi alle cose si hanno dei risultati; questa è la differenza fondamentale tra teorizzare e concretizzare una Città. (…) In questo anno e mezzo c’è stata una grandissima ripresa degli appuntamenti culturali, artistici, dei grandi appuntamenti della moda, dell’arte, dei concerti. Nel 2022. lo scorso anno Roma, dopo 11 anni, è tornata ad essere la prima Città d’Italia per biglietti venduti nella stagione concertistica, oltre 2 milioni di biglietti venduti, 500.000 in più di Milano. Immaginate il valore culturale, lavorativo, economico, sociale della Città. E questo avviene a pochi mesi di distanza da una pandemia drammatica che ha travolto in particolar modo tutti i settori educativi, aggregativi, culturali, artistici. Tutti noi qui vogliamo dare un impulso forte a quello che è un po’ il DNA di questa Città.”

 

Da sin.  Mariano Angelucci, Presidente XII Comm. Cap.; l’ Ass. re ai Grandi Eventi, Sport, Turismo e Moda Alessandro Onorato;

l’ Ass.re  alla Cultura di Roma Miguel Gotor; Valentino Saliola

 

L’ORGANIZZAZIONE

L’edizione romana del WOMAD 2023 è affidata a HELIKONIA MUSIC&EVENTS, una realtà presente a Roma dal 1992, che svolge un’intensa e poliedrica attività di produzione e edizione musicale e che negli anni si è specializzata nell’organizzazione di eventi e concerti live, in sinergia con Musica per Roma e Auditorium Parco della Musica.

Ad illustrare il Villaggio Globale di Villa Ada e il programma del Festival è intervenuto Valentino Saliola di Helikonia, molto emozionato perché vede realizzarsi uno dei suoi sogni più grandi e soprattutto di aver potuto renderlo fruibile a quante più persone possibile, grazie al suo prezzo davvero popolare.

 

Qui sotto il sito dove trovare le info su programma, orari e biglietti

https://www.womadroma.it/  

e di seguito il QR per i dettagli con le informazioni sui concerti e i workshop

  

LE ATTIVITA’

A coordinare Womad Roma è l’Ass.ne GlobArt, incaricata anche della comunicazione. Il suo Presidente, Il Prof. Roberto Grossi, ha commentato tutte le attività di workshop che si succederanno dalle 11:00 alle 16:00 al Villaggio Globale di Villa Ada:

“ Quando mi è stato proposto da Valentino (Saliola) di dargli una mano non ci ho pensato su molto. Womad è unico! Perchè la musica, l’ arte non sono il fine dell’attività; lo spettacolo non è importante per lo spettacolo ma trasmette dei valori di cui abbiamo tutti bisogno, di cui tutti parliamo e sulle quali però bisogna innescare il cambiamento. L’ immagine video che ha curato Sabrina Taddei nella quale c’è un leone, il simbolo del Womad, si è incentrata sullo sguardo dell’animale a richiamare la responsabilità individuale di ciascuno di noi ai valori di cui è portatore Womad. Questo leone che rappresenta la natura, il richiamo forte a  temi, vive su una filigrana che è che quella di Michelangelo Buonarroti in piazza del Campidoglio, cioè quella dell’uomo rinascimentale, cioè la civiltà e la natura devono andare di pari passo, questa è la scelta del Progresso.  Tutte le attività sono una parte fondamentale di questo percorso perché mirano a fare in modo che attraverso il gioco, la partecipazione, il pensiero la riflessione si acquisiscano quelle energie di cambiamento portate nel mondo da Womad.”

Le persone e le famiglie che raggiungeranno la location, oltre a trovare un’area attrezzata per il food and beverage, saranno coinvolti nelle esibizioni e nei laboratori che scuole e accademie prestigiose offriranno come evento:

LA LOCATION

Quanto alla location, nessun dubbio!  La scelta di installare un Villaggio Globale a Villa Ada è stata dettata dalla vocazione del luogo stesso, come dice il Presidente di Arci Roma, Vito Scalisi:

“Quando l’organizzazione ci ha chiesto quale fosse il posto più adatto dove ospitare il Festival noi di Arci Roma abbiamo subito individuato in Villa Ada la cornice più adeguata, perchè negli anni passati è già stata attraversata per tantissimi anni dalla world music, nel progetto Villa Ada incontra il Mondo, e da una sperimentazione artistica, già condivisa con Womad negli anni ’94 ’95 ’96, che sono stati gli anni della seconda, terza e quarta edizione del progetto che esaltava l’incrocio musicale e portava a Roma una diversificazione di contenuti artistici provenienti da ogni parte del mondo.”

Da dx. Vito Scalisi, Presidente Arci Roma; Erica Battaglia, Presidente VI Comm. Cap. di Roma Capitale

 

CI SARA’ ANCHE PETER GABRIEL?

Non sono mancati ovviamente i saluti da parte di Peter Gabriel, che non ha ancora svelato la sua partecipazione fisica all’edizione romana. Con un videomessaggio, il musicista inglese ha detto che non vedeva l’ora di portare il Womad a Roma, ribadendo che è un  Festival antirazzista e che il Womad si assume un ruolo importante nel portare il Mondo al Mondo e aiutare i suoi abitanti a pensarsi come cittadini del mondo

Peter Gabriel, in collegamento video

Concetto affermato dal Direttore del Womad Chris Smith, presente in Sala, che ha ricordato il Tour musicale di Peter Gabriel, che lo vedrà protagonista anche in Italia, che considera come fosse la sua seconda casa. Smith ha accennato alle difficoltà economiche iniziali della nascita del Festival ma che oggi porta tanta soddisfazione grazie alla caparbietà di non aver mai mollato e di aver creduto sempre in questo progetto inclusivo. “Il Womad  – dice –  è la celebrazione di tutti i valori buoni del mondo, delle similitudini:  il mondo è come un’unica comunità. L’arte è cultura! E garantire ciò si può solo lavorando sodo soprattutto in contesti come questo. E’ importante la formazione che offre il Womad sulla diversità e il multiculturalismo e perciò mi auguro una viva e numerosa partecipazione all’evento di tante persone e famiglie”